Magazine Cinema

Festival delle Scritture Cinematografiche Pigneto 2011/2012: il programma

Creato il 28 dicembre 2011 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

Festival delle Scritture Cinematografiche Pigneto 2011/2012: il programma

 

Nuovo appuntamento per il Festival delle scritture Cinematografiche Pigneto 2011/2012, ideato e realizzato da Alphaville Cineclub con il contributo del Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali e la Regione Lazio, giunto alla sua 8° edizione. In programma nei giorni 29 dicembre 2011 e 18/22 gennaio 2012 ed in collaborazione con  la Federazione Italiana Circoli del cinema e l’Associazione Culturale Homo Faber, da sempre svoltosi nei luoghi del Pigneto con crescente partecipazione tuttavia dell’intera città, il Festival, sin dalla sua nascita, favorisce la vocazione, l’esperienza e la tradizione artistica del Municipio 6 del Comune di Roma, conosciuto dai cinephìle e non solo quale luogo del neorealismo italiano e del percorso pasoliniano anni ‘60. Sin dall’ideazione, la caratteristica distintiva che Alphaville ha voluto imprimere alla ormai storica Manifestazione è il fortissimo legame con il territorio: un rapporto di scambio bi-direzionale, poiché si augura possa fungere da memoria della tradizione artistico/cinematografica ed altresì da motore per l’ulteriore sviluppo culturale del territorio.

La Manifestazione “Festival delle scritture cinematografiche Pigneto 2011/2012” nasce dalla volontà del Cineclub Alphaville di proporre l’arte del cinema attraverso la parola scritta prima e dopo l’immagine in movimento, sia essa soggetto, sceneggiatura, articolo, saggio, completata da proiezioni e performances artistiche nonché dall’incontro con autori ed addetti ai lavori. Sono previste, come da tradizione del Festival, presentazioni di novità editoriali relative al mondo della celluloide, focus a cura di critici e studiosi del cinema, spazi d’intrattenimento legati al tema scelto per questa ottava edizione.

Nel corso delle giornate sono annunciate retrospettive tematiche o monografiche tutte alla presenza degli autori.

Fa piacere sottolineare che il progetto di un intero Festival dedicato da Alphaville alla decima arte risponde alla finalità di far conoscere allo spettatore cinematografico abituale e non i passaggi fondamentali che permettono ad un’idea di divenire “immagine in movimento”, suggerendo una consapevolezza critica più nuova ed immediata rispetto ad altri mezzi di comunicazione.

Il Tema del Festival 2011/12: I set di Roma

Roma tra finzione e realtà, come ce la ricordiamo nei film e come è diventata oggi: questo il tema del Festival delle scritture cinematografiche 2011/12, tema che ha preso spunto e vigore dal recente documentario Voi siete qui di Francesco Matera, ospite essenziale dell’evento in compagnia del protagonista, il critico Alberto Crespi, selezionato, in collaborazione con il Sindacato Critici Cinematografici, quale Evento Speciale delle Giornate degli Autori all’ultima edizione della Mostra di Venezia.

L’idea di Alphaville Cineclub è appunto quella di attraversare la Città Eterna alla ricerca dei luoghi, famosissimi o meno conosciuti ma in ogni caso insoliti e suggestivi, resi famosi dalle pellicole di grandi autori del cinema, quasi un road movie metropolitano affascinante a chiunque abbia nel cuore l’ indimenticabile atmosfera di questa città unica al mondo.

Ogni giornata prevederà dunque un itinerario filmico attraverso i quartieri più ‘cinematografati’ della città, dalle numerose e variegate periferie urbane al centro storico, set di pellicole famosissime ed eterne, dai quartieri popolari, in primis il Pigneto ancora oggi molto amato dai registi, alle strade di raccordo extraurbano, senza dimenticare, nella selezione, i nuovi documentari indipendenti, i lungometraggi di giovani autori e gli sceneggiati della tv anni ’70 che hanno permesso a tutta la penisola di poter fare un viaggio ipotetico tra i monumenti, gli scorci, le piazze di Roma, patrimonio emozionante  di tutti!

Il Cinema a Roma, cronista di vita

Dunque i rapporti tra Roma ed il cinema, sin dalle origini della sua storia, sono sempre stati molto stretti.

Vero grande cronista della nostra città, il cinema ha attraversato decenni di storia e di intrecci di vite e di atmosfere grazie all’incredibile numero di set che Roma ha ospitato sin dagli inizi del secolo scorso… Come dimenticare Cinecittà e la sua produzione d’epoca, le strade ed i portoni del neorealismo italiano da Ladri di Biciclette, a Roma città aperta in Via Montecuccoli, a Bellissima, il sottoproletariato anni ’60 di Pier Paolo Pasolini, le ipotesi avveniristiche di Elio Petri, autore della Decima Vittima, a Villa Borghese, le visioni felliniane in giro per le piazze e le vie del boom, i film di genere anni ’70, il quartiere Coppedè e Dario Argento, la Giornata particolare di Marcello e Sofia nel condominio Federici di Via XXI aprile, il bar di Piazza Venezia dove trovare il Gigi (Proietti) di Febbre da cavallo, il lungotevere di Verdone, la sopraelevata di Piazzale Prenestino e del Borghese piccolo piccolo, la mitica Via Margutta 51 di Vacanze Romane, il Pantheon secondo l’occhio estremamente artistico del canadese Greenway…

Esempi di Storie, piccole e grandi, girate da registi più e meno famosi, sono passate e passano tuttora da Roma, raccontando non soltanto la trasformazione di una città ma pure lo scorrere del tempo di un Paese intero, di cui Roma da sempre rappresenta una sintesi davvero sorprendente.

Le proposte ‘romane’ di Alphaville

Le proposte di Alphaville Cineclub relativamente al tema I set di Roma, tema guida dell’ottavo Festival delle scritture Cinematografiche Pigneto 2011/2012 risultano essere tra le più versatili, curiose, particolari, storiche, contemporanee ed in ogni caso necessarie tra l’enorme produzione di pellicole sino ad  oggi ambientate nella città di Roma.

Le sei giornate del Festival saranno costruite secondo una vera e propria mappa cinematografica della città, dove ad ogni quartiere essenziale per i set cinematografici ospitati nel corso del tempo verranno associati lungometraggi e documentari del passato e del presente accompagnati da autori, critici, studiosi del cinema, cast che ne descriveranno l’importanza filmica ma anche storico-sociale, proponendo allo spettatore le chiavi di lettura al fine di storicizzare e gustare appieno anche le visioni più  nuove e meno conosciute…

Accanto alle sezioni retrospettive preserali e mattutine dedicate ai capolavori del passato quali Roma o Il ventre dell’architetto sarà dunque possibile assistere ad incontri e visioni del presente, dai documentari Figli di Roma città aperta e Voi siete qui, tutti alla presenza degli autori ma pure accompagnati dall’introduzione di critici molto seguiti dal pubblico quali Franco Montini e Alberto Crespi, alla proposta di film di finzione contemporanei quali Et in terra pax e Chi nasce tondo, sempre accompagnati dai rispettivi autori, dai set inusuali a stento riconoscibili dei film di Petri proposti in rassegna alle tensioni fantascientifiche di un cult anni ’70 quale Macchie solari di Armando Crispino, introdotto da Francesco Crispino, figlio dell’autore e storico del cinema a sua volta, dal grottesco Enzo Iannacci a caccia d’udienza nel film omonimo del ‘regista’di pancia’ Marco Ferreri, al giovane Garrone di Un’estate romana, ambientato in una Piazza Vittorio multietnica di qualche anno fa, senza dimenticare la deliziosa carrellata che il giornalista Antonio Dolivo, autore dell’ultimo Castoro Cinema dedicato a Carlo Verdone, dedicherà ai set di uno dei registi più amati dagli spettatori romani tout court!

Lo spazio riservato alle letture cinematografiche proporrà testi dedicati al tema del Festival, spaziando tuttavia al luogo come metafora filmica grazie agli interventi dei docenti universitari Andrea Minuz e Angelo Moscariello.

La rivista di settore Close up diretta da Giovanni Spagnoletti, rinnovata e giunta alla sua seconda uscita cartacea, si occuperà di raccontare i più nuovi documentari italiani grazie al giovane contributo del caporedattore Simone Ghelli.

E non mancherà, ad inizio Festival, un recital di canzoni da film tratte dal più conosciuto ed indimenticabile repertorio cinematografico romano a cura di Patrizia Berlicchi ed Eugenia LaTorraca.

29 dicembre 2011, 18 – 22 gennaio 2011

ore 18.00 – 1.00, ingresso libero

Biblioteca Goffredo Mameli, Alphaville Cineclub, Sala Vignoli, Centro Anziani Via De Magistris

Info: 

cineclubalphaville.it

[email protected]

3393618216 – 3388639465


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog