Magazine Cinema

Fog (1980) di John Carpenter

Creato il 31 luglio 2013 da Lago72
thefog
Lo confesso subito, così ci togliamo il pensiero: sono un fan di Carpenter, e sono un fan di questo film.
Fog segue il fantasmagorico successone di Halloween ed è unanimamente considerato un film minore di Carpenter: e sicuramente il budget a disposizione del regista è da film di serie B, non certo da film hollywoodiano (ma più alto rispetto al precedente Halloween). Però, a mio parere, considerare “minore” un film di Carpenter è una fesseria, perchè è in tutto e per tutto un film che si inserisce nei canoni carpenteriani. Non rappresenta un “caso isolato” nel cinema carpenteriano, tutt’altro.
E’ un film “di fantasmi” classico, dove la fa da padrone più l’atmosfera che lo splatter, un film dove non è il sangue a dare i brividi ma, come nelle vecchie storie sui fantasmi, l’ambiente che circonda la storie, quelle ombre avvolte dalla nebbia che cercano la loro vendetta. E non è facile.
Le produzioni moderne vanno incontro ai gusti dei ragazzini di oggi (o forse è il contrario?), e nascono così film adrenalici e videoclippari senza un minimo di atmosfera, dove lo steoreotipo la fa da padrone insieme con il sangue e l’azione. Nient’altro. E a chi è abituato a questi film osceni ovviamente un prodotto come Fog non può piacere, perchè ne è l’esatto contrario.
La cittadina sul Pacifico di Antonio Bay si appresta a festeggiare i cento anni dalla fondazione, ma proprio la notte dell’anniversario i fantasmi di un vecchio crimine, compiuto dagli antenati degli attuali abitanti di Antonio Bay, ritornano e pretendono la vendetta.
E vendetta sarà, accompagnata da una splendida fotografia, da inquietanti immagini notturne, e dalla nebbia che avvolge la vendetta.
Splendide le immagini del faro, ed in generale le locations (le esterne sono state girate esattamente a Point Reyes, nel nord della California), bravi gli attori (tra cui Adrienne Barbeau, all’epoca moglie del regista stesso, la scream queen Jamie Lee Curtis, la mano del maestro Carpenter è evidente (anche nelle musiche, come in molti suoi film le musiche sono dello steso regista).
Il mio consiglio è di non prestare molta attenzione al processo di demitizzazione che il suddetto film ha subito negli ultimi anni, e godersi un gran bel film fatto da un vecchio maestro che sa tanto di cinema, e quindi fatto come Dio comanda. I videoclip lasciamoli a chi non capisce nulla di cinema.
Un film da vedere (e rivedere), la sera, magari da soli, per chi ha voglia di sentire una vecchia storia di fantasmi (non a caso il film inizia con un vecchio lupo di mare che racconta un racconto “di paura”).
Voto 8.5
Da amante sfegatato di questo film ho naturalmente provato a vedere il remake del 2005, The fog - Nebbia assassina. Trattasi di un rifacimento dell'originale adattato ai gusti dei teenagers odierni. Non mi stancherò mai di ripeterlo: questo assurdo inseguire i gusti immaturi e devastati da anni di visioni di videoclip, videogiochi e scenette idiote da mtv è molto pericoloso per il Cinema, quello vero.
Piccola chicca: lo script originale del film!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Codice Magnum (1986)–John Irvin

    Codice Magnum (1986)–John Irvin

    La magia degli anni 80 è rappresentata anche da film come questo che fanno dell’azione il loro punto di forza. Non avevo mai visto Codice Magnum prima d’ora e m... Leggere il seguito

    Da  Suerte77
    CINEMA, CULTURA
  • John Carter – Andrew Stanton

    John Carter Andrew Stanton

    12 marzo 2013 Lascia un commento Un ricco signore, ex capitano della guerra di secessione, muore e il giovane nipote divenuto erede universale, sara’ l’unico a... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Intervista a John Carpenter

    Intervista John Carpenter

    Vi avevamo promesso che il 700esimo post di nehovistecose sarebbe stato qualche cosa di importante, e ora possiamo dire di avercela fatta. Leggere il seguito

    Da  Nehovistecose
    CINEMA, CULTURA
  • John dies at the end

    John dies

    Regia: Don CoscarelliOrigine: USAAnno: 2012Durata: 99'La trama (con parole mie): la salsa di soia, una nuova, potentissima droga, apre le porte della percezione... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Alba Rossa - John Milius

    Alba Rossa John Milius

    One thing's for sure now... No one can ever go home again. Never. Ho già citato, credo un paio di volte, Alba Rossa nel corso di questa rubrichetta. Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Distretto 13 – Le brigate della morte (J. Carpenter,1976)

    Distretto brigate della morte Carpenter,1976)

    (1 voti, media: 5.00 su 5) Loading ...Condividi! Gialli e thriller in DVD su Amazon.it Il racconto di una giornata di normale guerriglia nella città di New... Leggere il seguito

    Da  Salcapolupo
    CINEMA, CULTURA, MUSICA
  • John Dies at the End

    John Dies

    USA 2012 Titolo Originale: John Dies at the End Regia: Don Coscarelli Sceneggiatura: Don Coscarelli Cast: Chase Williamson, Rob Mayes, Paul Giamatti, Clancy... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA

Magazines