Magazine Poesie

Francesco Maria Tipaldi, Luca Minola: due prove

Da Narcyso

Francesco Maria Tipaldi, Luca Minola, IL SENTIMENTO DEI VITELLI, Edb edizioni 2012

*

Francesco Maria Tipaldi, Luca Minola: due prove
Il dato percettivo piú immediato dei testi di Francesco Maria Tipaldi é il carnascialesco della vita, la promiscuitá sensoriale del darsi in pasto alla vita. “Il sentimento dei vitelli”, infatti, credo sia quello che le persone in formazione provano prima della sapienza dei profeti, anche se esiste una intelligenza della giovinezza che non ha ancora nome e che si scopre molto dopo, a giochi giá fatti – l’amore mette le ortiche nelle mutande -
Nell’essere scelti, dunque, giá dalle prime prove, da un registro che mette in gioco il turgore e la lotta frontale, per cui si é subito sconfitti o subito vincitori, si ha come conseguenza che non ci si puó imparentare alla morte prematura e al distacco – francesco/ maria cantare si deve al contrario/non avrai nostalgia, né tantomeno/avrai ricordi – p 18.
Che cosa puó rimanere, allora, di una vita che, per non conoscere le stigmate del dolore, rinunci al ricordo? – ma si puó avere ricordo, poi, senza provare nostalgia? -: innanzitutto la pratica dell’insistenza, la disciplina dell’attenersi al compito di non durare: “noi avemmo il privilegio di non/ durare/ricordi?”, p 20, che é la posizione assertiva del mantenersi in un vitalismo costante, tanto più impegnativa quanto piú il tempo del giudizio si appressa, il tempo delle – fottute trombe – quando – sará come essere tutti addormentati/galleggiare nel brodo/uno vicino all’altro/ in eterno”, p 26.
Conta, certo, ció che é stato prima, nel ventre della molle vita, dove piú che il senso, vale l’animale accadere: “- I topi battono la coda nella melma/dove striscio la pancia battono la coda”, p 27.
Giá: la vita sembra costruirsi intorno ai ritagli nel nulla; nella momentanea assenza dell’orco, i bimbi sono chiusi in gabbia in attesa di essere divorati.
Costruita su questa banale quanto tremenda veritá dell’esistenza, che strada potrá prendere la futura poesia di Francesco Tipaldi? Certo, quella di aver scelto come musa impietosa, l’odore delle cose basse, l’aura tragicomica che ispirano gli esseri intravisti nella loro posizione meno naturale e quindi la meno artificiosamente sociale: i culoni bassi delle contadine, le loro mammelle ricurve, rosse come i pomodori che raccolgono, come le mele rosse…
E poi -

…storpi, scatole di bimbi neri,
stitici, scimmie
Partorire, partorire marmocchi -
utero rotto, utero dei fiori, fiore della placenta,
osmosi, lampade a gas.

*

Francesco Maria Tipaldi, Luca Minola: due prove
Luca Minoli é scelto dalla forma sincopata che tutto trattiene, e questo, certo, é il dato superficiale della lettura ad alta voce, mentre risulta piú complessa, ma forse piú esaustiva, la percezione mentale degli spazi bianchi. Questi sono utilizzati in funzione della precisazione di un milieu “paesaggistico” assai presente, da intendersi, mondrianamente, come superficie ordinatamente strutturata e bianca.
Il verso di Minola, dunque, tende a instaurare una lotta silenziosa con l’ angelo del disordine, senza evocarlo, peró, ma affrontandolo con le armi del rallentamento – si tratta di precisare delle strutture, dei destini -
Sono scene, dunque, in cui vediamo avvenimenti psichici o mentali descritti con gli stessi strumenti delle fenomenologie celesti, proprio perché sfuggenti a un ordine, a un significato ordinario.
Cosí, per esempio,

I meccanismi si muovono in richiami,
vibrano lucide le mucose profondissime.

Strofinate a terra, nel sonno della prima fessura
sono controllate nei punti deboli, negli affanni.

Si veda, dunque, il tentativo di descrivere qualcosa che non é descrivibile se non attribuendo a psiche lo stato di meccanismo, quindi in qualche modo prevedibile, anche se non controllabile.

Una materia evidentemente innominabile, é cosí detta:

Le sostanze sono chiare, piene di radiazioni,
portano il filtraggio, lo spurgo
dalle lunghe ore di sonno.

Stati, dunque, misteriosamente in bilico tra quiete e dominio, come due corpi opposti che si fronteggiano, come fosse l’amore l’ago di una bilancia sensibilissimo ai cambiamenti, alle sfasature delle leggi naturali.

Senza emissioni le vibrazione dei sessi
rimangono nell’ordine

ispezionate nel lungo stato di chiarezza.

Non cederá il corpo venuto di pazienza e spazio
nel legno fra le cose esatte.

E quindi il pericolo: (Luce stravolta nello stile).

Ció che si muove, che disequilibra, sembra dunque mostrare una carica eversiva, di pericolo – le cicatrici dei sensi, lo spazio é nocivo, stagni molli, inutili ambienti, catastrofi e centimetri -
Proprio per questo la poesia di Luca Minola ha bisogno di edificare i suoi spazi minimi sulle fondamenta di uno stato di quiete da cui poter osservare i sommovimenti. E questo avviene a giugno, “il minore,/ il più lungo mese nella luce”, mentre tuttintorno “sono pieni di motori nelle braccia/cercano di migliorare il cielo”.

Sebastiano Aglieco


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Maria luisa spaziani

    Maria luisa spaziani

    Lo vedi come l’isola si torce nei suoi venti stasera, con che furia tende a disancorarsi dalle boe profonde del terziario, come anela al volo sparso delle sue... Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Sosteniamo Francesco

    Sosteniamo Francesco

    C’è un bambino siciliano, di Montevago, che ha una rara malattia, e Telethon lo sta aiutando. Ma anche noi, nel nostro piccolo possiamo fare qualcosa. Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Rainer Maria Rilke, "L'innamorata"

    Rainer Maria Rilke, "L'innamorata"

    Questa è la mia finestra. È stato dolce or ora il mio risveglio. Credevo quasi di poter volare. Fin dove giunge la mia vita e ove ha inizio la notte? Leggere il seguito

    Da  Silvy56
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ohi Maria

    Finalmente un’inchiesta, una caccia alle carte, un giornalismo non seduto sulla sedia. Uno scoop. Che lo faccia il giornale più letto d’Italia è una buona... Leggere il seguito

    Da  Marcopress
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ, TALENTI
  • Francesco Casorati

    Francesco Casorati

    Torino photo of a Francesco Casorati "Flying on up…" for Luci d'Artista.Torino foto di una creazione di Francesco Casorati per Luci d'Artista: "Volo... Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, TALENTI
  • Zia Maria

    Maria

    "Ridere... sempre così giocondo/Ridere... delle follie del mondo/Vivere... finché c'è gioventù..."Mia zia amava la musica, e questa canzone in particolare le... Leggere il seguito

    Da  Jessiericetta
    CUCINA, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Papa Francesco

    È riuscito ad ottenere il silenzio di preghiera in pochi secondi. Ha detto: Preghiamo sempre per noi: l’uno per l’altro. Preghiamo per tutto il mondo, perché... Leggere il seguito

    Da  Cinzialuigiacavallaro
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazines