Magazine Cultura

Francesco Renna-"Appunti dal blu"

Creato il 07 marzo 2012 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Francesco Renna-
Francesco Renna è un giovanissimo cantautore che  racconta molto di sé attraverso l’album “Appunti dal Blu”. Dice Francesco: “ In questo disco c’è sudore, ci sono lacrime, risate, tuffi al cuore, luci fioche e ingiallite, sere e notti…” . Stati d’animo comuni a tutti, con la grande differenza che Renna, poco più che ventenne,  è in grado di tracciare bilanci che spesso arrivano più in là, quando il tempo ha permesso di vivere un numero impressionante di dolori e forse pochi piaceri. E non è neppure semplice mettersi a nudo, evidenziare ciò che si ha realmente dentro, mettere in mostra sentimenti che, in particolari stagioni della vita, si nascondono perché considerati segni di debolezza. Francesco ci racconta l’amore, non solo per una donna; ci descrive la guerra, la semplicità dei gesti, il manifestarsi della natura, in bilico tra semplicità, filosofia e frammenti di “sociale”. Nell’intervista a seguire si scopre la scintilla che ha provocato in lui lo scossone musicale iniziale, quel “Sono solo canzonette” di un musicista che ha fatto scuola, quell’Edoardo Bennato che ha anche scritto frasi come : “ … un giorno credi di essere giusto e di essere un grande uomo, in un latro ti svegli e devi, cominciare da zero…”, delusioni che possono essere ricondotte al microcosmo quotidiano, e ogni singolo episodio di questo album, ogni pezzo del mosaico di “Appunti dal Blu”, mi ha riportato all’altalena di umori e situazioni di cui siamo vittime/protagonisti giorno dopo giorno. La musica di cui ci “appropriamo” non dovrebbe solo farci pensare alla bravura di chi l’ha realizzata, ma stimolare le più ampie riflessioni. Saper raccontare in musica tutto ciò non è materia per tutti e quindi… giù il capello davanti alle idee chiare di Francesco Renna e il suo cantautorato rock. Un’annotazione per il brano “Biciclette al Passeggio”. Riascoltandolo  e cercando di entrare nell’atmosfera di una Bologna al risveglio primaverile,  mi è venuto naturale, tra i tanti incontri possibili, immaginarne uno con Lucio Dalla. Di certo si sarebbe preso una lunga pausa per parlare di musica con Francesco Renna.
L’INTERVISTA
Quando e come nasce il tuo amore per la musica? Sono cresciuto negli anni ’90, quindi di conseguenza da bambino ero bombardato da 883, Fiorello, Bud Spencer, Neri per Caso, dei quali conoscevo tantissime canzoni a memoria. Per molto tempo è stato un amore davvero semplice, sempre in secondo piano rispetto al calcio. Spesso i miei familiari mi ricordano che andavo a dormire con il pallone nel letto. Poi con il tempo iniziai a collezionare musicassette, registrando canzoni in radio o comprandole alle bancarelle. Mia madre mi consigliava di prendere lezioni di chitarra, ma io puntualmente rifiutavo categoricamente per non togliere tempo al calcio. Verso i 14 anni però, la cosiddetta folgorazione, a casa dei miei cugini. Mio zio mette su un cd di un certo Edoardo Bennato, “Sono solo canzonette”. Resto sorpreso e incantato da come questa voce strana e buffa riesca ad esprimere qualcosa di mai ascoltato prima. Ironia, fantasia, divertimento, amore, pazzia, tristezza, rabbia... in quelle canzoni c'è tutto. Dopo qualche mese convinsi mio padre a comprarmi una chitarra, una Florentia da 180.000 Lire, con tanto di armonica e reggiarmonica. Da lì cominciò la mia avventura. Ascoltando il tuo album si ha la sensazione che le tue influenze formative siano ampie. Esiste però un riferimento preciso, un musicista o una band che consideri un modello da non perdere mai di vista? È da premettere che tutto ciò che si ascolta in questo album si è evoluto con estrema naturalezza, nonostante ci siano canzoni scritte anche molti anni fa, da adolescente. In una recensione del mese scorso l’autrice scrisse che le tracce “riescono quasi sempre ad autogiustificarsi”. Niente di più vero, ho inteso così il lavoro, volevo che ogni canzone risultasse autonoma e che al tempo stesso facesse riferimento all’ambiente blu(es) da cui provengo. Il rischio è che nel suo complesso possa risultare disomogeneo, ma per quanto mi riguarda era un rischio che andava corso. Quanto al modello / riferimento, dal punto di vista prettamente musicale, non perdo mai di vista il Mark Knopfler degli ultimi anni. Le sue canzoni risultano sempre fresche, soprattutto negli arrangiamenti. Il tema dell’amore è da sempre oggetto di musica e liriche. Pensi che in questo “campo” il cantautore abbia subito una sorta di evoluzione? Quali sono secondo te le differenze maggiori tra Francesco Renna e un autore / interprete di trent’anni fa? Quanto ho desiderato che mi fosse posta questa domanda in questi mesi!! Non sono mai andato particolarmente d’accordo con le canzoni d’amore, per non dire di quello che si ascolta in radio. Ma, come il figlio che non vuole seguire a tutti i costi le orme del padre e poi le ripercorre ugualmente, mi ci sono trovato dentro senza nemmeno saperlo. La verità è che in realtà la stessa “Blowin’ in the wind”, definita fin dalla sua nascita come canzone di protesta, è una canzone d’amore nei confronti dell’essere umano. Quelle che detesto per davvero sono le canzoni di odio oppure le canzoni d’amore preconfezionate. La musica è sempre figlia del suo tempo, quindi se negli anni ’60 in America le canzoni di protesta erano le più scritte e ascoltate, dipendeva da un’esigenza comune. Una persona una volta mi chiese: “Perché non scrivi canzoni come quelle di Guccini, perché non parli di argomenti più importanti?”. Beh, tralasciando il fatto che ognuno scrive quel che gli pare, secondo me in questo periodo storico più che di proteste c’è bisogno di umanità e di coesione. Le mie canzoni in maniera molto sottile parlano di questa tendenza, usando l’amore come pretesto per dire qualcosa di più importante. Ti senti più vicino a Bob Dylan o a Bennato? Si possono amare due donne contemporaneamente, ma il primo amore non si scorda mai... Quanto ti appassionano le nuove tecnologie e i nuovi strumenti, in funzione della tua musica? Ho avuto il mio primo PC a otto anni, un Pentium I da 133 mhz. Tutto ciò che ho realizzato dopo è stata la diretta conseguenza di questo precoce avvenimento, a partire dagli arrangiamenti dell’album. Al momento ho un rapporto molto conflittuale con la tecnologia, in particolare con i social networks. Vorrei avere qualcuno che se ne potesse occupare per me, mentre io nello stesso momento vorrei poter suonare per strada, nei bar, con amici, divertendomi e facendo ciò che mi piace fare per davvero. Per come si stanno mettendo le cose, c’è il serio rischio di diventare una generazione di dattilografi! Che idea ti sei fatto dell’attuale businness che ruota attorno alla musica? È un settore che ha poco a che vedere con la libertà di espressione, bisogna combattere quotidianamente se si vuole riuscire a combinare qualcosa di decente. Comanda il potere, quindi bisogna imparare a nuotare affianco ai pesci più grossi. Spesso mi capita di immaginare l’ambiente del Greenwich Village a New York, negli anni ’60. Si suonava per strada, si entrava in un circuito di persone che amava la musica e scambiava idee ed opinioni. Adesso la realtà è invece molto frammentata, ognuno pensa esclusivamente alla propria sopravvivenza quotidiana. Le tribute band in particolare stanno uccidendo il modo di fare musica, complici coloro che vanno in un locale ad ascoltare cose che già conoscono. Per fortuna esistono ancora delle brave persone, quelle sinceramente interessate alla creazione comune di idee che possano rendere il mondo più bello. Mi racconti un aneddoto particolarmente felice ed uno meno positivo legati alla realizzazione dell’album? Uno dei momenti più belli è stato quando ho comprato il glockenspiel, uno strumento che mi serviva per “Tra passato e futuro”, la traccia numero 3. Mi trovavo a Pozzuoli e appena entrato nel mercatino pensai che lì sicuramente l’avrei trovato, sono quelle sensazioni che si hanno senza motivo. Mi girai a sinistra e ne vidi uno su una bancarella. Ovviamente lo acquistai immediatamente! Per fortuna non ricordo aneddoti negativi, anche se di momenti tosti ce ne sono stati tanti, a partire da quelli in cui mi trovavo da solo e credevo di non farcela. È ovvio che per come sono fatto non avrei mai mollato, ma se non fossi stato supportato da qualche amico non sarei mai arrivato in fondo al percorso allo stesso modo.
Quanto conta l’amicizia quando si lavora in gruppo perseguendo un obiettivo? La maggior parte delle canzoni di “Appunti dal blu” è stata scritta in solitudine, nella mia soffitta, nella mia stanza a Bologna, viaggiando in treno, come una serie di note sparse che piano piano trovavano una forma propria. Il cammino l’ho iniziato da solo, ma con il tempo si sono aggiunte persone fondamentali, senza le quali non avrei combinato nulla. L’amicizia è importantissima perché ti permette di lavorare in un modo molto più rilassato, a volte anche troppo! Quanto pensi possa aver influito la tua terra - e la cultura derivante - nella tua formazione di musicista? Ciascuno è frutto della terra in cui nasce, in un modo o nell’altro. Credo di essere ancora giovane per poter parlare di una cosa del genere, ma per il momento faccio fatica a vedere della sana cultura nella città in cui sono cresciuto, Avellino. Sono un grande appassionato di Delta Blues, Piedmont Blues, Fingerpicking, Folk americano, quindi mi sento molto influenzato da questi generi musicali e culturali, che poco hanno a che vedere con la verde Irpinia. Non escludo però che, se un giorno dovessi andare a vivere nel Delta del Mississippi, potrei innamorarmi della tarantella o della musica melodrammatica napoletana!
E ora un sogno, cosa vorresti ti accadesse, musicalmente parlando, da oggi al 2015? Vorrei crescere ed evolvermi, padroneggiando più linguaggi musicali possibile. Suonare e migliorarsi per me significa apprendere più significati dalla vita e conoscere persone che hanno da dare qualcosa, nella speranza di dare allo stesso tempo anche qualcosa da parte mia.
Note biografiche… Immaginate una soffitta di notte, una luce fioca e una chitarra acustica. Da qui partono le canzoni di Francesco Renna, tra post-it, appunti, lettere, visioni dylaniane, armonie bossanova, ritmi blues e collage di fotografie. La matrice è chiaramente cantautorale, ma l’approccio alle canzoni può benissimo rifarsi a Chris Rea o a Willie Nelson. “Qualche anno fa tendevo a costringere le mie canzoni in una dimensione forzata, che non solo le snaturava, ma contribuiva anche ad ucciderle. Adesso posso dire di aver concesso più spazio ai testi e alle musiche dal punto di vista interpretativo, provando a liberarle, non a impacchettarle”. Se il punto di partenza è una comunissima stanza, possiamo dire che il punto di arrivo è il cuore, nella sua semplicità folk, nella sua profondità brasiliana e nel suo spirito blues. Il modo di parlare di FR è diretto, ma questo non toglie spazio al sogno, anzi lo rafforza, nel coraggio di chi ha ancora la forza di sperare. Francesco Renna nasce in Irpinia nel Gennaio del 1987. Inizia a suonare chitarra e armonica da adolescente. Da allora scrive e canta canzoni. http://www.francescorenna.tk/


 INFO Press Office Manager: Dixie McGuire Phone: +393936707290 Mail: [email protected]
Francesco Renna Mail: [email protected] - [email protected] Official Website: www.francescorenna.tk Facebook: www.facebook.com/francescorenna.fanpage YouTube: www.youtube.com/user/francescorenna
Marco Ruggiero Sound Design Phone: +39825753824 - +393286292673 Mail: [email protected] Website: www.marcoruggiero.it
Blue Garret Sound Mail: [email protected] YouTube: www.youtube.com/user/bluegarretsound
MP3 DOWNLOADS I-Tunes Amazon Songrila Emusic 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • ELTON JOHN, appunti live

    ELTON JOHN, appunti live

    Un paio di ritrovamenti di questi giorni a proposito di Elton John, a cui dedico volentieri questo post. Intanto questa bellissima foto che lo ritrae durante i... Leggere il seguito

    Da  Restoinascolto
    MUSICA
  • Il passo di Francesco

    passo Francesco

    MILANO – La mostra fotografica “il passo di Francesco” propone un itinerario semplice ed efficace composto da 18 scatti in bianco e nero (50×70) dedicati a... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA, EVENTI, MOSTRE ED ESPOSIZIONI
  • Appunti per un Natale Zen

    Appunti Natale

    Ho grande rispetto per il significato cristiano del Natale, benché io non sia cristiano. Questo Natale però vorrei dedicare a tutti voi lettori – cristiani o... Leggere il seguito

    Da  Milleorienti
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Appunti per un 2012 di successo

    In tempi di scarsi denari abbondano i consigli. (Riccardo Bacchelli) Il 2011 non è stato che un altro anno sfavorevole nei vostri confronti? Forse è il caso di... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    ATTUALITÀ, CULTURA
  • Cinema: appunti e ricordi (parte prima)

    Cinema: appunti ricordi (parte prima)

    Scrivere su un blog che parla di cinema significa, personalmente, trasmettere la passione per una forma d’arte che si è imparato a conoscere ed amare da molto... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, CULTURA
  • Appunti e note (prove) per un romanzo

    Appunti note (prove) romanzo

    In principio era blu foresta all'alba, verde nella meridiana assoluta del pomeriggio e nero liquido tutte le notti, nella piana larga delle Terremare. Leggere il seguito

    Da  Patriziacaffiero
    CULTURA
  • Appunti di Abomunismo di Bob Kaufman (estratto)

    12 aprile 2012 Lascia un commento - L’Abomunismo fu fondato da Barabba. Si ispira sulle sue parole in punto di morte: "Volevo stare nel mezzo ma ho un po’... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI