Magazine Cucina

FRITTATA AI PORRI di Dolcipensieri

Da Dolcipensieri

FRITTATA AI PORRI di Dolcipensieri

Un “Dolcepensiero” piaciuto… a mio marito: questa frittata penso sia un classico per molti di voi, io l’ho cucinato solo pochi giorni fa per la prima volta o perlomeno ho aggiunto un bellissimo e sodo porro a delle semplici uova sbattute… sarà così anche la vostra versione? non so’! di una cosa sono certa, a Marco è piaciuta molto e penso proprio che la rifarò magari con qualche aggiuntina. La giornata è sempre molto corta, le ore volano come aeroplanini di carta e fra un impegno e l’altro, riesco ancora a dedicarmi a me stessa: sono infatti le giornate che dedico alla palestra in pausa pranzo dove devo escogitare qualcosa di veloce per il pranzo per evitare che Marco si fermi al bar del centro sportivo. Allora cerco di arrivare per prima in palestra per poi uscire quel giusto per poter mettere in tavola qualcosa di caldo. Le uova le trovo molto pratiche, perfette per pranzi veloci ma pur sempre genuini: ho usato uova fresche di pollaio, più biologiche di così!!! e poi con questi colori inizio a pensare alla bella stagione, non vedo l’ora che arrivi quella brezzolina appena appena tiepida e io rinasco!!!… dal letargo, s’intende!

FRITTATA AI PORRI di Dolcipensieri

INGREDIENTI PER DUE PERSONE

5 uova fresche o biologiche

1 porro grande

2 noci di burro chiarificato

sale e pepe nero

PREPARAZIONE

FRITTATA AI PORRI di Dolcipensieri

Sbattere con una frusta le uova con un pizzico di sale e pepe. Tagliare a rondelle sottili il porro, soffriggere il burro chiarificato in una padella capiente (io prediligo la frittata sottile). Appena sciolto, tuffare il porro e farlo ben brasare. Versare le uova sbattute, farle cuocere bene e appena la frittata è ben asciutta, rigirarla dall’altro lato facendola ben dorare. Servirla tagliata a spicchi o a quadrati accompagnata a degli spinacini e pomodorini conditi con un filo di olio evo e un pizzico di sale e tante scagliette di grana.

FRITTATA AI PORRI di Dolcipensieri



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :