Magazine Politica Internazionale

Frost contro Nixon - Il Duello! La politica di ieri americana con gli occhi della nostra politica di oggi!

Creato il 29 gennaio 2010 da Domenico Marotta
Frost contro Nixon - Il Duello! La politica di ieri americana con gli occhi della nostra politica di oggi!
Il commento signori miei che leggeremo è di Sabato Vinci, un amico nonchè un emergente e brillante politico di un grande partito (non voglio mettere "etichette partitiche" al pezzo... preferisco che il blog sia apolitico... insomma per tutti! Tuttavia per chi volesse sapere di che partito è il nostro scrittore di oggi vi consiglio di visitare la sua pagina su Fb cliccando qui). Sono contento che Sabato non abbia usato tanto il "politichese", linguaggio tanto caro ai nostri politici. Devo constatare - leggendo l'articolo - che il nostro autore è stato capace con grande chiarezza di spiegare in maniera esaustiva la politica by USA dei colorati anni 80 con l'ottica di oggi, caratterizzata da una profonda crisi economica. Che questa recensione sia utile a comprendere i motivi della crisi italiana? Mah!
Il film ripercorre sostanzialmente la storia che si cela nell'intervista fatta dal comico David Frost ai danni del trentasettesimo presidente degli stati uniti Richard Nixon. Toccante è il clima che circonda l’intervista: sembra che l’essenza stessa della democrazia possa dipendere dall'esito di questa intervista.
Frost contro Nixon - Il Duello! La politica di ieri americana con gli occhi della nostra politica di oggi!
Il sentimento patriottico americano sembra così l’anima del lungometraggio: una idealità forte e sovente impegnata nel rigenerare se stessa. In questo caso l’ideale dell’eguaglianza tra gli uomini si traduce nell’abolizione dei privilegi, la quale sembrerebbe essere la sfaccettatura del nazionalismo americano che emerge più nitidamente, e la difesa del modello ideologico-culturale della democrazia nazionale americana è affidata all'improbabile Frost. Una frase molto importante del film è certamente "l'abuso di potere è l'essenza della tirannia".
Frost contro Nixon - Il Duello! La politica di ieri americana con gli occhi della nostra politica di oggi!
Nixon e Frost divengono così protagonisti di una vera e propria battaglia, il comico rivendica le radici della democrazia e rivisita gli sbagli del presidente mentre Nixon è abile a parlare bene di se’ rischiando di riuscire a passare indenne davanti al popolo Americano. La telefonata da parte di Nixon a Frost è il fulcro della battaglia, egli è ubriaco, successivamente sarà sopraffatto da un dubbio su quella telefonata, questo lo porterà a farsi inchiodare quasi da solo. Nixon in questa telefonata ripercorre ciò che lo ha portato a desiderare il potere e ciò che lo ha indotto a volerlo conservare a tutti i costi: il desiderio di rivalsa sui suoi vecchi colleghi del College, superficiali rampolli dell’aristocrazia americana abile a mortificare quanti, non provenendo dai propri ranghi, si accingesse nella difficile impresa di scalare la vetta del successo. Questo aspetto accomuna intervistatore e intervistato.
Il regista fa notare anche l'importanza che la televisione rivestiva già negli anni ’70 quale mezzo di comunicazione di massa: grazie ad essa l’ex Presidente ha l’opportunità di usare la sua dialettica per essere assolto per le sue colpe di fronte all’opinione pubblica americana e mondiale, tuttavia la stessa tv sortisce un effetto atrocemente ‘restringente’, in una intervista si può scrutare il significato della restrizione che l'immagine dà, ad un certo punto Nixon appariva dal volto contratto e faceva davvero compassione. Da questo si comprende l’essenza della “società mediatica” che proprio negli anni ’70 nasceva e all’interno della quale siamo immersi oggi: un mondo dell’immagine più che della sostanza, dell’apparire più che dell’essere (non è un caso che Nixon, conscio della sua colpevolezza, volesse essere assolto pubblicamente apparendo come innocente), dove un gesto vale spesso molto di più di innumerevoli discorsi o di profonde riflessioni.
Questo film mette dunque in risalto come l’apparenza tenda a divenire un bisogno primario dell’uomo contemporaneo che vuole costruirsi una maschera pirandelliana per sembrare più adeguato, o conforme e comunque meglio amalgamabile alla società dell’immagine. Dalla conclusione della seconda guerra mondiale è iniziata una spinta maestosa ad indirizzare i consumi ed a spingerli in maniera nettissima: le migliori condizioni di vita della popolazione permesse da stipendi più alti hanno dato la possibilità di acquistare più beni dando il via, attorno agli anni ’70, alla società dell’immagine. Con quella che è stata definita la terza rivoluzione industriale, ovvero quella del transistor, il mercato si è arricchito delle amatissime apparecchiature elettroniche, ai primi personal computer ai sofisticatissimi palmari di oggi.
Dovremmo però riflettere sul fatto che il culto dell’immagine (che negli anni ’70 stava nascendo e che si è sviluppato negli anni ’80-’90) si sia nutrito in buona parte con soldi quasi sempre presi in prestito nel mondo occidentale: quindi spese in futilità, ovvero in tutti quei beni di consumo, durevoli e non, acquistati esclusivamente per la necessità di apparire, necessità indotta dalla pubblicità e dalle evoluzioni del mondo dei media...
Ora che la pericolosità della corsa sfrenata al consumo sostenuta dal credito è una questione assodata e non solo una preoccupazione di quelli che erano chiamati “profeti di sventura” fino al settembre 2008, data fatidica della manifestazione della crisi finanziaria dei derivati, poi divenuta crisi economica ed infine produttiva, sarebbe forse il momento per l’Occidente di analizzare le molteplici motivazioni che hanno spinto gli occidentali ad indebitarsi oltre ogni misura fino ad innescare una crisi economica senza precedenti, per acquistare null’altro che futilità: futilità che la società dell’immagine e dell’apparire evidentemente aveva connotato come indispensabili.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il ghiaccio e la luce

    ghiaccio luce

    Libri di famosi ed illustri studiosi mi confermano quante scemenze siano state scritte dopo un disastro che alcuni chiamano "diluvio". Leggere il seguito

    Da  Blindsight
    SOCIETÀ
  • la bella, il brutto e il cattivo, ovvero: il melodramma

    Cliccando qui troverete due lettere, una a firma Villani e Moine, l'altra scritta dalla Gambarini. Queste due lettere sono la risposta alle dimissioni di Massim... Leggere il seguito

    Da  Pierrebarilli
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La Francia contro il burqa

    Francia contro burqa

    IL 12 MAGGIO il consiglio dei ministri discuterà il divieto totale di portare il burka sul suolo francese. In Francia le portatrici di burqa sono poche migliaia... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI, SOCIETÀ
  • Il Tempo e la Statua greca

    C’è qualcosa di non detto, in ogni inizio di un nuovo anno; c’è qualcosa di non detto, in ogni “buon anno”, ripetuto ogni 365 giorni della nostra vita! Si tratt... Leggere il seguito

    Da  Pinomario
    SOCIETÀ
  • La sindone e il culto delle reliquie

    Documento sulla sindone delle comunità cristiane di base del Piemonte"Non è qui, è risuscitato!" (Lc 24,5-6)Abbiamo un sincero rispetto delle molte migliaia di... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Il potere e la gloria

    potere gloria

    Anno Zero ha trattato ieri il tema della  pedofilia nella chiesa. Alcuni spunti di riflessione: 1) E’ stato rimarcato che si tratta di un fenomeno minoritario.... Leggere il seguito

    Da  Famigliacolori
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Il telefono, la tua spia

    telefono, spia

    Va bene, non potremo sapere più nulla dai giornali sui vizi pubblici che guastano la società, perché sono vietate le notizie da intercettazione telefonica. Leggere il seguito

    Da  Antonio_montanari
    SOCIETÀ