Magazine Cinema

Fu così che Dio sbatté contro un muro. Big Bang Big Boom

Creato il 18 gennaio 2011 da Ultramagneticglow
Fu così che Dio sbatté contro un muro. Big Bang Big Boom
È un periodo che si fa un gran parlare di Banksy. Merito delle sue folli, illuminanti provocazioni. E anche di uffici stampa sempre più efficaci. Detto questo, per meglio comprendere le logiche e il senso delle incursioni dello street artist inglese, ci vengono in soccorso il bel libro di Sabina de Gregori Banksy il terrorista dell’arte (Castelvecchi Editore, 2010) e il documentario attribuito allo stesso Banksy Exit Through the Gift Shop (2010), presentato al Sundance Film Festival del 2010.

Per una volta è doveroso abbandonare l’esterofilia e tornare in Italia. Niente Puffi o Na’vi, per tingersi basta Blu. Street artist bolognese che usa un metodo tanto “facile” quanto sconvolgente: applicare l’animazione in stop-motion al graffito. Un lavoro che si dipana in modo parallelo tra carta, muri e schermi, dagli schizzi alle pareti. Schizofrenia del pensiero e della rappresentazione, pennelli, rulli e carrellate veloci che si trasformano in bocche da fuoco fenomenali.
A partire dal suggestivo ed emblematico Muto fino alla splendida collaborazione con David Ellis di Combo. Una forma di comunicazione e rappresentazione visiva “altra”, quasi aliena perché fin troppo specchio deforme (uniforme?) della realtà. Unico mezzo per scendere in strada e urlare rabbia e ragione, da Varsavia a Los Angeles, da Milano a Mosca, da Barcelona a New York, da Berlino a Lisbona. Ultimo in ordine di tempo – presentato al Festival di Clermont-Ferrand – Big Bang Big Boom. Ovvero come sia nata la vita e quale sia la sua evoluzione. Seguendo flussi, tubi, granchi, esseri voraci, cumuli, uova che si schiudono e una fine ineluttabile, impossibile non pensare all’animazione sperimentale di un genio come Zbigniew Rybczyński. Anno di grazia 1975: quanto ancora stupisce il sublime Oh, I Can’t Stop! (Oj! Nie moge sie zatrzymaci!).
Ipertrofia della visione che non riesce mai a fermarsi. Per andare avanti ancora e ancora ancora ancora ancora ancora ancora ancora ancora ancora…

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Toploader "Onka's Big Moka"

    Toploader "Onka's Moka"

    La cosa che più mi inquieta è sapere che i Toploader si sono riformati e forse uscirà pure un nuovo disco. Ma andiamo con ordine. Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, MUSICA
  • The Big C

    E’ una delle serie televisive migliori di quest’anno. 13 episodi intensissimi trasmessi da Showtime, già famosa grazie a Dexter, Weeds, Nurse Jackie. Una... Leggere il seguito

    Da  Matteocarrera
    CULTURA
  • Big Fish

    Fish

    (Pubblicato su Kataweb Forum Cinema nel febbraio 2004) La vita è un’altalena che oscilla tra la realtà e la fantasia, unico modo per scampare il dolore... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Big Black – Atomizer (1986)

    Black Atomizer (1986)

    Uno dei gruppi Noise Rock più influenti degli anni ’80, i Big Black di Steve Albini, che con Atomizer sfondarono e fornirono l’esempio al rock degli anni ’90,... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • Big seasons

    seasons

    Questa mattina è finalmente uscita la notizia che aspettavo da quando si è saputo del tour europeo di Sufjan Stevens: il 24 maggio, al Teatro Comunale di... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • Big Black - "Atomizer"

    Black "Atomizer"

    Musica per bambini cattivi1986"Oh, ma che copertina simpatica!" pensai la prima volta che la vidi. Brutta bestia l'apparenza. Perché dietro a questo disegno... Leggere il seguito

    Da  Frankie89
    CULTURA, INDIE, MUSICA
  • Big Pink

    Pink

    Where in the world è finito Blue Bottazzi? Ci sono ancora, ma sto attraversando una certa fase della mia vita. Sono andato a vivere nella mia personale Big... Leggere il seguito

    Da  Zambo
    CULTURA, MUSICA