Magazine Cinema

Full of Life – John Fante, 1952

Creato il 17 novembre 2013 da Paolo_ottomano @cinemastino

john-fanteFull of Life è un romanzo pubblicato per la prima volta nel 1952 negli Stati Uniti, inedito in Italia fino al 1998. Se avessi a disposizione una sola parola per esprimerne un giudizio, direi icastico. John Fante non è un narratore prolisso, anzi: il romanzo è breve e pregno di realismo, non si perde in descrizioni minuziose di uno stato psicologico o in lunghi monologhi interiori. L’impressione che quanto racconta potrebbe accadere a chiunque legga, l’empatia che si prova nei confronti dei personaggi emerge proprio dalla brevità e dalla rapidità con cui si accumulano i pensieri del protagonista-narratore. John – si chiama così anche il personaggio – non esita a confessare le sue impressioni più intime e la sua inadeguatezza, l’impreparazione a vivere la prima gravidanza di sua moglie: deve affrontare il suo nuovo e strano modo di essere, tutta presa dalla sua «sporgenza» e da una serie di piccole manie; deve fare i conti con i genitori, che desiderano un nipote maschio a ogni costo e s’impegnano, nella loro saggezza superstiziosa, a propiziarne la nascita.

La narrazione è spesso inframezzata da conversazioni essenziali, e nasce proprio dai dialoghi l’icasticità delle scene raccontate: battute brevi, pungenti, ironiche, non appesantite da commenti. Non si può fare a meno di parteggiare per qualcuno dei personaggi, spesso per John, che a volte sembra la vittima dei malumori degli altri.
Molto sbozzato è il profilo dei genitori di John, soprattutto del padre, contadino abruzzese che afferma con prepotenza il ruolo di burattinaio della vita di suo figlio: non può che rimanere deluso e ferito dall’intolleranza di John per un tale stato di cose.

Full of Life, titolo ironico e antifrastico, è insomma un bel modo di raccontare un tentativo di fuga dalle proprie responsabilità, che comunque non si lasciano aggirare facilmente.

Paolo Ottomano



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pecker - John Waters

    Pecker John Waters

    I love you Shelley! I love you more than Kodak! Il cinema di John Waters si sa, è un cinema puntato sull'estremo. Un estremo giocoso, privo di giudizi ma... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Pro-Life (John Carpenter,2006)

    Pro-Life (John Carpenter,2006)

    La critica sociale di ‘Pro-Life’ – disse con linguaggio colorito qualche blogger – è arguta e intelligente come un cazzo disegnato col pennarello su un poster... Leggere il seguito

    Da  Salcapolupo
    CINEMA, CULTURA
  • Still life

    Still life

    (id.)di Uberto Pasolini (GB, 2013)con Eddie Marsan, Joanne Froggatt, Karen Dury, Andrew Buchandurata: 87 min.★★★★☆Il film giusto per un Natale giusto, autentico. Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • Still Life

    Still Life

    di Uberto Pasolini con Eddie Marsan, Joanne Froggatt, Karen Drury UK, 2013 genere, drammatico durata, 87' Un tempo li chiamavano eroi senza volto, e di loro si... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • still life

    still life

    (Uk-Italia 2013) Still life non è un film tragico e nemmeno drammatico. Non è angosciante, avvilente, sconvolgente, deprimente, devastante o sconfortante. È,... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Still life

    Still life

    Giovedì 2 gennaio 2014Cinema King di via Fogliano, spettacolo delle 20.25, dopo un botto di trailer e pubblicitàIl passa parola puntuale e sincero sta dando i... Leggere il seguito

    Da  Cinefilante
    CINEMA, CULTURA
  • John and Mary

    John Mary

    Avete presente quei film che avete visto una sola volta quando eravate piccoli ma che vi sono rimasti impressi in maniera indelebile? Leggere il seguito

    Da  Zaziefromparis
    CINEMA, CULTURA