Magazine

Gangs of New York (2002)

Creato il 13 ottobre 2011 da Vomitoergorum @Old_Glory
Gangs of New York (2002)
Regia: Martin Scorsese Anno: 2002 Titolo originale: Gangs of New York Voto: 6/10 Pagina di IMDB Pagina di I Check Movies
Tutto ciò che ti resta al termine del film è un sacco di violenza dai colori troppo accesi ed una serie di forzature storiche. Non si tratta di magistrali adattamenti ucronici alla Tarantino come in Inglorious Basterds quanto piuttosto di modifiche fini a giustificare atti da macellai all'interno della pellicola. Ricostruzioni sceniche e costumi sono il fiore all'occhiello di tutta la storia, che inizia in modo pimpante e meriterebbe un proseguo migliore. Purtroppo invece a tratti prende il verso di un mafia movie ambientato nell'ottocento, per poi scadere in un finale senza valori. Se da un lato William Cutting è portatore di principi morali quali l'onore ed il rispetto dell'avversario dall'altro abbiamo Amsterdam Vallon che persegue una vendetta molto arrangiata e all'acqua di rose, che non sarà mai all'altezza della grandiosità dell'avversario. Non mancano le contraddizioni riguardanti la caretterizzazione dei personaggi, crudeli e spietati, ma anche carimatici e pietosi. E' vero che la psicologia dei soggetti può essere indotta dalle situazioni, ma nei tre principali interpretati da Daniel Day-Lewis (ottimo), Leonardo Di Caprio (così e così) e Cameron Diaz (passabile) non riusciamo a vedere una linea di condotta ben definita. Troppo costruiti insomma. L'originalità dell'ambientazione e la fedele ricostruzione della cornice salva il film da quello che potrebbe essere stato un clamoroso flop troppo violento e scostante dalla realtà storica e dalla razionalità. Come si fa a preservare il bel faccino di Leo dopo esser stato massacrato di botte Scorsese lo deve spiegare un po' a tutti. Forse dopo Titanic e la Maschera di ferro aver girato soltanto The Beach lo ha reso troppo legato al volto da botteghino. Altre situazioni interessanti come la rivolta e le sommosse vengono poi trattate in maniera decisamente sbrigativa (addirittura bombardamenti dalle navi sulla città) lasciando posto a pantomime gratuite ed abbastanza noiose. Metà ok, metà no.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • New York

    York

    Con una canzone dei National avevo scritto l'ultimo post di questo blog, prima di partire per New York. Ora che sono tornato ne metto un'altra, questa, che di... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • New York Colour

    York Colour

    Vi dissi che per la festa della mamma comprati degli ombretti della New York Colour a mia madre. Lei si trova molto bene, i colori sono brillanti e durano... Leggere il seguito

    Da  Eleonorap
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • New York weird tour

    York weird tour

    Questo post è di servizio... per me. Il prossimo agosto lascerò le mie campagne padane e, come il buon Artemio de Il ragazzo di campagna mi... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • "new york dream" new rose page!

    "new york dream" rose page!

    "NEW YORK DREAM"http://roseselavy-melange.blogspot.com/p/new-york-dream.htmlbyROSE SELAVY FRIENDSperchè questa foto?perchè da adesso voi vi trovate li, in... Leggere il seguito

    Da  Roseselavy
    CURIOSITÀ, LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Paris vs New York

    Paris York

    Non è pubblicità, o per lo meno non proprio, ma sarebbe un peccato non segnalarvi questa serie di illustrazioni tratte dal blog “PARIS VERSUS NEW YORK – A... Leggere il seguito

    Da  Bebbevil
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Trilogia di New York

    Trilogia York

    Libro: Trilogia di New York, di Paul Auster. Lettrice: Ragazza sui 25 anni. Capelli lisci, scuri. Corporatura esile con pelle già abbronzata. “Is Colosseo the... Leggere il seguito

    Da  Librimetro
    CULTURA, LIBRI
  • Passione a New York

    Passione York

    "Passione", il viaggio nella musica partenopea firmato da John Turturro, sbarca a New York. Sarà proiettato per circa due settimane e incassa il temuto... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA