Magazine Arte

GIANNI CACCIARINI "Requip 8" a cura di Carlo Falciani

Creato il 18 maggio 2012 da Roberto Milani
Conosco Gianni Cacciarini da oltre 25 anni e anche se negli ultimi tempi ci siamo un po' persi di vista, ricordo con vibrante gioia le sue splendide tempere grasse, un universo unico e particolare... mi piace ritrovarlo ora in questo evento... da vedere
GIANNI CACCIARINI "Requip 8"
a cura di Carlo Falciani
VERNISSAGE: 18 Maggio 2012 dalle ore 18 - la Galleria La Corte (Via De' Coverelli 27R - Firenze) esporrà una serie di stampe digitali che partono da fotografie scattate dall'artista in modo occasionale, poi dipinte su carta.
FINISSAGE: 12 Giugno 2012 alle ore 18 - allo studio di Cacciarini (Borgo Albizi, 18- Firenze) verranno presentati dipinti di grandi dimensioni tratti da quelle immagini rielaborate a tempera.
Le controindicazioni sono poche: un pó di vertigine e un senso di vuoto, di breve durata; ma lasciare la strada nota della tradizione comporta qualche rischio. Le nature morte di limoni e diosperi, di ventilatori e caffettiere composti sul tavolo, i ritratti dall'impostazione teatrale, le acqueforti profonde e rigorose non sono più al centro del lavoro di Gianni Cacciarini. Non gli è stato facile liberarsi dei nastri rossi dipinti a legare gli oggetti - vezzo letterario di una frase troppo forbita -, anch'essi memoria dello studio di Annigoni, sempre ricordato anche da chi ha scritto su di lui. I primi scollamenti si erano visti alcuni anni fa quando, nei sotteranei del Marino Marini, egli espose pezzi di corpi dipinti su carta con la velocità scomposta che hanno le ossessioni. Tuttavia quelle immagini erano ancora sforbiciate da nudi composti in studio. Oggi invece lui ci propone opere dove la pittura è tradotta in una forma altra da quella, veloce e insolita, con la quale ha tracciato dei bozzetti su carta da fotocopie. Non più oggetti colmi di memoria ma scatti improvvisi e occasionali, dove le pose hanno il carattere di chi ha sostato un momento, sovrappensiero, davanti all'occhio del telefono cellulare di Gianni.
Del resto non vale neppure la pena ricordare che non è una questione di mezzo (pittura, scultura, mac-paint, incisione, fotografia) ma di visione, perché da molto tempo “chi ha il disegno fa l'una e l'altra bene”. In questo caso le controindicazioni sono relative solo all'uso affettato dei nuovi mezzi, oppure alla pretenziosa forbitezza che talvolta è il solo contenuto di immagini troppo facili da ottenere attraverso le possibilità digitali di elaborazione. Ma questo rischio Gianni non lo ha mai corso, essendo riuscito a ricondurre al proprio occhio ogni diverso strumento che ha voluto usare negli anni.
D'altra parte ormai sono storicizzate anche le indicazioni di chi invitava ad usare le protesi che invadono la parte digitale della nostra vita, e in questo Gianni non si è mai tirato indietro. Dunque opere dove il suo passato è quasi annullato, in una risposta brutale allo sconcerto dei tempi e all'urto dell'esistenza. Persiste invece, unica traccia evidente del suo percorso, il solco pop che ha obbligato chiunque di noi ad esibire il proprio momento di gloria, e che adesso viene declinato come una democratica apparizione di chi è stato ritratto in uno scatto dell'i-phone. Poi è bastato il desiderio di immergere le spoglie di quelle immagini, prima stampate su carta da fotocopie, in uno spazio pittorico altro dai toni sofisticati e notturni, oppure di bruciarle all'interno di una colata di tempera acida che ha corroso i contorni delle figure come asfalto. La vertigine è passata, e restano queste grandi stampe a fermare il tremore dell'esistenza.
Carlo Falciani

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gianni Leone e Lino Ajello

    Gianni Leone Lino Ajello

    Napoli, 9 dicembre 2011, Festival Afrakà al teatro Bolivar. Concerto del Balletto di Bronzo con Lino Ajello, ospite nel brano Introduzione (da Ys). Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Gianni Vattimo-la Societa Trasparente

    Gianni Vattimo-la Societa Trasparente

    A cura di: Massimo Argo Riedizione con alcune rivisitazioni della fondamentale opera filosofica di Vattimo del 1989. Il filosofo torinese sviluppa qui il suo... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    CULTURA
  • "Ecologia" di Carlo Fruttero

    Non sottovalutarmi, zanzara,se limacciosamente nell'impigliod'ironica ubiquitàche trama il tuo ronzìo m'hai vedutoannaspare e m'hai sentito dietroil tuo volodi... Leggere il seguito

    Da  Lucabilli
    CULTURA
  • Ciao, Carlo

    Ciao, Carlo

    È morto Carlo Fruttero, celebre scrittore - in coppia con Franco Lucentini - e grandissimo traduttore. Ne avevo parlato qui. Leggere il seguito

    Da  Silviapare
    CULTURA, FOTOGRAFIA, LIBRI
  • Carlo Fruttero

    "La fame del narratore è un’avidità per qualsiasi cosa: un'insegna, un rumore di tram, una traccia, una scarpa. Non è volontaria. Non è per niente così, non... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Astenersi perditempo di gianni santoro

    Astenersi perditempo gianni santoro

    Ricevo e pubblico questa nuova recensione, eccola: Ho il piacere di sottoporre alla Vostra attenzioneil libro [email protected] rsi perditempo Come cercare... Leggere il seguito

    Da  Larazavatteri
    CULTURA, LIBRI
  • Gianni Agnelli

    (Pubblicato nel forum Kataweb il 25 gennaio 2003) Da torinese, posso affermare che Torino non si sente orfana di Gianni Agnelli – come molti giornalisti hanno... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines