Magazine Società

Gli adolescenti italiani bevono di meno ed iniziano con l’alcol più tardi

Creato il 18 novembre 2015 da Stivalepensante @StivalePensante

Gli adolescenti italiani bevono di meno e cominciano più tardi, ma sono scarsamente avvertiti dalle loro famiglie dei rischi che il bere comporta. Il dato emerge dall’indagine presentata oggi dall’OPGA (Osservatorio Permanente Giovani e Alcool), presso la Clinica Pediatrica dell’Università di Pavia, in occasione di un seminario.

(news.fidelityhouse.eu)

(news.fidelityhouse.eu)

Gli adolescenti italiani bevono di meno ed iniziano con l’alcol più tardi. La SIMA (Società italiana di medicina dell’adolescenza) che ha condotto l’indagine, mette in evidenza che il 16,6% dei giovani intervistati non ha mai provato una bevanda alcolica, con una diminuzione di 7,2 punti percentuale dal 2012. Inoltre il primo assaggio di una bevenda alcolica viene ritardato: per il 37,8% dei ragazzi avviene dopo i 10 anni (-3,8% rispetto al 2012). Il contesto relazionale del primo assaggio permane conviviale e guidato da figure familiari nel 76% dei casi (soprattutto genitoriali). Solo l’11% fa la prima esperienza in sola presenza dei coetanei.

I primi consumi avvengono in prevalenza ai pasti (39,8%) ed in concomitanza con circostanze speciali, feste (11,6%) o celebrazioni (28,7%). Le sensazioni del primo assaggio rinviano a niente di particolare per il 47,3% dei rispondenti, mentre la sensazione di un evento gradevole è alla pari con la sensazione sgradevole (26,5% e 24,6% rispettivamente). Scende il numero dei giovanissimi che si ubriacano: dal 6,8% del 2012 al 4,8%.

Tuttavia, afferma la ricerca “l’argomento del consumo/abuso di alcol non sembra particolarmente presente nelle discussioni familiari“: solo il 16,6% delle famiglie (una su sei) parla frequentemente con i figli dei problemi legati all’eccessivo consumo di alcol. La grande maggioranza dei genitori lo fa raramente e in modo occasionale (52,9%) e vi è anche una quota cospicua di genitori (28,9%) che non ha mai affrontato la questione. Perchè i giovani bevono? Le risposte più gettonate sono da una parte “adeguarsi al gruppo” dei pari (46,8% contro il 45,1% del 2012), dall’altra per “divertirsi” (43,3% contro il 59% del 2012). Non una via di fuga, quindi, per la gran parte o di “isolamento”, ma una sorta di rito di appartenenza. Emerge anche la dimensione esistenziale il 37,9% sostiene, infatti, che il consumo si giustifica per “dimenticare i problemi”. (AGI)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cancellare gli sciiti dalla Penisola Araba

    (Pubblicato su Formiche)La filiale saudita dell’IS ha dichiarato di avere un piano: eliminare gli sciiti dalla penisola araba. Leggere il seguito

    Da  Danemblog
    SOCIETÀ
  • Gli occhi trovati

    occhi trovati

    Non gli serve poi molto non fanno chissà che anzi niente, non fanno niente si guardano in silenzio e ridono stesi accanto sul prato o in una sala d’attesa, è... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Gli "aperitivi" del corso

    "aperitivi" corso

    Forse é diventato necessario, spiegare agli amici che mostrano interesse per il nostro corso, cosa sono "gli aperitivi del corso" e perché ci muoviamo ogni volt... Leggere il seguito

    Da  Fernando
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Gli ultimi giorni per l’esame LIS

    Difficile poter dedicare un pò di tempo al blog anche perchè sto cercando di produrre vari post sul problema LIS con la creazione del mio nuovo blog, specifico... Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • Umberto Eco e gli imbecilli del web

    Umberto imbecilli

    Ho assistito, ovviamente sui social media, alla polemica suscitata dalle parole di Umberto Eco a proposito degli effetti negativi di un certo utilizzo dei socia... Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Nepal: aiutare gli aiuti

    Nepal: aiutare aiuti

    Due eventi naturali hanno, tragicamente, ribadito la fragilità della situazione nepalese. Il villaggio di Libang (distretto di Taplejung) nel lontano nord-est,... Leggere il seguito

    Da  Cren
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Tesoro, mi si sono ristretti gli spazi

    Abbiamo il piano A, e anche il piano B. Faremo sentire la nostra voce in Europa (sugli immigrati). Pronte 100mila assunzioni nella scuola per la riforma.... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ