Magazine Politica

Gli ecologisti dell'ex URSS e il Caspio: stanno ucidendo il mare e noi li lasciamo fare*?

Creato il 06 novembre 2012 da Matteo
Gli ecologisti: il Caspio si è scontrato con la minaccia del degrado di una biodiversità unica
3 novembre 2012, 23.39
I partecipanti alla videoconferenza multimediale Mosca-Baku-Astana "L'ecologia del Caspio. Problemi e vie di soluzione" si sono divisi nelle opinioni sulle fonti fondamentali di inquinamento del Mar Caspio, riferisce il corrispondente di "Kavkazskij uzel".
"La videoconferenza è stata fatta coincidere con il 9° anniversario della firma della Convenzione Quadro di Teheran per la difesa dell'ambiente marino del Caspio, che si ricorda il 4 novembre e ha avuto luogo il 31 ottobre al centro stampa della RIA "Novosti" [1]."
Nel novembre 2003 i rappresentanti dei paesi del Caspio firmarono la Convenzione Quadro per la difesa dell'ambiente marino (Convenzione di Teheran), che entrò in vigore il 12 agosto 2006. Il suo scopo fondamentale è la garanzia della sicurezza ecologica di questo unico bacino e la difesa delle sue ricchezze naturali nel corso dello sfruttamento delle risorse di idrocarburi del fondale marino.Il tema fondamentale della videoconferenza, nell'ambito della quale è scoppiata una discussione tra i suoi membri, è stato la questione delle fonti di inquinamento del mare-lago. I rappresentanti di Russia e Kazakistan hanno notato che il pericolo fondamentale per il Caspio è l'inquinamento da petrolio.
"Ai nostri occhi diventa evidente la minaccia del degrado della biodiversità unica di questo ecosistema"
Il primo collaboratore scientifico dell'Istituto di Oceanologia dell'Accademia Russa delle Scienze Boris Golubov ha notato che il boom petrolifero ha portato al fatto che nella regione "si sono avventate le compagnie petrolifere".
"E' sorta la minaccia di una progressiva necrosi del Mar Caspio. Le fonti interne di inquinamento del Caspio sono importanti e prevenire questo pericolo è indispensabile, ma ciò che si fa con il sottosuolo è ben più serio. Ai nostri occhi diventa evidente la minaccia del degrado della biodiversità unica di questo ecosistema", – ha dichiarato.
Secondo il collaboratore dell'Istituto di Oceanologia, solo presso Baku si conservano centinaia, se non migliaia di pozzi abbandonati da cui giunge petrolio in mare. Il petrolio fa parte dei rifiuti dei vulcani di sporcizia. Come altro fattore di minaccia per la natura, oltre alla crescita dell'estrazione di petrolio, lo studioso ha indicato la crescita della militarizzazione della regione.
"Dove c'è petrolio, ci sono anche conflitti – sociali, economici, interetnici", – ha sottolineato Golubov. A suo parere gli stati del Caspio non tengono conto della triste esperienza sovietica di estrazione di petrolio e non si preparano a nuovi possibili incidenti. "Con cinque balie il bambino è rimasto senza un occhio!" [2]– ha riassunto Boris Golubov.
Il vice direttore generale della compagnia Scanex, che conduce il monitoraggio spaziale del Caspio, Aleskej Kučejkoha ricordato che la petroliera "Grigorij Bugrov", incagliatasi in una secca nel 2011 con seimila tonnellate di mazut[3]a bordo potrebbe diventare causa di una catastrofe ecologica paragonabile al noto riversamento di petrolio nel Golfo del Messico.
"I problemi del Caspio si ricordano prevalentemente solo durante lo svolgimento di grandi iniziative o in caso di date tonde"
Il presidente dell'Unione Ecologista delle associazioni e delle imprese del Kazakistan "Tabigat" MėlsEleusizova sua volta ha notato che anche in Kazakistan esiste il problema dei pozzi petroliferi affondati. "E' un pericolo molto serio. La pellicola di petrolio dello spessore di un micron distrugge tutto ciò che è vivo fino a tre metri di profondità. E' molto più pericolosa delle acque di scolo", – ha sottolineato.
L'esperto ha ricordato che poiché il Mar Caspio è un lago chiuso, non può ripulirsi da solo in caso di forte inquinamento. Secondo Eleusizov, la Convenzione di Teheran non funziona affatto e tutte le riunioni ecologiche svolte "sono semplicemente chiacchiere". "I problemi del Caspio si ricordano prevalentemente solo durante lo svolgimento di grandi iniziative o in caso di date tonde", – ha concluso.
Gli esperti azeri, al contrario, hanno aspirato a dissipare al massimo l'idea del petrolio come inquinante fondamentale del Mar Caspio. Il capo della sezione per la politica ecologica e di tutela della natura del Ministero per l'Ecologia e le Risorse Naturali azero Rasim Sattarzade ha dichiarato che la questione più attuale di oggi è la tutela del Mar Caspio dall'inquinamento portato da fonti di superficie e dai fiumi che sfociano in esso.
"Solo il 2-3% dell'inquinamento è causato da prodotti petroliferi, ma il problema fondamentale del Caspio sono le acque di scolo non depurate."
"Si deve estrarre il petrolio, semplicemente è indispensabile minimizzare i rischi – applicare tecnologie e metodi di controllo moderni", – ha dichiarato Sattarzade.
Il direttore dell'Istituto di Ricerca Scientifica sulla Pesca Azero Mechman Achundov hadichiarato che solo il 2-3% dell'inquinamento è causato da prodotti petroliferi, ma il problema fondamentale del Caspio sono le acque di scolo non depurate. Questi ha notato anche la pericolosità dell'inquinamento del mare da parte delle acque di zavorra delle navi in arrivo, in cui nel Caspio nel 1999 giunsero gli Ctenofori, che hanno sostanzialmente "divorato" la fauna marina del Caspio.
Ha sostenuto i propri colleghi il presidente del centro nazionale azero di prognosi ecologiche Tel'man Zejnalov, che ha concentrato la propria attenzione sull'industria del bracconaggio degli storioni.
Boris Golubov ha notato qui che i colleghi azeri "sottovalutano un po'" il fattore petrolifero. Come ha notato l'esperto, esiste un'ipotesi, secondo cui l'elaborazione di giacimenti provoca l'uscita di petrolio in superficie sul mare.
"Si sono divise anche le opinioni dei partecipanti al videoconferenza sui metodi di lotta all'inquinamento del Mar Caspio."
Rasim Sattarzade ha ritenuto che la cosa più importante sia la lotta alle acque di scolo non depurate. A suo dire, l'Azerbaigian ogni anno spende circa un miliardo di dollari per il programma di modernizzazione degli impianti di depurazione presenti e di costruzione di nuovi lungo le rive del Mar Caspio. Sono stati costruiti e si costruiscono i seguenti impianti di depurazione: a Govsan (della potenza di 640 mila metri cubi di liquido al giorno), Sumqayıt(della potenza di 200 mila metri cubi d'acqua al giorno), Mɘrdɘkan-Şuvelan(20 mila metri cubi), Buzovna (10 mila metri cubi). In seguito si programma di creare impianti di depurazione su tutte le rive dell'Azerbaigian. E nella penisola di Abşeronper prevenire lo scarico in mare di acque di scolo delle case private saranno costruiti impianti di depurazione mobile.
Rasim Sattarzade ha riferito anche che alla conferenza della Convenzione Quadro per la difesa dell'ambiente circostante del Mar Caspio, che si svolgerà a Mosca il 5-12 dicembre, saranno prese iniziative su piano biennale, tra cui anche un protocollo sulla prevenzione di riversamenti di petrolio in mare.
Il direttore dell'Istituto di Ricerca Scientifica sulla Pesca Azero Mechman Achundov ha dichiarato che è necessario non fermare l'estrazione di petrolio, ma condurla secondo le norme e le richieste internazionali.
Aleksej Kučejko ha proposto di creare un unico sistema di monitoraggio spaziale della situazione del Caspio, unendo i sistemi settoriali presenti degli stati del Caspio. A suo dire, ciò permetterà di "guardare con occhi aperti lo spazio d'acqua del Caspio". Inoltre il monitoraggio spaziale può, per esempio, aiutare a lottare con il bracconaggio.
L'idea è stata sostenuta da Boris Golubov, che ha notato che la comunità scientifica dei paesi del Caspio deve elaborare approcci scientifici comuni. Questi ha anche messo in luce la necessità di elaborare un nuovo protocollo nell'ambito della Convenzione di Teheran per la tutela del sottosuolo e delle risorse biologiche del Mar Caspio.
Eleusizov, a sua volta, ha ritenuto che la soluzione dei problemi della tutela del Caspio sarà trovata solo quando di ciò si occuperanno seriamente la società e i leader dei paesi del Caspio.
Come ha già riferito "Kavkazskij uzel", i presidenti di Russia, Kazakistan, Azerbaigian, Turkmenistan e Iran il 18 novembre 2010 tennero a Baku il III summit dei capi di Stato del Caspio. Uno degli accordi raggiunti al summit è stata l'introduzione di una moratoria sulla pesca degli storioni. Inoltre i presidenti hanno firmato un patto di collaborazione nell'ambito della sicurezza sul Caspio e una dichiarazione comune.
Nell'aprile 2011 a Baku alla 28.a seduta del Gruppo Speciale di Lavoro per l'elaborazione della convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio le delegazioni dei cinque stati del Caspio – Azerbaigian, Iran, Kazakistan, Federazione Russa e Turkmenistan hanno discusso, tra l'altro, le questioni della tutela delle risorse ittiche.
La questione della determinazione dello status giuridico del Mar Caspio si è attualizzata dopo il crollo dell'URSS, quando la comparsa degli stati di Azerbaigian, Kazakistan e Turkmenistan pose la questione della delimitazione del Caspio tra cinque paesi. Fino ad allora lo status del Caspio era stato regolato dall'accordo del 1921 tra Russia e Persia e anche dalla convenzione sulla popolazione, il commercio e la navigazione marittima del 1931 e dall'accordo sul commercio e la navigazione marittima del 1940 tra Unione Sovietica e Iran. Le difficoltà di determinazione dello status del Caspio sono legati in particolare al suo riconoscimento come un lago o come un mare, la delimitazione dei quali è regolata da diverse disposizioni del diritto internazionale.
Nota della redazione:vedi anche le notizie "In Azerbaigian si tiene la seduta dei capi dei Ministeri degli Esteri dei paesi del Caspio", "L'accordo per la sicurezza sul Caspio sarà concluso prima del summit a Baku", "A Baku si tiene la seduta degli stati del Caspio sulle questioni della sicurezza sul Caspio".
Autore:Semën Čarnyj [4]; fonte:corrispondente "Kavkazskij uzel"
"Kavkazskij uzel", http://www.kavkaz-uzel.ru/articles/215145/(traduzione e note di Matteo Mazzoni)
[1] Russkoe Informacionnoe Agentstvo(Agenzia di Informazione Russa) "Notizie".
[2] Nel detto russo (equivalente a "Troppi cuochi guastano la cucina") si parla di sette balie, ma qui si rimanda al fatto che sul Caspio si affacciano cinque stati.
[3] Tipo di olio combustibile. Il corsivo è mio.
[4] Semën Aleksandrovič Čarnyj, giornalista e attivista per i diritti umani.
* Da "Peste" dei Litfiba

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gli Idolatri

    Idolatri

    ANTOLOGIA Un intero partito in adorazione. Siamo a quei rari momenti epocali di “una storia ed insieme una profezia che si auto adempie”. Leggere il seguito

    Da  Conflittiestrategie
    POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Gli impresentabili

    impresentabili

    Anna Lombroso per il SimplicissimusTraditori. Impresentabili. Miserabile. Cialtroni. Golpe dei giudici. Golpe comunista. Oggi il Fatto pubblica un inventario... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Gli sciacalli

    sciacalli

    La terra trema ancora in Emilia e gli sciacalli entrano in azione Senti chi parla! Era Cosciente - Melissa era viva, http://www.liberoquotidiano. Leggere il seguito

    Da  Cristiana2011
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Prima gli Umani, Mai gli Animali

    Prima Umani, Animali

    Dedico questo articolo a Graziella Drigo, innamorata dei “grandi gatti”, per dirla all’anglosassone, il cui animale totemico è proprio la pantera, ovvero la... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • Gli imbroglioni

    imbroglioni

    Il Presidente del Consiglio, Mario Monti, parla di “guerra” all’evasione fiscale. Un cancro che mina la nostra economia e ne deturpa l’immagine internazionale. Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • Gli elettori e gli eletti

    Parto da due affermazioni dei giorni passati. Il procuratore antimafia Grasso a Palmanova: ''Siamo in democrazia, i cittadini hanno i politici che si... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Gli incappucciati secondo Matteo

    incappucciati secondo Matteo

    Noi del Comitato “No Buiaza.it” stavolta ci siamo proprio rotto gli zebedei. Coso il Bischero e il suo Gori spin doctor hanno travalicato ogni linea di decenza ... Leggere il seguito

    Da  Gps
    SOCIETÀ