Magazine Cultura

Gli scheletri nell'armadio del governo tecnico

Creato il 09 febbraio 2012 da Simonetta Frongia

 
Dagospia scrive, ironicamente, dalla padella alla brace.  Tre sottintesi: Berlusconi, Monti, conflitto d'interessi. L'inchiesta di agoravox.it (realizzata da Federico Pignalberi e Damiano Aliprandi) e ripresa dal sito di gossip politico, punta il dito sulla presunta trasparenza del governo dei tecnici che ha sostituito quello del Cavaliere.  Caso strano: nessuno, tra quelli che si scandalizzavano per la rete di affari e conoscenze che coinvolgevano il Cav, si straccia ora le vesti per lo stesso intricato dedalo di amicizie, trascorsi e coinvolgimenti diretti della squadra Monti. Banche, imprese private, contributi pubblici: ogni ministro ha il suo scheletro nell'armadio.  Sviluppo sicuro - Si parte da Corrado Passera, naturalmente. Il ministro dello Sviluppo, dimissionario da Intesa Sanpaolo di cui è stato amministratore delegato, detiene ancora 8 milioni di azioni dell'istituto, è socio di un'università privata di Roma legata all'Opus Dei e di una clinica privata convenzionata coinvolta in un'inchiesta per peculato. A Silvio Berlusconi si criticava la presenza sul settore media. Anche Passera, comunque, non è da meno: Intesa è azionista di Rcs Mediagroup (Corriere della Sera) e detiene il 12% della holding che controlla Telecom. Sul trasporto, non meno capillare: il 9% della cordata che ha rilevato Alitalia nel 2008 è controllato dall'istituto, così come il 20% della Ntv, la società ferroviaria di Montezemolo e Della Valle avversaria di Trenitalia. Passera, che ha alle spalle incarichi nei Cda di Finmeccanica, Olivetti e, soprattutto, gruppo editoriale Espresso-Repubblica di Carlo De Benedetti, oltre a essere socio di un albergo e diverse società immobiliari ed editoriali, possiede anche 56mila euro in azioni di Campus Bio-Medico S.p.A., società milanese che controlla l'omonima università privata di Roma, con annesso policlinico, nata nel 1993 per volontà dell'Opus Dei. Una struttura importante, che gode del sostegno del Vaticano e dello stato. Nel luglio 2008, infatti, la Regione Lazio ha accordato finanziamenti pubblici per 71 milioni di euro: 61 per l'attività del policlinico, 10 per la didattica e la ricerca. Anche il ministero dell'Istruzione, nel 2009, ha finanziato il Campus con quasi 470mila euro. Sempre la Regione Lazio ha finanziato il Campus con altri 610mila euro dopo il via libera dato dal ministero dello Sviluppo, che gestisce il Fondo per lo sviluppo economico, la ricerca e l'innovazione. Inutile ricordarlo: Corrado Passera siede ora al ministero dello Sviluppo. Che il neoministro abbia rapporti privilegiati con il mondo della sanità (e i finanziamenti statali) lo conferma anche il caso della Day Hospital Internationa Spa, società che controlla l'omonima clinica privata di Aosta, convenzionata con la sanità regionale che ha goduto di 700mila euro all'anno di rimborsi. Come anticipato, è stata proprio questa la clinica privata finita nell'inchiesta Bisturi per truffa, evasione fiscale, smaltimento illecito di rifiuti speciali, peculato.
Le magagne di Clini - Ma, prosegue l'articolo pubblicato da agoravox.com, tra i ministri che hanno avuto problemi con la giustizia c'è anche Corrado Clini, titolare del dicastero dell'Ambiente. Nel 1996 Cini ebbe problemi con l'inceneritore di Verbania, a cui diede il via libera escludendo la necessità di un'autorizzazione preventiva da parte dello Stato. L'azienda che lo realizzò si chiama Thermoselect, e per quell'impianto i vertici della società finirono a processo per gli sversamenti di cianuro nei torrenti adiacenti alla struttura: infine vennero condannati dalla Cassazione per difformità autorizzative dell'impianto. La struttira, nel corso di un'ispezione dei vigili del fuoco, addirittura scoppiò: Clini, all'epoca direttore generale del ministero dell'Ambiente, fu indagato per aver concesso con troppa leggerezza l'autorizzazione a costruire (il caso fu poi archiviato).
Le indagini sulla Cancellieri - Vi è poi il caso Anna Maria Cancellieri, nuovo ministro degli Interni, la cui popolarità crebbe quando negò la presenza di infiltrazioni mafiose a Genova, nel 2009: all'epoca era prefetto della città. Sempre nel 2009 Raffaele Lombardo la nominò Commissario al Teatro Bellini di Catania: in quella funzione fu indagata per una serie di consulenze da migliaia di euro che il pm Alessandro La Rosa ritenne eccessive: sospettava che potessero essere finalizzate a creare un indebito vantaggio patrimoniale a favore dei consulenti. La Cancellieri risulta tutt'oggi indagata per abuso d'ufficio. Quando poi divenne commissario prefettizio di Bologna, la Cancellieri fu criticata per la proroga ai finanziamenti alle scuole private per più di un milione di euro, nonostante le ristrettezze del bilancio comunale. Anche in questo caso, dunque, si segnala un conflitto di interessi tra il governo Monti e gli istituti privati di istruzione. Degli otto professori al governo sei provengono da istituti privati.
Profumo, professore privato - Tra gli altri 'professori privati' c'è anche Francesco Profumo, neo ministro dell'Istruzione, rettore del Politecnico di Torino e presidente del Cnr (nominato dalla Gelmini). Nel 2005 fu contestato perché, subito dopo l'insediamento al Politecnico torinese, siglò un accordo con General Motors per lo sviluppo di un centro di ricerca del gruppo statunitense nell'ateneo. Una portavoce del movimento studentesco denunciò che "la ricerca al Politecnico di Torino è occupata per un terzo dalla Gm", società che per inciso ha tra i principali investitori quella Goldman Sachs in cui sguazzò lo stesso Mario Monti (ne fu consulente fino al 2005).
Il ministro ammiraglio - L'articolo ripreso da Dagospia segnala poi il "congenito" conflitto di interessi di Giampaolo Di Paola, l'ammiraglio preso e piazzato a capo del ministro della Difesa. Una scelta di questo tipo, de facto, significa affidare le decisioni di politica militare direttamente all'esercito, quando al contrario il ruolo del dicastero sarebbe proprio quello di un avere un controllo politico sugli ambienti militari. Nella storia dell'Italia repubblicana vi è solo un precedente di questo tipo: il generale Domenico Cornicione, che fu ministro della Difesa del governo Dini.
Gnudi e l'ex area Falck - Poi il capitolo Piero Gnudi, manager ora delegato allo Sport e al Turismo, nonché membro del direttivo di Confindustria, del cda di Unicredito Italiano, della giunta direttiva di Assonomine e fino allo scorso aprile del cda dell'Enel: un curriculum di tutto rispetto. Ma non è finita: nel 1994 fece parte del Cda dell'Iri, in cui ricoprì l'incarico di sovrintendere al piano di privatizzazioni varato nel 1007 dal centrosinistra. Oggi Gnudi è presidente della Sesto Immobiliare Spa, cordata che riacquistò l'ex area Falck di Sesto San Giovanni, su cui oggi indaga la procura di Monza nell'indagine che ha coinvolto il Pd Filippo Penati per finanziamento illecito, corruzione e concussione.
L'avvocatessa - Paola Severino, invece, nuovo ministro della Giustizia, ha difeso per anni le più grandi aziende nazionali: Rai, Telecom, Enel, Eni, Caltagirone e Geronzi. E i politici: Prodi, Formigoni, Cesa, Rutelli. 

http://www.liberoquotidiano.it/news/875841/Monti-e-conflitti-d-interessi-Ogni-ministro-ne-ha-uno.html 
Insomma sembra che gli italiani si siano cosparsi la testa di cenere e abbiano deciso di accettare tutto questo, pochi mesi fa tutti non avrebbero fatto altro che urlare contro tali conflitti e contro tale dispotismo, ma ci hanno detto che siamo in recessione e, i media ci dicono che questo é il miglior governo che potremmo mai avere. Sembra che la parola d'ordine sia ristrettezza, sembra che in qualche modo dobbiamo espiare qualche colpa, i media sembrano "anestetizzati", il senso critico sembra sparito. La realtà é che le vicende personali del precedente premier avevano prevalso su tutto e tutto sembrava una barzelletta, così si criticava, a prescindere, qualsiasi operato ma de facto il governo tecnico sta attuando le soluzioni che erano state proposte dai precedenti ministri (vedi semplificazioni, liberalizzazioni, riforme della scuola) ma ostacolate vivamente. Ora mi chiedo perchè il personale è prevalso sulla politica? Perché oggi siamo tutti disposti a sacrifici inutili? Perché ci facciamo raccontare che stiamo peggio di quanto non si stia in realtà? Perché i conflitti del governo tecnico non vengono criticati con la stessa forza con cui invece, venivano ostacolati nel precedente governo? I media hanno costruito un terreno di consenso tale per cui é venuto meno ogni voglia di critica e ribellione. Siamo ancora, un paese democratico o siamo sotto un regime statalista? Siamo i soliti italiani: contenti di pagare l'Ici o Imu, tranne la chiesa, contenti di pagare tasse per servizi inesistenti, contenti di dare due poltrone a uno o più ministri, così poi siamo giustificati se lo facciamo anche noi, che ci battiamo contro l'evasione fiscale ma poi mettiamo le bombe nelle sedi di equitalia, che va in tilt per la neve perchè non c'è organizzazione: pensateci se fosse successo col governo precedente si sarebbe detto che era colpa di Silvio! Un Italia che non si informa, che legge solo i gossip, che si fa prendere in giro da chiunque abbia un pò più potere rispetto a noi. I soliti italiani che si lamentano ma non reagiscono e, poiché siamo abituati al fatto che qualcuno ci dica che abbiamo peccato, allora subito abbassiamo la testa, ci cospargiamo di cenere e facciamo penitenza.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gli immortali ebook

    immortali ebook

    Kresley Cole 1. Dark Love 2. Dark Pleasure 3. Dark Passion 4. Dark Leggere il seguito

    Da  Very76
    CULTURA, LIBRI
  • Apri gli occhi!

    Voglio mostrarvi un video, che spiega come cambiare il mondo e ragionare conla propria mente. Il mondo cambia se ognuno di noi inizia a ragionare con la... Leggere il seguito

    Da  Cavaliereoscurodelweb
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Gli Amanti Gemelli

    Solevo salutarti Dieci alle Nove Come sempre ci lasciammo Giusto a metà strada Tra le Torri Gemelle. Lavoravamo entrambi All’87. Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Far ballare gli orsi

    ballare orsi

    Per Flaubert il linguaggio è il tamburo sul quale battiamo per far ballare gli orsi, mentre miriamo a far muovere le stelle. Qui, la danza degli orsi non ha... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Gli anni folli

    anni folli

    Ferrara – Dall’11 settembre arriva a Ferrara la mostra dedicata alla Parigi degli “anni folli“. Le sale di Palazzo dei Diamanti ospiteranno fino all’8 gennaio... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • Gli ImplacCabili - Giorgio Cimbrico

    ImplacCabili Giorgio Cimbrico

    I ContenutiCi sono le vittorie. E ci sono le sconfitte. Ma soprattutto ci sono loro, gli “implaccabili” del rugby. Quelli che niente è riuscito a buttare giù. N... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • Gli inediti

    inediti

    LA NUOVA RUBRICA DEDICATA AI GIOVANI AUTORI E AI LORO RACCONTI L' ESORDIENTE SCRITTORE DI QUESTA SETTIMANA è : IVO RUSCA : Vive a Quiliano insieme alla moglie... Leggere il seguito

    Da  Hope
    CULTURA, LIBRI