Magazine

Google AMP: contenuti per mobile sempre più performanti

Creato il 25 febbraio 2016 da Molipier @pier78
Google AMP: contenuti mobile sempre performantiGoogle AMP: contenuti per mobile sempre più performanti

Google è ufficialmente sbarcata in Italia con il progetto AMP. AMP sta per Accelerated Mobile Pages, ovvero pagine web per mobile a caricamento rapido. L'azienda di Mountain View è da quasi un anno che sta promuovendo la tecnologia open-source che promette di accelerare, fino a quattro volte, la velocità con cui le pagine web dei nostri siti preferiti si caricano sul telefonino. E' di oggi però la notizia che sancisce, a livello operativo, la nascita, di AMP nel nostro paese. Il colosso californiano ha infatti annunciato lo sbarco in sei paesi europei, tra cui l'Italia, di un nuovo algoritmo di ricerca che posizionerà in testa ai risultati di ricerca da mobile le pagine che gli editori renderanno fruibili in questo nuovo formato.

Google, che a livello mondiale serve il 75% dei risultati di ricerca, ha certamente la capacità di cambiare il modo in cui utilizziamo e creiamo i contenuti per la rete. Quindi, c'e' da star certi che, ora che AMP è stato lanciato, sarà solo questione di qualche mese prima che gran parte del mondo web abbracci la nuova tecnologia. L'unico intralcio sulla strada di Google potrebbe essere rappresentato da altre due aziende californiane, Apple e Facebook, che intendono, pure loro, offrire pagine ad alta velocità di caricamento. Ma, a differenza di Google, che prevede che le pagine vengano distribuite dalla piattaforma dell'editor, Apple e Facebook vogliono convincere quest'ultimo ad abbandonare la sua piattaforma per creare contenuti direttamente sui portarli controllati dai due gruppi.

Internet è sempre più sinonimo di mobile e l'alta velocità di navigazione è sempre più una prerogativa fondamentale per il consumatore. Per editori e Marketer, AMP potrebbe giocare un ruolo fondamentale nel resto del 2016. Staremo a vedere.

Foto: SearchEngineLand


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :