Magazine Cultura

Grande fratello - Governare con la guerra

Creato il 29 agosto 2010 da Funicelli
"Era però altrettanto chiaro che che un incremento generalizzato del benessere avrebbe avuto come effetto indesiderato la distruzione di una società oganizzata gerarchicamente. Già in un mondo in cui tutti avessero lavorato solo poche ore, avuto cibo a sufficienza, vissuto in case fornite di bagno e frigorifero [..] , sarebbero scomparse le forme di ineguaglianza più ovvie e forse le più importanti [..] .. la ricchezza non sarebbe stata più un segno di distinzione fra un individuo e un'altro. [..] Sul lungo termine, una società gerarchizzata poteva aversi solo basadosi sulla povertà e sull'ignoranza.[..]Il problema era come riuscire a far girare le ruote dell'industria senza incrementare la ricchezza reale del mondo. I beni di consumo dovevano essere prodotti, ma non distribuiti. E in effetti l'unico modo per raggiungere un simile obbiettivo era uno stato di guerra perenne.Scopo essenziale della guerra è ala distruzione, nn necessariamente delle vite umane, ma di quanto viene prodotto dal lavoro degli uomini. La guerra è un modo per mandaere in frantumi, scaraentare nella stratosfera, affondare negli abissi marini, materiali che altrimenti potrebbero essere usati per rendere le masse troppo agiate e, alungo andare, troppo intelligenti.
[..] la consapevolezza di essere in guerra, e quindo in pericolo, fa sì che la concentrazione di tutto il potere nelle mani di una piccola casta sembri l'unica e inevitabile condizione per sopravvivere.
1984, George Orwell, pagine 198 e seguenti.
Potete prendere la "guerra perenne" (quella a cui alla fine ci si abitua), con le parole guerra al terrorismo islamico (Bush jr), guerra all'immigrazione, ai clandestini, ai rom, agli ebrei.Il senso non cambia: si compatta il fronte interno, si spostano risorse in modo incontrollato sulla guerra.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Grande affare!

    Venghino, venghino! L’Europa fa bancarotta e svende tutto. Sì signori, mica una mera bancarotta morale come l’Italia, dove ormai solo l’Italo-Bocchino si ribell... Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    SOCIETÀ
  • “Il grande silenzio”

    grande silenzio”

    2004: Die Grosse Stille di Philip Groning   “Una scommessa (vinta) per il regista, una sfida per l’attenzione dello spettatore”, così il Morandini. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Grande Taddei!

    Grande Taddei!

    Un’altro “mostro sacro” della lirica ci ha lasciato: il grande baritono Giuseppe Taddei una tra le più belle voci del dopoguerra. Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, MUSICA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Grande giornata!

    Grande giornata!

    Una giornata faticosa ma di grande soddisfazione quella di eri dedicata al teatro. I lavoratori del Teatro Lirico di Cagliari hanno organizzato gratuitamente... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Grande Callas!

    Grande Callas!

    In uno dei rari filmati che ritraggono Maria Callas durante una delle più belle pagine pucciniane, si vede tutta la grandezza di quest’artista. Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, MUSICA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il grande inganno

    grande inganno

    Chloe – Tra seduzione e inganno(USA, 2009)Titolo originale: ChloeRegia: Atom EgoyanCast: Julianne Moore, Amanda Seyfried, Liam Neeson, Max Thieriot, Nina... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • La grande ammucchiata

    Dal titolo potreste aver pensato che volessi parlarvi di uno dei film di Jessica Rizzo, ma mi spiace non è lei la protagonista di questo post (So che con... Leggere il seguito

    Da  Rospoboccalarga
    SOCIETÀ