Magazine Aziende

Greenpeace da i voti alle aziende elettroniche, Hp la più green di tutte

Creato il 15 novembre 2011 da Lemillebolleblu @Lemillebolleblu

 

Greenpeace da i voti alle aziende elettroniche, Hp la più green di tutte

Messe un po’ da parte tutte le iniziative a favore dell’ambiente, le aziende che hanno capito che investire sull’ambiente è il nuovo nettare degli dei del business lo applicano a tutto il processo produttivo. Greenpeace per il diciassettesimo anno consecutivo ha pubblicato l’eco-guida ai prodotti ecologici, aggiornano la classifica delle aziende più green nel settore dei prodotti elettronici. L’assoluta novità è la leadership che è stata assegnata ad HP, che sorpassa colossi del calibro di Dell e Nokia.

Greenpeace da i voti alle aziende elettroniche, Hp la più green di tutte

Greenpeace da i voti alle aziende elettroniche, Hp la più green di tutte

La seconda classificata la Dell, anch’essa in salita rispetto all’aggiornamento precedente guadagnando tre posizioni, ha totalizzato un punteggio di 5.1 ottenendo la maggior parte del punteggio per la categoria energia, grazie all’impegno assunto dall’azienda di ridurre le proprie emissioni di gas serra del 40% entro il 2015.

Sta scalando la classifica anche l’Apple del compianto Steve Jobs, che per pochi punti è rimasta fuori dal podio. L’azienda americana è prima senz’altro per politiche di experience marketing e brand awareness ma, se stessimo a scuola, sarebbe rinviata a settembre. Nonostante questo è riuscita ad ottenere il maggior punteggio per la sostenibilità dei processi produttivi, arrivando al 70% di riciclo dei prodotti elettronici. Bene anche i prodotti, privi di plastica PVC, ma è carente dal punto di vista il risparmio energentico e non a causa dei problemi di batteria legati ai suoi smartphone. I dati sulle emissioni di gas serra devono essere verificati da un ente esterno e Apple non ha ancora specificato un obiettivo di riduzione delle emissioni. Ci sono buone possibilità, comunque, per questa azienda di scalare la classifica e guadagnare posizioni.

In discesa libera ci sono Philips (quinto posto), Sony Ericsson (sesta) e Samsun (settima posizione). Il tracollo di questi tre giganti della tecnologia è dovuto a carenze nelle politiche energetiche, anche se mantengono buone performance sugli altri fattori. Philips sta facendo passi con processi sulle rinnovabili, Sony Ericsson è forte sui prodotti ecocompatibili, mentre Samsung ha la filiera più ecocompatibile al mondo.

Chiudono la classifica delle prime dieci Lenovo che ha guadagnato negli anni ben 6 posizioni, Panasonic e Sony in discesa.

E’ entrata per la prima volta in classica anche RIM, l’azienda produttrice di Black Berry, che si è guadagnata la maglia nera per la poca trasparenza nelle documentazioni che attestano il suo impatto ambientale.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :