Magazine Politica Italia

Guarda lì, guarda là, che maleducazione...

Creato il 14 giugno 2012 da Freeskipper @freeskipperIT
Guarda lì, guarda là, che maleducazione...Cosa succede, cosa succede in città, c'è qualche cosa... qualcosa che non va!!! Guarda lì, guarda là che confusione... Guarda lì, guarda là...che maleducazione!!! Eh sì, che maleducazione canta Vasco!!! Sarà colpa della scuola, della famiglia o della TV fatto è che l'inciviltà è un fenomeno in continua crescita che non conosce età, sesso, latitudine! Il problema della mancanza di rispetto e di educazione è una realtà che valica le generazioni, le montagne, l'estrazione sociale, i titoli di studio. Insomma i maleducati crescono e dilagono ovunque: sono sempre più numerosi e disinvolti nell'ostentare le loro cattive, anzi pessime abitudini! Si possono trovare dappertutto, in ufficio, nel condominio, al supermercato o nei mezzi pubblici, le persone che si comportano in modo maleducato sono sempre di più. Meglio quindi correre ai ripari, non lasciando correre i piccoli soprusi quotidiani. Ecco alcune tattiche vincenti per affrontare i ‘maleducati’ nel modo giusto.
Nei mezzi pubblici. Quando si viaggia nell'ora di punta e i mezzi sono strapieni può capitare che un passeggero ci urti e pesti i piedi involontariamente e se le scuse arrivano subito l’incidente si chiude li. Ma come fare se il vicino ti ruba il posto, ti urta con borse e zaini, si comporta in modo scortese? Conta fino a dieci, fai sbollire la collera, potrai così affrontare la situazione in modo lucido e razionale per evitare di cadere nel torto. Informa in modo educato il tuo vicino che il suo comportamento ti sta arrecando un fastidio, se vedi che non c’è nessun tipo di risposta se è il caso prendi l’iniziativa, ad esempio facendogli togliere le scarpe dai sedili o spostando tu le valigie poste in modo sbagliato.
Chi scavalca la fila. Tu aspetti con pazienza il tuo turno perché non vuoi approfittare ma hai una grande fretta, all'improvviso arriva 'lui' o 'lei' che con la scusa di dover prendere "solo un caffè" o della "macchina in doppia fila" ti passa tranquillamente davanti oppure mentre parla al cellulare va in testa alla coda del supermercato fingendo di non vederti. Prima che il sangue ti salga in testa, fai notare che c'è una fila da rispettare e prova a dire in modo asciutto, ma garbato, che si deve mettere in fondo alla fila. In questo modo il maleducato non avrà modo di rincalzare perché la frase non lascia spazio a risposte. Se vedi che la persona è piuttosto burbera e potrebbe reagire in modo negativo allora prendilo in contro piede dicendo "Anche io ho molta fretta come lei ma non possiamo fare finta che esista una fila, le pare?".
Chi parla sempre e a voce troppo alta. Chiacchierano sempre nei momenti inopportuni durante una celebrazione, una funzione religiosa, al cinema o al teatro e se non parlano rumoreggiano scartando carte di caramella o armeggiando nella borsa. Verrebbe spontaneo agire in modo irruente alzando la voce per farle zittire ma questo comportamento sarebbe controproducente e provocherebbe ulteriori battibecchi. Meglio agire con l'educazione che ti contraddistingue con frasi tipo "Scusate potete parlare quando c'è l'intervallo oppure fuori dal locale?". Solitamente la brutta figura spinge le persone a limitarsi, ma se non dovesse sortire effetti provate con le maniere forti cercando di zittirli. Se ancora non funziona è meglio desistere, di fronte alla vera maleducazione c’è poco da fare.
Gli arroganti nei mezzi pubblici. I due comportamenti classici del maleducato doc sono lo sbattere la porta in faccia e rubare il posto a sedere. Spesso queste persone non vengono apostrofate da nessuno e continuano nel loro atteggiamento imperterrite. Guardali diritti negli occhi e rivendica con cortesia il tuo diritto, se il personaggio farà finta di non sentirti rispondi con un "Grazie, molto gentile" la stessa risposta deve essere data a quello che vi ha lasciato che la porta vi finisse addosso. Certo questo non risolverà il problema, ma la speranza è che susciti un minimo di vergogna nel maleducato di turno.
Chi sporca e getta le carte in terra. Alcune persone non hanno il minimo senso civico, inquinano e gettano carte e spazzature nel parco, invadono gli spazi comuni considerandoli come propri, ascoltano musica o le suonerie del cellulare ad alto volume, gettano lattine e mozziconi di sigaretta. Anche in questo caso alla maleducazione si può rispondere solo con l’esempio e le buone maniere, dopo aver fatto un bel respiro rivolgiti direttamente a loro per chiedergli di comportarsi in modo più corretto. Per la sporcizia poi agire di furbizia arrivando con un sacchetto di nylon e dicendo "Non avete un sacchetto per la spazzatura? Ve ne regalo uno io così potete usarlo subito!".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :