Magazine Tecnologia

Haiku

Creato il 19 giugno 2010 da Mario
Da tempo seguivo il progetto Haiku, che si pone l'obiettivo di cerare il sistema operativo erede di BeOS. Dopo aver letto questo post su pollycoke ho preso coraggio, mi sono armato di Live CD (E' ancora troppo presto per una installazione completa) e ho rispolverato come cavia il mio primo computer, ormai caduto in disuso perché davvero troppo poco potente.
Il motivo di questa scelta è principalmente legato sia al fatto che vedo Haiku come un sistema per resuscitare vecchi computer, sia alla mia volontà di alzare un po' l'asticella per questo test: per una prova di usabilità sarebbe bastata una macchina virtuale, ma non avrei ottenuto nessuna indicazione sul sistema sul quale potrei utilizzare Haiku.
HaikuDopo questa introduzione lascio lo spazio alle impressioni che ho avuto da questo test.
Innanzitutto é necesario dire che su un computer così datato anche un sistema snello come Haiku può fare poco per sopperire alle lacune dell'hardware.
Haiku non si è comportato affatto male, sopratutto se si considera che ho testato da live cd, però le prestazioni non fanno urlare al miracolo e ogni tanto a causa della lentezza del processore ho avuto degli evidenti rallentamenti.
Molto buono il tempo di caricamento del sistema e ottimo anche il riconoscimento delle periferiche, senza fare nulla il sistema era usabile (Anche se forse non ottimizzato al massimo) e, cosa molto importante, online.
Il browser WebPositive mi ha fatto una buona impressione, a parte il mancato supporto di Flash (Che quindi limita un po' l'esperienza dell'utente) sono riuscito a concludere questo post, controllare la mail, i feed su google reader e anche twitter senza troppi prolbemi.
In definitiva forse un Pentium II è troppo vecchio per venir resucitato da Haiku che invece si dimostra un buon sistema, adatto per sia per il web sia per un utilizzo multimediale, anche su hardware un po' datato.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine