Magazine Africa

Henning Mankell nel ricordo di un lettore "forte"

Creato il 07 novembre 2015 da Marianna06

Henning-Mankell-33-ny

Henning Mankell, diviso logisticamente nelle sue residenze tra il sud della Svezia, la Costa Azzurra (Antibes) e l'Africa (il Mozambico, dove aveva fondato il teatro Avenida e prima ancora lo Zambia) è stato uno scrittore  dalla vena inesauribile.

I suoi romanzi hanno avuto lettori in almeno quaranta Paesi e per oltre  quaranta milioni di copie vendute.

Aveva creato il commissario Kurt Wallander e gli aveva posto sulle spalle il compito di fare un ritratto dell’attualità svedese.

Una radiografia del reale sotto la pelle fredda e cupa,  quella nascosta sotto il concetto di “nord” che forse Mankell aveva ben chiaro, proprio perché aveva capito cosa voleva dire “sud”.


Così, quello che oggi è defnito "giallo nordico" (ricordiamo in tema anche lo scrittore Stieg Larsson e i suoi successi editoriali), ha avuto uno dei suoi maggiori interpreti,ma un interprete decisamente diverso da tutti gli altri.

Wallander è uno dei personaggi più riusciti della letteratura contemporanea: vive nella stessa casa di Maigret e Montalbano, ma anche sullo stesso pianerottolo del Fowler dell’Americano tranquillo di Graham Greene, il cui dirimpettaio è Fabio Montale di Jean-Claude Izzo, che convive – in una coabitazione curiosa – con il Maqroll di Alvaro Mutis.

Sono quasi tutti personaggi che, prestati a quello che spesso viene definito “genere”, danno vita invece al romanzo di attualità, che significa economia, politica, criminalità, cronaca.

E ben sapendo che tutte queste cose insieme fanno la Storia.

E' proprio con il piacere di raccontare la Storia, infatti,  che Mankell esercitava il suo mestiere di romanziere.

Mankell è riuscito in qualcosa di molto difficile e per questo lascia un grande vuoto.

È stato uno scrittore impegnato senza volerlo essere.

Con i suoi libri ha militato contro chi è responsabile del dilagare dell’Hiv in Africa, contro gli apartheid di qualsiasi latitudine, soprattutto contro quella che è una piaga incurabile: il razzismo.

Egli amava ripetere una frase del mozambicano Mia Couto: “Ogni essere umano è una razza”. E, ragionava Mankell, con ironia: “Non si può essere razzisti, perchè non si può essere razzisti contro sei miliardi di razze diverse...”.

                        Alberto Riva [ da L'OSSERVATORE CARIOCA-blog]

                           a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :