Magazine Cinema

Hereafter

Creato il 14 gennaio 2011 da Filmdifio
Hereafter
Non sono mai stata una fan di Clint Eastwood, pur riconoscendone tutti i meriti "oggettivi". Un maestro di impeccabile e mai sciatta regia. Forse troppo "classico" per i miei gusti.Stavolta mi devo ricredere (e chi se ne frega commenterà qualcuno :-) ).Eastwood sceglie per "Hereafter" un tema ingombrante ed inafferrabile, di cui si ha imbarazzo a parlare. Non è facile confrontarsi con il "concetto" (o realtà?) di morte, ancora più arduo è cercare di raccontarlo, in qualche modo. Il regista utilizza tre personaggi e tre storie. Matt Damon è un giovane operaio di San Francisco con il dono e la condanna di entrare in contatto con i defunti. Cécile De France è una giornalista francese, sopravvissuta allo tsunami che colpì il sud est asiatico. Il piccolo George Mc Laren ha invece perso l'amatissimo fratello gemello in un assurdo incidente. La morte diventa realtà nelle vite dei tre personaggi, una realtà scomoda con cui è doloroso e complesso averci a che fare, una realtà che confonde, ma che allo stesso offre strane certezze. Nel narrare le tre vite, Eastwood non si "sbilancia" mai. E' un film emozionante e commovente, ma inspiegabilmente sobrio e senza eccessi. Il tema e la scelta più marcatamente narrativa fatta avrebbero portato chiunque ad "esagerare", a scadere in lacrime facili e commozione sensazionale. La classicità e la delicatezza di Eastwood, invece, evitano tutto questo, regalando un'atmosfera giusta, equilibrata, tesa e serena allo stesso tempo, per tutta la durata del film.E la chiave scelta, quella del gusto del racconto, sembra essere vincente. Eastwood non prova a scavare in modo macchinoso nelle personalità delle sue creature. Le lascia emergere attraverso la narrazione delle loro realtà, facendo in modo che siano i "fatti" a parlare, a far intuire, a far immaginare.La regia, infine, ancora una volta classica ed impeccabile. La tecnica di Eastwood è una forma di rispetto e di amore per il cinema e per il suo pubblico. Nulla è lasciato al caso, ogni inquadratura è curata e significativa, tassello della realtà cinematografica che scorre davanti gli occhi.
ps. un plauso al piccolo Mc Laren. La sua è la storia più commovente e delicata. Il piccolo attore offre un'interpretazione che lascia senza fiato.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Hereafter

    Hereafter

    I film con i sensitivi sono quasi sempre dei film che fanno di tutto per metterti paura, che questi sensitivi parlano con la gente morta e parlare con la... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Eastwood e il soprannaturale: Hereafter

    Eastwood soprannaturale: Hereafter

    Eastwood e il paranormale. Un binomio su cui vale la pena fare una scommessa. Hereafter è un film che tratterà il difficile tema delle N.D.E – Near death... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter in anteprima europea al Torino Film Festival

    Hereafter anteprima europea Torino Film Festival

    Ottime notizie dal Torino Film Festival. Sono infatti stati resi noti i film di apertura e chiusura della imminente ventottesima edizione. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • TFF28 – Hereafter – il paradiso secondo Clint Eastwood

    TFF28 Hereafter paradiso secondo Clint Eastwood

    Così la delusione arriva proprio lì dove non te lo aspetti, dal grande Clint Eastwood. Ti presenti in sala alle 9.00 di mattina convinto di vedere un filmone... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter

    Hereafter

    Via il dente, via il dolore: Hereafter (2010) è il peggior film diretto da Clint Eastwood dai tempi di Firefox. Volpe di fuoco (1982). Più noioso di Changeling... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter – recensione

    Hereafter recensione

    Esce oggi Hereafter, il film più soprannaturale di Clint Eastwood.Ricorderete che ho avuto modo di vederlo al Torino Film Festival e che mi ha un pochetto... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter

    Hereafter

    Tristo mietitore, Angelo della morte, Thanatos, Enma, Yama: la morte ha molti nomi.Raffigurata come uno scheletro avvolto in un mantello e pronto a brandire... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA