Magazine Cinema

Hereafter

Creato il 28 gennaio 2011 da Frankezze

Hereafter
HereafterI film con i sensitivi sono quasi sempre dei film che fanno di tutto per metterti paura, che questi sensitivi parlano con la gente morta e parlare con la gente morta è una cosa che tra le altre cose può  anche essere inquietante, e questi film sono pieni di persone che si girano nel letto e vedono la moglie morta, che è in pessimo stato, perché è morta appunto, oppure si fanno il bagno e nell’acqua ci trovano il fratello, in pessimo stato anche lui, e quando si guardano questi film si è sempre un po’ tesi, c’è poco da fare.

E invece qui  si vede che non volevano fare uno di quei film che ti spaventi e stai a muoverti sulla sedia tutto il tempo e allora hanno preso i momenti del film in cui poteva esserci della tensione e li hanno allungati tanto, ma tanto, così che a nessuno venisse in mente di preoccuparsi della gente morta e ci sono dei momenti che tu ti chiedi Ma non li avranno allungati troppo? che uno insomma finisce per non preoccuparsi più di nulla.

E c’è uno a cui piace molto Dickens, davvero tanto, che quando va a dormire ascolta la voce di uno che legge i libri di Dickens e gli piace così tanto che in cucina ha messo una stampa con la faccia di Dickens e una sua amica a un certo punto gli chiede Chi è, un tuo antenato?, e lui No, è Dickens, e non si riesce davvero a capire perché l’abbia messa in cucina.

A essere sinceri ci sono anche dei momenti in cui stai un po’ in ansia, che ci sono degli incidenti, e tra gli incidenti ce n’è uno dove uno dei personaggi viene investito con un furgone e poi per tutto il resto del film quando c’è qualcuno che attraversa la strada ti aspetti sempre che qualche macchina lo metta sotto, stai sempre un po’ in pensiero, insomma.

Però credo dipenda anche dal tipo di storia, che se uno fa un film con un sensitivo tu immagini che verrà usato il più possibile, questo sensitivo, e quindi ti aspetti che chiunque compaia nel film muoia da un momento all’altro, così lui può usare questo suo potere, e invece lui non vuole usarla per niente questa cosa qui, e a te piacerebbe anche che la usasse un po’ di più perché è vero che è inquietante parlare con la gente morta, però è sempre meglio di starsene così senza far niente, e invece lui è irremovibile, è come un film dove c’è tipo Superman e il mondo è in pericolo grave e tutti gli dicono Vola!, e lui No, dai, sono stanco, oggi no, e questa cosa è una cosa abbastanza insolita, una cosa che non capita spesso, e le cose che non capitano spesso un valore, io credo, ce l’hanno.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Eastwood – Hereafter

    Eastwood Hereafter

    L’ultima pellicola firmata dal buon Clint Eastwood (classe 1930) nelle vesti di regista si delinea da subito come narrazione non facile e non banale, attorno a... Leggere il seguito

    Da  Alekosoul
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Eastwood e il soprannaturale: Hereafter

    Eastwood soprannaturale: Hereafter

    Eastwood e il paranormale. Un binomio su cui vale la pena fare una scommessa. Hereafter è un film che tratterà il difficile tema delle N.D.E – Near death... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter in anteprima europea al Torino Film Festival

    Hereafter anteprima europea Torino Film Festival

    Ottime notizie dal Torino Film Festival. Sono infatti stati resi noti i film di apertura e chiusura della imminente ventottesima edizione. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • TFF28 – Hereafter – il paradiso secondo Clint Eastwood

    TFF28 Hereafter paradiso secondo Clint Eastwood

    Così la delusione arriva proprio lì dove non te lo aspetti, dal grande Clint Eastwood. Ti presenti in sala alle 9.00 di mattina convinto di vedere un filmone... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter

    Hereafter

    Via il dente, via il dolore: Hereafter (2010) è il peggior film diretto da Clint Eastwood dai tempi di Firefox. Volpe di fuoco (1982). Più noioso di Changeling... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter – recensione

    Hereafter recensione

    Esce oggi Hereafter, il film più soprannaturale di Clint Eastwood.Ricorderete che ho avuto modo di vederlo al Torino Film Festival e che mi ha un pochetto... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Hereafter

    Hereafter

    Tristo mietitore, Angelo della morte, Thanatos, Enma, Yama: la morte ha molti nomi.Raffigurata come uno scheletro avvolto in un mantello e pronto a brandire... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog