Magazine Mondo LGBTQ

How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!

Da Allthebeauty

How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!
Link! 
Sottotitolo strappalarime cum citazione: i am a human and i need to be loved, just like everybody else does.Sapete, quando ho scritto questo post io ho mentito. Io non ce l'ho quel physique du role lì, non ho la faccia adatta.La settimana passata il capo supremo mi ha detto che sembro una miniatura degli anni '20. Io non credo d'avere questa faccia qui, ma dopo esser stata paragonata anche a Coraline non mi stupisco più di nulla. Per farla breve, io non possiedo di certo la tanto fantomatica faccia da lesbica. Anzi, potrei tranquillamente esserne considerata l'antitesi. E' per questo che scrivo questo post, care amiche. L'alternativa per spiccare fra i papaveri alti alti alti non è fingervi un papavero, ma vestirvi da peonie. Al bando i termini medi tanto cari all'ermeneutica: esasperate, esasperate, esasperate!Dalla punta dei capelli arrotolata in bigodini alla punta dei piedi laccata di rosso, femme-femme-femme!
Una femme che possiamo trovare ovunque nonostante i dubbi talenti, Amber Heard:
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!

How to dress like a femme, versione esasperata e stereotipata da somministrarvi a piccole dosi. (immagini da Polyvore, con l'ausilio di control k, la mia scorciatoia da tastiera preferita)

How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!
Punto primo: la gonna. Non una minigonna, non robetta di jeans raffazzonata e inguinale, ma una bella gonna la ginocchio, ampia, magari a pieghe, magari con una bella stampa floreale, ancor meglio in pizzo. Se loro avevano la canottiera come totem, voi avete la gonna. Chiaro e semplice.
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme! 
Cose da abbinare alla gonna: twin-set alla Bree van de Kamp, bluse di seta, in pizzo, camicie con maniche arrotondate, peter pan collar come se piovessero.
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!
Meglio della gonna, meglio di qualsiasi camicietta in pizzo: vestiti. vita segnata, gonna ampia, tessuti sopracitati. Lunghezza al ginocchio, che siete signorine bene.
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!
Accessori: lapalissiano, tacchi. Concesse le ballerine, Audrey insegna. Borsette piccine picciò, rossetti rosso fuoco, leziosi cappelli e ancor più leziosi gioielli, fiocchi., sorriso a trentadue denti.Portasigarette, nel caso di vizio.Uscite e splendete, peonie!

E ricordate:
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme! Link!
Prossima (ed ultima) puntata, il connubio: Tomboy femme.
E nel frattempo, Buon Natale!
How to be a dyke, lesson two: femme, femme, femme!
Link!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines