Magazine

I Black Veil Brides mi fanno sentire sporco

Creato il 27 aprile 2013 da Xab @Xabaras89
Black Veil Brides Quanto conta la copertina nel giudizio che si da al libro, positivo o negativo che esso sia?
Allora.
Penso che in linea di massima quasi tutti siano consapevoli di come il mercato musicale sia in larga misura gestito in modo del tutto affine a quello dei fast food.
Per intenderci, esistono diverse realtà "musicali" costruite più o meno a tavolino con un determinato impatto scenico, pubblicitario e (per ultimo) sonoro atto a garantire vendite, fandom e diffusione virale del prodotto (vale a dire musicista/i)
Si lo so, state pensando a Justin Bieber, One Direction e compagnia "cantante", ma per onestà intellettuale (?!) non bisogna dimenticare che queste sono caratteristiche anche di realtà di tutto rispetto: Elvis, Beatles, Rolling Stones, Kiss, Queen, Alice Cooper, Sex Pistols, Iron Maiden, Guns n' Roses...chi più chi meno, la copertina ha contato tanto quanto il libro nella loro diffusione (e spesso pure di più)
Tale è la fantomatica musica commerciale che, a dispetto di quel che si potrebbe pensare, risulta assai variopinta e colorita
A questo punto qualcuno tirerà in ballo il lato tecnico, cioè quello della complessità e del virtuosismo musicale come metro di paragone e giudizio, ma (sebbene sensato) questo modo di ragionare è abbastanza ridicolo in termini generali: utilizzandolo dovremmo porre Gigi D'Alessio svariate spanne sopra i Ramones, e non credo che a nessuno di noi piacerebbe farlo (e se si, temo che siate capitati su questo blog per sbaglio)

I (le?) Black Veil Brides prendono a pie mani stile, modo di porsi, tematiche e look da quel "pseudo-emo" che tanto è andato di moda dal primo decennio degli anni 2000: sono palesemente pensati per coinvolgere un certo target di fanciulle (e fanciulli) in un modo che però rimanda molto anche al Visual Key Giapponese, e che quindi ha radici stilistiche nel vecchio Glam ottantiano, per quanto in salsa dark
Eppure musicalmente sono tutt'altra storia:  un hard rock essenziale nell'ossatura con qualche virtuosismo chitarristico tanto per gradire, evidente matrice Kiss / Alice Cooper / Billy Idol con sprazzi di moderno metalcore e scream (più o meno patacco)

se su questo pezzo avessero avuto l'aspetto dei Megadeth avrebbero un decimo delle visualizzazioni, ma il sostegno della comunità metallara


Musica che il loro ascoltatore medio, attratto dall'aspetto scenico, probabilmente non ha mai sentito, e che il metallaro trve preferirà ignorare proprio in vista dell'aspetto scenico, che rende molto più comodo tacciare come emo il tutto e lavarsene bellamente le mani
Lo stesso metallaro che però magari ti osanna i vecchi Skid Row (che erano fantastici, per inciso) quando, seppur con uno spessore tecnico superiore, non vivevano una situazione troppo diversa nella loro rispettiva epoca
E se cambiamo il target da adolescenti in tempesta ormonale a quello metallari virilmente nerd è un ragionamento che del resto vale pure per i Manowar

Mi sento sporco ?

Black Veil Brides copertina

A vederli secondo me Gene Simmons
esclamerebbe: "CASH!"

Confesso che la palese patinatura pubblicitaria (e la menosità di certe loro canzoni) mi fa storcere il naso, e che mi riesce difficoltoso ignorare un fandom tossico che bazzica in giro con messaggi del tipo "BVB army 4 life Justin Biber must die", quindi si, un po' mi sento sporco
Perché in definitiva le mogliettine dal velo nero mi piacciono eil cantante ha un timbro vocale che personalmente apprezzo moltissimo (almeno quando non tenta di inserirci orpelli screamo/metalcore e si tiene sul piano più genuinamente rock)
Più che altro comunque non mi sembrerebbe coerente snobbarli solo per la copertina quando non ho mai esitato un secondo ad apprezzare gli esponenti il vecchio Glam (salvo i Motley Crue, che non ho mai sopportato, ne mai sopporterò),  è uno di quei contrasti schizofrenici che mi lasciano sempre interdetto
Poi vabbè, ci ha suonato assieme pure Zakk Wylde, quindi ho pure una scusa coi controcoglioni, tiè.  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog