Magazine Spiritualità

I Ching - Riflessione sul Terrorismo e la Guerra

Da Vanamind
Buongiorno a tutti.
Vorremmo fare con voi una riflessione su quello che è accaduto nei giorni scorsi.
In questi giorni i mass media di tutto il mondo Occidentale, inclusi Russia, Cina e Giappone per l'Oriente, si sono tutti uniformemente scagliati contro il nemico. L'immigrato che scappa dalla guerra (le dichiarazioni della sig.ra Boldrini a questo proposito sono scandalose); il terrorista che con le stesse modalità palestinesi si fa esplodere in mezzo alla folla ignara delle nostre città; il terrorista con il mitragliatore d'assalto nuovo di zecca, che spara centinaia di pallottole in una manciata di secondi, intento a fare il tiro al piattello con le persone che si trova di fronte, indifferentemente bianchi o neri, uomini o donne, giovani o vecchi, con la stessa consolidata e psicotica tecnica applicata dagli studenti americani che ogni tanto si fanno una strage in proprio in qualche cittadella degli Stati Uniti.
E ci vengono in mente i giochi di magia, quelli dove il prestidigitatore manipola una moneta concentrando la nostra attenzione sulla mano destra, mentre con la sinistra la fa sparire lasciandoci a bocca aperta per lo stupore. In un magico alito di fiato la moneta non c'è più.
I terroristi che hanno colpito la Francia erano tutto giovani, figli di un'alterazione culturale che ha facile accesso nelle menti più deboli, quelle in cui è semplice instillare ed alimentare una spirale di "verità" così aggressive e violente, da giustificare qualunque azione gli venga prima o poi richiesta (da chi in prima linea però non andrà mai).
Questi baldi giovani (uomini e donne indifferentemente), spesso senza arte nè parte, reclutati da una propaganda insidiosa e subdola che passa dalle chat di facebook a quelle delle piattaforme dei videogame, improvvisamente diventano dei commandi in grado di gestire un'azione militare ad ampio raggio e sono anche equipaggiati di tutto punto.
Se voi vi trovaste in campagna e improvvisamente sentiste il rumore di un branco di zoccoli in arrivo, a che cosa pensereste? al sopraggiungere di una mandria di cavalli, oppure di unicorni?
Noi penseremmo a una mandria di cavalli, se proprio fossimo in Africa potremmo orientarci verso un branco di zebre o giraffe, ma gli unicorni... beh gli unicorni dovrebbero infilarci il loro appuntito corno negli occhi per essere credibilmente accettati.
Il nemico è quindi il ventenne che imbraccia il fucile perchè è così stupido e boccalone da essersi bevuto la storia del paradiso e delle 2550 vergini, o chi per esso, oppure il vero nemico è chi ha fornito soldi, armi e gli addestratori sul campo? I professionisti in grado di trasformare un branco di giovinastri in macchine da guerra?
Ma chi sono queste persone? Non tanto i mercenari che si vendono al migliore offerente e sono in grado di addestrare un manipolo di brancaleone, chi ha così tanti soldi e potere per finanziare e proteggere?
Applicando la tecnica del Rasoio di Occam è chiaro fin da subito che il rumore degli zoccoli è quello di un branco di cavalli, non di unicorni, e quindi per consecuzione logica è altrettanto chiaro che il nemico non è il terrorista boccalone che ha creduto di fare l'eroe uccidendo e poi immolandosi in nome di un'ideologia assurda. Il vero terrorista è il finanziatore che ha reso possibile che questo succedesse, colui che ha fornito tutto, anche gli addestratori specializzati sul campo.
Ed è su questo che noi dobbiamo interrogarci. Dobbiamo domandarci chi e cosa ci accomuna a questi terroristi, militari di una guerra che non conosce confini ed è talmente subdola da rendere impossibile ogni difesa. Una guerra che non si fermerà e che è stata decretata da motivazioni geografico/economico gestite da chi in Siria probabilmente non ha mai nemmeno messo piede.
Il potere economico viaggia a braccetto con quello politico e teologico, nulla si salva e la verità è sempre la stessa ovunque. Pochi si ingrassano usando la fatica e il lavoro dei molti, quegli stessi molti che rischiano di cadere (loro sì veri ignari eroi) colpiti sui marciapedi delle loro case in tempo di "pace".
La corruzione politica internazionale, che ha portato a questo stato di cose, ha origini profonde e lontane, motivazioni chiave come istituire una polizia europea con diritto sovrano sopra ogni paese, il controllo totale e globale di ogni cittadino a prescindere da qualunque diritto.
Noi pensiamo che sia necessario aprire gli occhi, cercare di capire che cosa succede, farsi domande e dare un'occhiata ai libri storia, perchè le stesse identiche tecniche di coercizione utilizzate sui presenti e futuri terroristi, funzionano molto bene anche sulla massa ignara che siamo noi. Basta continuare a ripetere che stanno arrivando gli unicorni, perchè se questo è fatto per un tempo sufficientemente lungo ci credono tutti anche se non è vero.
L'unica cosa che può salvarci, almeno come singoli individui, è prendere atto di quello che accade realmente.
Prendere atto che per nessuno di noi è più possibile far finta di nulla.
Libro consigliato: La Fattoria degli Animali, George Orwell.
Disco consigliato: Animals, Pink Floyd.
Ching Riflessione Terrorismo Guerra
Vi ricordiamo che nella barra superiore di navigazione nella sezione “Chi Siamo”  (clicca sul link per approfondire) trovate le indicazioni utili per usufruire del blog;  nella sezione “Articoli I Ching” (clicca sul link per approfondire) i temi culturali e tecnici legati alla disciplina di Yi; nella sezione "Sistema Complesso" (clicca sul link per approfondire) le indicazioni sul modello di funzionamento; nella sezione "Consultare I Ching" (clicca sul link per approfondire) i post che affrontano le tecniche di consultazione; nella sezione “Biblioteca” (clicca sul link per approfondire) i percorsi di lettura e cinematografia consigliati. Nella colonna alla vostra destra trovate tutti gli esagrammi e le linee discusse, elencati in ordine numerico. Buona ricerca! :) COME UTILIZZARE IL BLOG CLICCA QUI  -  GOOGLE + CLICCA QUI - FB CLICCA QUI

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine