Magazine Lifestyle

I Dolori delle Giovani Donne

Creato il 11 luglio 2012 da Melly @MElly

I giri nel mondo dorato, paillettato e plissettato dello shopping spagnolo continuano, -devo coniugare cultura e arte al divertimento socialmente poco accettabile- e con la mia amica Simona abbiamo spulciato completamente il negozio di moda intimo/mare/basic Womens’ Secret. Saldi da oltre il 50%, costumi deliziosi, infradito e sandali colorati, borse da mare, intimo in pizzo e pigiamini.. la cosa che mi ha messo curiosita, peró, era l’intimo contenitivo. Non che io e Simona ne abbiamo bisogno, anzi, credo che una donna non necessiti di certi attrezzi, ma ero realmente curiosa di scoprire se realmente funzionano. E ho provato un paio di mutandoni e una sorta di guêpière

Le mutande mi hanno quasi causato un blocco intestinale. No, dico sul serio, ma come si fa ad indossarle per piú di 10 minuti? Sono strettissime e altissime, inoltre neanche svolgono il loro lavoro di “pancera del 2012″. Erano così strette che mi comprimevano il pranzo, come conseguenza fisico-logica non ci sarebbe da stupirsi se la tipa che le compra e le indossa per una serata, rutta tutto il tempo. Dicono che lo shaping valorizzi il fisico…lo dicevano pure del busto. Punti di vista e mode,  certo, ma son sicura che certe cagate non vengono partorite dal cervello di una donna, non posso e non voglio crederci..

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne
Passiamo alle sottovesti e ai body. No, nulla da dire… non sono nemmeno riuscita a metterla. Eppure ho preso la mia taglia. Era talmente stretta che la mia testina (e io ce l’ho piccola fidatevi) non riusciva a passare dalle spalle. Penso che un oggetto del genere sia in grado di togliere il fiato e di rendere isterica una donna, inducendola alla crisi di nervi. E non scherzo. Sono  l’opposto della comoditá e sono antisesso a bestia. Cari signori del marketing delle aziende di intimo, evitate di raccontarci ancora le bufale che lo stile retró nell’intimo è tornato di moda, perchè se mi presentassi al mio ragazzo con una guaina color carne (o anche in pizzo nero, se volessi fare la sensualona) mi riderebbe in faccia e addio libido. E non credo sia un problema dell’ Ingegnere, ma penso sia una cosa comune a tutti i maschi. Non a caso, da tempi immemori, evitiamo i mutadoni alla Bridget Johnes.

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

Ecco altri esempi dalla ben più nota Intimissimi, che ha deciso anche di aiutare le novelle spose a strizzarsi tipo salamimini con delle simpatiche culotte..

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne

I Dolori delle Giovani Donne
I Dolori delle Giovani Donne

Inolte, il fatto di somigliare ad una sudata, isterica, stretta e stressata Milly Carlucci, insaccata nelle sue guaine per entrare in quegli orrendi abiti lunghi so ’90s, non ne abbiamo proprio voglia.

Io capisco benissimo il desiderio di indossare abiti attillati, tubini, vestiti bianchi (dai quali la cellulite fa capolino e ciao ciao dal sedere) e conosco anche la sensazione di disagio che si prova quando notiamo la pancetta sul basso ventre che sbuca sotto al vestito… ma costringere il proprio corpo in uno strumento di tortura, proprio no. Ci sono tre modi per ovviare a questo “malessere”: o dimagrire e fare sport sano, o cambiare tipo di abito, oppure fregarsene e indossare ció che ci piace con senso del gusto. Costringerci in una sorta di busto moderno per nascondere un paio di chili in piú è assurdo, soprattutto se pensiamo che ci stanno fracassando le scatole con questa storia della DONNA CURVY.

Allora, spiegatemelo, signori del marketing e signori pubblicitari, vanno di moda le donne curvy, oppure le donne curvy dovrebbero costringersi in guaine contenitive per essere meno curvy?

E vi ho giá detto anche come la penso sul definire una donna normopeso

Sharamelo!

  • Facebook
  • Email
  • Twitter

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :