Magazine Musica

I Fasti-morula

Creato il 27 febbraio 2012 da Iyezine @iyezine

27 Febbraio 2012 A cura di:

Michail

I Fasti: due bassi, due pc, una chitarra e una voce. Da questa interessante ricetta torinese nasce Morula, tre canzoni e quattro racconti, acquarelli al vetriolo tra impegno e stati d'agitazione.
Dopo Ovatta (2010), il loro primo disco, ecco cosa bolle in pentola: un esperimento (quasi) riuscito.

Una drum machine "...e fuori la peste" direbbe qualcuno: I Fasti non lasciano scampo e immediatamente colpiscono al ventre con il vuoto pneumatico di "Cadono piogge", manifesto sanguinante della loro poetica: " bacio ora qualunque sconfitta, perché non rinunceremo a piangere e non rinunceremo a ridere, a sfiorarci i capelli e ad accarezzarci il viso". I bassi chitarrosi sono lì ad erigere muri di desolazione, lo sporco, la disperazione delle chitarre ipernoise, sul finale, rade al suolo le speranze; una pioggia baudelairiana ci confina tra le sue sbarre.
"Cagnolini di gesso" con il suo ritmo incalzante e sostenuto deve forse un po' troppo ad altri (Offlaga Disco Pax, il Capovilla più recitante alla Carmelo Bene e il Marco Paolini dei dischi con i Mercanti di Liquore...); il tono un po' troppo declamato, le suggestioni tenute insieme da un labile (forse troppo labile?) fil rouge, l'arrangiamento meno espressivo rispetto alle altre tracce rendono il brano un poco faticoso.
Conclude il cerchio musicale dell'opera "Morula", sentito compianto per una comunità (se di comunità ha ancora senso parlare) che sempre più si volge in direzione dell'indifferenza, dell' abitudine, dell' orrore quotidiano. Sembra di sentire il Max Collini più ispirato ("Piccola Pietroburgo", "Sensibile"...), la scrittura raggiunge alte vette: "... pur di non sentire quello che le carni, quello che le viscere sussurrano, pur di rientrare nella grande famiglia della norma". L'intento espresso di aprire ad una "nuova prospettiva" sembra porsi nel solco di quello che alcuni hanno chiamato "Neosensibilismo". Onore al merito.
I quattro racconti che completano il curioso frutto degli sforzi della band torinese ("I ricchi paghino", "La fabbrica degli scrittori", "Loro possono!!!95 Riforma Dini", "Gatti, palloncini... per noi, per coloro che saranno") scritti da Rocco Brancucci ( voce de I Fasti) e Paola "Anika" vivono di un profondo senso civile e impegno sociale, che cerca di colpire alla base del generalizzato letargo politico (nel senso etimologico del termine) che infesta e aleggia come uno spettro sulla nostra penisola. La scrittura però, risulta meno incisiva che nei testi dei brani, meno calibrata, meno esplosiva.
Un' idea niente male, un libro-disco che si fa apprezzare nella sua materialità e sincerità, nel suo taglio "autoprodotto", un' opera diretta, onesta, senza fronzoli o esagerazioni; a volte risuonano un po' troppo gli echi massimovolumiani e discopaxiani, manca un poco di "personalità sonora", d' inconfondibilità; un qualcosina in più circa la cura dell' “insieme” non avrebbe guastato, tuttavia essendo un disco registrato in presa diretta in "un pezzo di notte",come loro stessi ci raccontano, probabilmente c'è sotto una precisa scelta di immediatezza e "violenza" d'espressione.
Resto curioso per le future e "nuove prospettive"!

Autore : I Fasti
Titolo: Morula
Anno : 2012
Etichetta : Autoproduzioni Seminole

Secondo noi potrebbe piacerti anche:

White Hills-frying On This Rock

White Hills-Frying On This Rock

Above The Tree & The E-side-wild

above the tree & the e-side-wild

Beats Me-out Of The Box

Beats me-Out of the box


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I miti

    miti

    Deriva dal termine greco mythos e logein. Letteralmente: discorrere in maniera razionale del racconto poetico sarebbe il significato autentico.Mi sono sempre... Leggere il seguito

    Da  Arkavarez
    TALENTI
  • I ♥ Lipsticks

    Lipsticks

    Grazie a Quanto costa esser donna per avermi taggata!!!!! Farò subito una premessa però: per quanto io adori il make up e i trucchi in generale, non sono mai... Leggere il seguito

    Da  Daniii
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • I nimici i Rriggiu

    nimici Rriggiu

    Ssettatu a 'n pizzu o’ Ccippu in via Marina pensava e’ fatti mei i prima matina quandu nto silenziu rimbombau ‘na vuci forti e calma, e mi chiamau. Leggere il seguito

    Da  Paplaca
    SOCIETÀ
  • I professionisti

    professionisti

    Richard Brooks, nasce a Philadelphia nel 1912 da genitori ebrei immigrati dalla Russia. Negli anni ’30 si impone come giornalista sportivo e più in là come... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • I soldi

    soldi

    di Emanuele Kraushaar A me i soldi fanno schifo, infatti quando ho qualche soldo tra le mani, lo faccio sparire. Se si tratta di banconote, le straccio. Se... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • I Puffi

    Puffi

    Ieri sono andata al cinema a vedere "I Puffi" in 3DPartendo dai personaggi creati da Peyo nel 1958, Raja Gosnell crea una storia divertente in cui Grande... Leggere il seguito

    Da  Raffy87
    ARTE, CULTURA, PALCOSCENICO
  • I Prof.

    Ieri sera riunione di presentazione dei prof. Il Prof Principale é quello che tiene le fila della classe, che dà le comunicazioni, che fà eleggere gli alunni... Leggere il seguito

    Da  Alleg67
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

Magazine