Magazine Media e Comunicazione

I Frontaliers e la radiotelevisione

Creato il 22 giugno 2012 da Nicotanzi

Ci ha messo pochi giorni, il contatore di You Tube, a registrare il visionamento numero 3000 di “I Frontaliers e la RSI”, primo di una serie di quattro video che raccontano l’attività della radiotelevisione. Inutile sprecare la parola “successo”: quando si tratta dei Frontaliers, il duo di gran lunga più celebre della Svizzera italiana, il sostegno indiscriminato da parte del pubblico sembrerebbe un fatto acquisito. Però in questo caso non si tratta delle scenette alla dogana di Bizzarone cui Paolo e Flavio ci hanno abituati, ma di filmati più lunghi in cui i Frontaliers sono solo uno degli elementi. Insieme al regista Nick Rusconi e a Marco Bielli che si è occupato della produzione, infatti, abbiamo realizzato la serie con l’obiettivo di raccontare la RSI e le sue attività, di spiegare il senso di un’azienda di servizio pubblico, di sottolinearne l’importanza per la Svizzera italiana. La risposta convinta da parte del pubblico ci ha dato ragione. Proprio nei giorni scorsi – sul sito RSI, su You Tube e su Facebook – è stato pubblicato l’ultimo dei quattro episodi

Gusberto Bussenghi e Costante Bernasconi

Gusberto Bussenghi e Costante Bernasconi

, che racconta l’importanza della RSI come memoria storica del Paese. Un filmato che introduce due nuovi personaggi nella saga Frontaliers: lo “sfrosatore” Gusberto Bussenghi e la guardia di confine Costante Bernasconi. Ovvero, i nonni dei nostri eroi: già sessant’anni fa, ai tempi “eroici” del contrabbando, impegnati in duelli all’ultima battuta sul filo della ramina. Per l’occasione, la colonna sonora del video – una particolarissima versione della canzoncina del frontaliere di Usmate Carate, ideata ed eseguita nientepopodimeno che dal maestro Diego Fasolis – è a disposizione degli appassionati come suoneria per il cellulare, scaricabile direttamente dal sito RSI.ch.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I puntini sulle "i"

    puntini sulle

    Anni e anni di berlusconesimo, di culi e tronisti, di nani e ballerine ci hanno forse rincitrullito il cervello? Abbiamo perso l’uso dell’intelletto o... Leggere il seguito

    Da  Phoebe1976
    PER LEI
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    “They didn’t ask to be brought into the world, but into the world they came”. Mostrare l'immostrabile, spettacolarizzare l'inguardabile, costringere lo... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • I Muppet

    Muppet

    Se volete prendervi una pausa da computer grafica, effetti 3D e storie con vari livelli di lettura, ecco il film che fa per voi: 103 minuti di gag, canzoni e... Leggere il seguito

    Da  Mistersimpatia
    TELEVISIONE
  • I miciopardi

    miciopardi

    Monti vuol cambiare le abitudini degli italiani, non si sa bene quali, ma il verbo cambiare anche pronunciato da solo è garanzia di successo ed è anche un... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • i rompicoglions

    Suona il telefono. Prefisso di Madrid....chi conosco io a Madrid? Un'amica, ma mi chiamerebbe dal suo numero....e quindi rispondo mentre plasticamente tengo Mar... Leggere il seguito

    Da  Francesca_82
    ECOLOGIA E AMBIENTE, MATERNITÀ, PER LEI
  • I vitelloni

    vitelloni

    1953, Federico Fellini.da Wiki:"Il termine vitelloni è un'espressione che veniva utilizzata a Pescara, città natale di Ennio Flaiano - autore del soggetto del... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Ian Fleming dà vita al personaggio di James Bond nel 1952 con il romanzo Casinò Royale, a cui fa seguire, con cadenza quasi annuale, una decina di altri... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog