Magazine Asia

I funerali di Gesu’Cristo visti da Goa

Da Mariagraziacoggiola
I funerali di Gesu’Cristo visti da Goa
Ho trascorso il Venerdi’ Santo curiosando tra le chiese della cattolicissima Goa per vedere se trovavo una passione vivente. Come quelle che, con attori macchiati di ketchup, si fanno nella citta’ vecchia di Gerusalemme dove c’e la via Crucis ‘originale’. Le feste comandate a Goa, come il Natale o la Pasqua, hanno un sapore di tempo passato, con i colori tropicali e gli odori del mare. Potrebbe essere come nel Meridione tanti anni fa o forse ancora adesso quando si portano in processione i santi e le madonne. Le donne mettono i vestiti della festa, gli uomini indossano camicie che profumano di bucato, i ragazzi che sbirciano di sottocchio le ragazze nei banchi di fianco. Le messe, in lingua concani, sono interminabili. Cosi come lo sono i canti. Le chiese, intonacate di un bianco cangiante con i bordi dei cornicioni di un azzurro cielo sono di solito gli edifici piu’ imponenti del villaggio. A Galgibagh, la spiaggia delle testuggini protette, dove mi trovavo alcuni dei fedeli sono arrivati su un traballante guscio di legno, un pezzo da museo, che li ha traghettati attraverso un fiume tipo Laguna Blu.
Pensavo che la tradizione del Venerdi’ fosse una processione con le classiche soste nelle 24 stazioni della Via Crucis. Invece ho assistito al funerale di Gesu’ Cristo. La statua a grandezza naturale viene ‘schiodata’ dalla croce, messa in una sorta di bara aperta, coperta con un lenzuolo ricamato e portata in giro da tutto il villaggio proprio come un defunto, ma con dietro la statua della Madonna. Il ‘’morto’’ ritorna poi in chiesa dove riceve l’ultima benedizione dai preti prima di essere sistemato in un angolo dell’altare per la veglia funebre.
Purtroppo per Pasqua sono ritornata a New Delhi e finita in un’austera e sobria messa alla Nunziatura Apostolica in spagnolo. Peccato mi sarebbe piaciuto vedere come i goani fanno resuscitare Gesu’ e come poi rimettono sul crocefisso. trascorso il Venerdi’ Santo curiosando tra le chiese della cattolicissima Goa per vedere se trovavo una passione vivente. Come quelle che, con attori macchiati di ketchup, si fanno nella citta’ vecchia di Gerusalemme dove c’e la via Crucis ‘originale’. Le feste comandate a Goa, come il Natale o la Pasqua, hanno un sapore di tempo passato, con i colori tropicali e i profumi del mare. Potrebbe essere come nel Meridione tanti anni fa o forse ancora adesso quando si portano in processione i santi e le madonne. Le donne mettono i vestiti della festa, gli uomini camicie che profumano di bucato, ragazzi che slumano le ragazze. Le messe, in lingua concani, sono interminabili. Cosi come lo sono i canti. Le chiese, intonacate di un bianco lancinante con i bordi dei cornicioni di un azzurro cielo sono di solito gli edifici piu’ imponenti del villaggio. A Galgibagh, la spiaggia delle testuggini protette, dove mi trovavo alcuni dei fedeli sono arrivati su un traballante guscio di legno, un pezzo da museo, che li ha traghettati attraverso un fiume tipo Laguna Blu.
Pensavo che la tradizione del Venerdi’ fosse una processione con le classiche soste nelle 24 stazioni della Via Crucis. Invece ho assistito al funerale di Gesu’ Cristo. La statua a grandezza naturale viene ‘schiodata’ dalla croce, messa in una sorta di bara aperta, coperta con un lenzuolo ricamato e portata in giro da tutto il villaggio proprio come un defunto, ma con dietro la statua della Madonna. Il ‘’morto’’ ritorna poi in chiesa dove riceve l’ultima benedizione dai preti prima di essere sistemato in un angolo dell’altare per la veglia funebre.
Purtroppo per Pasqua sono ritornata a New Delhi e finita in un’austera e sobria messa alla Nunziatura Apostolica in spagnolo. Peccato mi sarebbe piaciuto vedere come i goani fanno resuscitare Gesu’ e come poi rimettono sul crocefisso.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I "raduni"

    "raduni"

    In settimana mi sono sentito con un caro amico torinese conosciuto parecchi anni fa grazie ai forum cubani e rimasto amico anche a seguito del mio abbandono... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ITALIANI NEL MONDO
  • I AMsterdam

    AMsterdam

    Ad Amsterdam si respira un’atmosfera informale, quasi da contrada, che ti fa sentire a tuo agio appena arrivi. Passeggi lungo i suoi canali e ti amalgami con i... Leggere il seguito

    Da  Pacoinviaggio
    VIAGGI
  • Normandia – I

    Normandia

    Uomini su trattori guidano le imbarcazioni al mare: sono alcune decine di metri di spiaggia a ciottoli che nel corso della giornata diventano un centinaio o più... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    VIAGGI
  • I ricchi di Istanbul

    ricchi Istanbul

    Istanbul e' una città bellissima, piena di scorci indimenticabili.Chiaramente le zone piu' particolari sono i covi dei benestanti locali. Leggere il seguito

    Da  Antonioricciardi
    VIAGGI
  • Aaaaaaaah rivano i Martiani!!!

    Aaaaaaaah rivano Martiani!!!

    Questa volta l'avventura si fa tecnica e unisce l'utile al dilettevole,presso il museo Mart di Rovereto si svolge la mostra dei lavori di Mario... Leggere il seguito

    Da  Thx217
    VIAGGI
  • Malati i precari e malati i medici

    Succede a Milano ma è presumibile che succeda in tutta Italia. L’ordine degli psicologi lombardi ha informato, infatti, che 37 mila lavoratori “soffre di... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • I bignè

    bignè

    Ciao Carissimi amici!!oggi volevo condividere con Voi tutti la ricetta dei bignè...chiamata anche "pasta choux", la pasta per bignè si prepara in maniera... Leggere il seguito

    Da  Francesco82
    CUCINA, RICETTE