Magazine Società

I love you, Iceland

Creato il 26 luglio 2010 da Ladylindy

I love you, Iceland

Questo blog cambia ufficialmente nazionalità… e ora si batte bandiera islandese. Viva l’ Islanda!

L’Italia non è un paese per bloggers. Ormai è dimostrato. Tutto questo voler rendere Internet una seconda televisione, più gestibile e più “cagnolina da salotto” del potere, significa solo due cose: primo, chi legifera in materia di Web non ne capisce una benemerita cippa di rete & co. Secondo, Internet fa paura. I blogger, i social network, i siti di scambio informazioni vengono continuamente demonizzati: perché qui non esiste la censura, e se uno spara sciocchezze viene immediatamente sbugiardato da altri milioni di persone, creando la “selezione naturale” del Web (che fa emergere infatti solo i più bravi ed informati). Internet è il mondo più democratico che esista: tutti, dal bambino al nonno, possono prendere un computer o utilizzarlo da un servizio pubblico e aprire un blog gratuitamente. Senza Internet, i seimila e passa lettori (nel momento in cui scrivo) di questo spazio virtuale non sarebbero mai venuti a conoscenza delle mie idee, né io delle loro, e non ci saremmo mai potuti confrontare civilmente aprendo rispettivamente i nostri orizzonti. Qui le informazioni circolano, la gente discute come si faceva un tempo nei fori e nelle pubbliche piazze. Ognuno può farsi una opinione personale e condividerla. Tutta democrazia, bellezza. Ma la democrazia sta sulle balle a chi vorrebbe il potere tutto nelle proprie mani. Ecco perché Internet è una spina nel fianco che punge sempre più, e si cerca di toglierla con decretini e cavilli ammazza-blog… voglio ricordare a chi di dovere che togliere una spina ben conficcata nella carne non è mai indolore. Magari ci si può anche riuscire, ma poi si vedono le stelle. Ecco perché molti, invece di strepitare, si stanno ingegnando a procurarsi providers esteri in modo da non venire oscurati dal regime contemporaneo.

Se l’Italia non è un paese per bloggers, in Islanda le cose vanno meglio. Da oggi, il Parlamento islandese ha costituito il diritto di bloggare, ovvero: non si può perseguire i bloggers per le cose che scrivono, e se qualcuno prova a querelarli gli internauti possono denunciare per tentativo di imbavagliare l’informazione libera. Questo concetto rivoluzionario si chiama IMMI – Icelandic Modern Media Initiative.

Chissà se l’Italia ci arriverà mai. Nel frattempo, dato che in Islanda i diritti umani sono più riconosciuti, questo blog è islandese. Kveðjur.


Filed under: L' attualità vista da un'adolescente, Pensieri di sfuggita

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I vicari

    Quel pomeriggio che mi dovevano esaminare Sulle principali verità della fede Superata ogni prova preliminare Ero vicino al giudizio più alto Ti interrogherà –... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I bambini e i viaggi

    bambini viaggi

    Da piccola ho sempre fatto lunghi viaggi in auto con la mia famiglia. Erano anni diversi, le auto erano meno comode e non esistevano le cinture di sicurezza. Leggere il seguito

    Da  Tigella
    BAMBINI, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • I valori

    valori

    “I gay sono malati e deviati, hanno bisogno di aiuto psicologico, dobbiamo scoprire dove sono e identificarli, e se sono clandestini devono venir espulsi. I... Leggere il seguito

    Da  Olineg
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • I nostri antenati, i Romani

    Lord Macaulay, mentre presentava l'Indian Education Act al Parlamento di Londra, disse: “Per contenere tutta la letteratura indiana basta un solo scaffale di un... Leggere il seguito

    Da  Zfrantziscu
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I giusti

    Mi è capitato oggi di leggerla per la prima volta in una mail che mi è stata girata. Dal posto di lavoro (per dire!?). Fantastica. Perchè riconcilia sempre e... Leggere il seguito

    Da  Cappellaio
    SOCIETÀ
  • Orda nera. I documenti (I)

    Orda nera. documenti

    “Bombe contro le sedi dei partiti di sinistra a Partinico. Di Notte e senza vittime” (Giulio Andreotti, 1947, L’anno delle grandi svolte nel diario di un... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • i chierichetti

    chierichetti

    Andrea Tornago Patrizia D’Addario per gli italiani è una scostumata che prima è andata a letto con Silvio Berlusconi, ha goduto grazie alle prestazioni del... Leggere il seguito

    Da  Bracebracebrace
    SOCIETÀ

Magazine