Magazine Cucina

I mercati sono un patrimonio da difendere

Da Traveltotaste

I mercati sono un patrimonio da difendere 

Adoro i mercati, quelli autentici.

Negli ultimi anni, la tendenza italiana è quella dell’omologazione e anche i mercati, purtroppo, non ne sono esenti. Una sfilza di bancarelle che vendono le stesse identiche cose, denotando secondo me, non solo poca fantasia ma anche una limitata lungimiranza commerciale.

A Torino c’è il più grande mercato d’Europa, quello di Porta Palazzo.

Questa zona, che non è un quartiere vero e proprio, deve il suo nome ad una delle porte della città, l’antica Postierla San Michele, che collegava i borghi suburbani con il mercato di Piazza delle Erbe, l’attuale Piazza Palazzo di Città.

Nel corso dei secoli la Postierla venne sostituita da una porta in muratura, e nel XVII sec. subentrò definitivamente alle Porte Palatine quale accesso principale settentrionale.

Il Re Vittorio Amedeo II, volle dare a Torino un’immagine più adatta ad una moderna capitale settecentesca ed ordinò una serie di interventi sulle porte di accesso alla città per dare loro un aspetto di rappresentanza, oltre alla funzione difensiva che già avevano.

I lavori iniziarono nel 1699 e nel 1701 venne inaugurata la Porta Palazzo.

I mercati si stabilirono qui definitivamente nel 1835 a seguito della proibizione la vendita di qualsiasi prodotto sulle piazze del centro città, a causa del colera.

Vennero costruite le prime tettoie, destinate alla vendita di commestibili e si lasciarono lunghe file di baracche per i venditori delle altre merci.

Gli alimentari venivano conservati nelle Ghiacciaie sotterranee, grandi locali che scendevano per quattro piani nel sottosuolo; queste strutture esistevano già dal 1922.

Attualmente su piazza della Repubblica ci sono quattro strutture coperte, che ospitano macellerie, panetterie, il mercato del pesce e dei contadini, più la zona allestita con le bancarelle di frutta, verdura ed articoli di vario genere.

Porta Palazzo è una zona che mi piace frequentare, anche se molti torinesi potrebbero inorridire al solo pensiero. Qui si possono ancora trovare antiche botteghe artigiane che altrove sono scomparse, vecchie drogherie arredate completamente in legno che vendono caramelle sfuse, tè di ogni tipo e prodotti che in un supermercato sono impossibili da reperire.

E’ un luogo vivace, colorato, allegro ed abitato quasi esclusivamente da stranieri.

Mi piace passeggiare, fare la spesa, acquistare prodotti di terre lontane ed entrare in contatto con le persone, come i simpatici vietnamiti da cui trascorro spesso del tempo a farmi raccontare del loro Paese.

Molti credono che sia una zona pericolosa da evitare. Come in ogni zona affollata bisogna fare attenzione al portafogli ma, come sempre accade, se si è ben disposti verso gli altri non si può che ricevere gentilezza.

Torino è una delle poche città italiane ad avere mercati rionali quotidiani e sarebbe bello se riuscissero a mantenere la propria unicità senza sentire il bisogno, per me sbagliato, di uniformare gli articoli in vendita perdendo di interesse ed di ogni originalità.

Il mercato di Porta Palazzo lo frequento volentieri perché è sempre coinvolgente e perché, almeno per qualche ora, mi fa sentire in vacanza, grazie ai suoi profumi e colori.

Leggi anche: Allegra con brio



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I fantasmi dei minatori

    fantasmi minatori

    La Sardegna non è soltanto una meta per gli amanti del mare, è un’isola che nasconde segreti, storie, un entroterra ricco di luoghi che vogliono essere ricordat... Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    ITALIA, SUD ITALIA & ISOLE, VIAGGI
  • Pasticceria i love you

    Pasticceria love

    Oggi non ho una ricetta dolce da proporvi! Me ne scuso ma non ho avuto davvero il tempo per mettermi a preparare una torta o dei cupcakes, o una crostata o anch... Leggere il seguito

    Da  Gaietta1
    CUCINA, RICETTE
  • I canestrelli

    canestrelli

    Ciao Amici, voi non mi crederete ma tengo d' occhio questa ricetta da almeno 2 anni. Vi chiederete come mai non l' ho fatta? beh il motivo è semplice, non ero... Leggere il seguito

    Da  Francesco82
    CUCINA, RICETTE
  • Malta : i Video

    Leggere il seguito

    Da  Cuoreleone
    VIAGGI
  • I vini dell’Imperatrice

    vini dell’Imperatrice

    Preziosi calici per lo champagne, bicchieri per acqua e vino, caraffe, rinfrescatoi, etichette e bottiglie saranno i protagonisti della mostra “I vini... Leggere il seguito

    Da  Vini&terroir
    CUCINA, VINO
  • i gattini di Pallina

    gattini Pallina

    Pallina è una gattina del bosco, ingravidata in inverno da Casimiro, altro gatto (rosso) del bosco, che da un po' più di un mese ha partorito cinque... Leggere il seguito

    Da  Aureliocupelli
    VIAGGI
  • I francesi traducono tutto

    francesi traducono tutto

    “I matematici sono come i francesi: se si parla con loro, traducono tutto nella loro lingua, e diventa subito qualcosa di diverso“. Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI

Dossier Paperblog

Magazines