Magazine Cultura

I moralisti secondo gli Amor Fou

Creato il 02 maggio 2010 da Eno

 

I moralisti secondo gli Amor Fou

Da “La stagione del cannibale” a “I moralisti” non sono trascorsi che tre anni circa, pochi se si considera il grande cambiamento di sonorità che separa i due album degli Amor Fou, gruppo che, a mio avviso erroneamente, viene spesso accomunato ai Baustelle, sapete, quando parlando di Giusy Ferreri (quella che il singhiozzo non le è ancora passato) a qualche sprovveduto vien fuori “ma sì dai, quella che somiglia un po’ a Amy Winehouse”.
Non ho nessuna intenzione di ammorbarvi con una mia insulsa recensione del nuovo CD che sta per uscire, anche perché “I moralisti” è un album talmente superlativamente bello che parlandone con la poca voglia di scrivere che mi ritrovo, non solo non gli renderei giustizia, ma farei danni. Del resto cosa c’è di meglio che giudicare personalmente, e visto che ce n’è la possibilità… [clicca un po' qua >]

I moralisti secondo gli Amor Fou
Permettetemi solo di ricordare, visto l’argomento del mio recente post su Mina, che questi ragazzi hanno inciso anche un’ipnotica e interessante versione di “L’ultima occasione” (vi ricorda qualcosa?) che potete ascoltare cliccando [qui >], e che, ancora a proposito di Mina, nel corso di una puntata di Scalo 76 del 2008 (se non sbaglio) hanno presentato dal vivo una loro rivisitazione di “Città vuota” che trovate su YouTube.
Devo aggiungere altro? Sì, certo. Gli Amor Fou sono molto attivi in rete:
trovate il loro blog [qui >],
li trovate su MySpace [qui >],
su YouTube [qui >],
su Facebook [qui >]
e su Lastfm [qui >].
Se vi va, fatemi sapere.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Amor platonico, amor cortese, amor borghese…

    Amor platonico, amor cortese, borghese…

    Ora  vorrei parlare con voi dell’amor platonico e dell’amor cortese;  forse qualcuno di voi starà già sorridendo, forse qualcuno di voi starà già... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I giusti

    (Traduzione di Domenico Porzio) Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire. Chi è contento che sulla terra esista la musica. Chi scopre con... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I fumettari

    fumettari

    Da quando posso permettermi di farlo, mi capita di chiamare a lavorare in televisione alcuni sceneggiatori di fumetti. Ho cominciato tre anni fa con “Il... Leggere il seguito

    Da  Stepianii
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • I corridoi

    corridoi

    Perdersi nei meandri di un teatro è come entrare in un labirinto senza uscita. Bisogna viverci per poterne conoscere tutti i segreti. Erano ancora in corso molt... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • I vicari

    Quel pomeriggio che mi dovevano esaminare Sulle principali verità della fede Superata ogni prova preliminare Ero vicino al giudizio più alto Ti interrogherà –... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • alessia e michela orlando: QUANDO L'HORROR SI CONIUGA CON AMOR

    alessia michela orlando: QUANDO L'HORROR CONIUGA AMOR

    PERCHÉ PROPRIO A NOI? IMBATTERSI IN SCRITTORI VALIDISSIMI E CONDIVIDERNE IMMEDIATAMENTE GLI ENTUSIASMI, COME LE SOFFERENZE, È SCELTA ETICA La voglia di creare... Leggere il seguito

    Da  Gurufranc
    CULTURA
  • I nostri antenati, i Romani

    Lord Macaulay, mentre presentava l'Indian Education Act al Parlamento di Londra, disse: “Per contenere tutta la letteratura indiana basta un solo scaffale di un... Leggere il seguito

    Da  Zfrantziscu
    CULTURA, SOCIETÀ