Magazine Famiglia

I morti ci guardano: sono stelle i loro occhi

Da Cristiano @sosmammo
"I morti ci guardano: sono stelle i loro occhi". Mi disse proprio questa frase, molto tempo fa, una mia nipotina che allora aveva appena tre anni. Lo fece mentre osservavamo dal giardino di casa sua un cielo scuro, punteggiato da una miriade di astri bianchi. Era proprio così quel cielo: nero e chiazzato, non illuminato da quelle stelle che non disperdevano sprecandola la loro luce nell'universo, ma che invece ne proiettavano i raggi dritti, come un dono di luce, esclusivamente verso gli occhi di chi le guardava. Era estate, una calda sera del sud, ma le parole della bambina mi gelarono il sangue. Che poteva saperne lei, alla sua età, della morte? Chi mai le aveva fatto il racconto che mi aveva appena riferito?Sono passati almeno quindici anni da allora e da quando a Dodokko leggo le favole ho sempre sorvolato sul sostantivo "morte". Ultimamente però non censurò più e se nel libro c'è scritto che "la strega cadde dalla rupe e morì", gli dico tutta la frase, senza ometterne la seconda parte. Venerdì scorso ho regalato a mio figlio il dvd con il cartone animato di Rapunzel, una storia a cui si è subito affezionato e che nel giro di pochi giorni ha rivisto svariate volte. A un certo punto del racconto c'è la scena in cui la finta madre della ragazzina precipita dalla torre e, in quel preciso momento, Dodokko non evita mai di sottolineare l'istante in cui il corpo della donna tocca il suolo con la frase: "E' morta".Ora, dire la parola "morte" o il verbo "morire" con spassionata ingenuità è una cosa. Ripeterle metodicamente, direi quasi con insistenza, sottolinearla alla prima occasione è tutta un'altra faccenda. Mio figlio non mi ha ancora chiesto di spiegargli il significato di quel termine e so che quando lo farà mi troverà impreparato e che gli risponderò con una bugia. Non gli dirò che morire vuol dire "addormentarsi per sempre", perché potrebbe preoccuparsi andando a letto e pensare di non svegliarsi più. Gli dirò invece che morire significa "andarsene", anche se poi lui - ne sono sicuro - mi chiederà dove.E a quel punto gli dirò anch'io: "In cielo, fra le stelle", sperando poi che non mi faccia mai una domanda tipo: "E quando tornano quelli che sono morti?", perché mi metterebbe in seria difficoltà. A quel punto dovrei confessargli la verità, dirgli che a volte chi se ne va non torna più. E forse farei anche a lui il racconto della mia nipotina, che "le persone morte e alle quali abbiamo voluto bene sono andate in cielo, ma ci restano vicine e ci guardano, con i loro occhi stellati, dal fondo di qualsiasi cielo nero". 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I dressed Cicciobello

    dressed Cicciobello

    Quest post nasce da un'idea di Mamma F, nonchè da questo suo post. Quando l'ho letto le ho scritto: "Mi stai facendo venir voglia di riprendere i ferri. Quasi... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Amare con i denti

    Ho un dentino, spuntato appena due settimane fa. Il mio primo incisivo, l'inferiore destro. E adesso mordo anche con un dente, non più soltanto con le gengive.... Leggere il seguito

    Da  Cristiano
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • I am a seller

    E' da un pò di giorni che penso che mi manca il mio lavoro.Ultimamente il mio amico e collega mi chiama un giorno si e l'altro pure per convincermi a tornare a... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Se i giocattoli non vanno bene per i figli unici

    Scatole colorate con piccoli esperimenti per imparare il mondo, giochi dal sapore antico, tecnologia in miniatura, gli animali della fattoria e quelli della... Leggere il seguito

    Da  Bruschidettaglil
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • I Gatti Raccontati Dai Bambini

    Gatti Raccontati Bambini

    Oggi si celebra la festa nazionale del gatto istituita nel 1990. A seguito di un sondaggio tra i lettori di Tuttogatto la scelta cadde su Febbraio, mese dei nat... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Se mancano i cerotti

    Serata di commissioni per sfruttare il fatto che questa settimana bisogna correre dietro solo a Sofia e non ad Eleonora che oggi dalla nonna è andata in... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Fate i bravi!

    Fate bravi!

    Come ingannare l'attesa? Un papà come passa il tempo mentre aspetta che nasca suo figlio?Io ho comprato qualche libro, mia moglie M. anche, e lì nell'angolino l... Leggere il seguito

    Da  Davidpedrani
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Magazines