Magazine Cinema

I Muppet sono sempre i Muppet

Creato il 03 febbraio 2012 da Soloparolesparse

Cosa aspettarsi dal ritorno in sala de I Muppet?
Direi risate, ironia, scorrettezze varie e molta musica.
Innegabile che James Bobin sia riuscito a portare tutto questo nel nuovo film (con un po’ di debolezza sulle scorrettezze… diciamo che si va più sul romantico).

I Muppet sono sempre i Muppet

Walter e Gary sono fratelli, solo che il primo è un pupazzo così, crescendo, si rende conto che qualcosa in lui non va (per esempio non cresce).
La sua vita però è riempita dalle vecchie puntate del Muppets show, che adora.
Quando Gary va a Los Angeles con la fidanzata, Walter non può certo restare a casa, ma qui scopre che ilvecchio teatro dei Muppets è in vendita ed un magnate del petrolio vuole comprarlo per raderlo al suolo e scavare.

Inevitabile a quel punto che Walter contatti Kermit la rana e provi a convincere i Muppets a ritornare sulle scene per uno spettacolo che raccolga i soldi per comprare il teatro.
Il problema è che i Muppet sono roba passata e trovare un produttore disposto a fargli fare lo show non è roba semplice.
Anche perchè poi, questo show bisogna metterlo in piedi ed i rapporti tra i pupazzi non sempre sono idilliaci.

Il film è divertente, i Muppets sono sempre loro, capaci di far ridere, pieni di ironia, a tratti sembra davvero di vederli nel pieno degli anni ’80. Anche perchè, credetemi, il tempo per loro sembra non essere passato: non un pelo bianco nella pelliccia di Fozzie, non una ruga sul volto di Miss Piggy.

I Muppet sono sempre i Muppet

La storia è una scusa, buona e funzionale, per farci divertire e così il meglio sono le battute, le situazioni che si creano ed alcune chicche che richiamano situazioni del passato.
Splendido il robot anni ’80 di Kermit o Miss Piggy che prova il ballo finale di Dirty dancing.

E ancora battute “da muppet” tipo: “Non risparmieremmo tempo se la ricerca degli altri Muppet la facciamo col montaggio?”

Particolarmente azzeccate le presenze di Jason Segel e Amy Adams, ma che vogliamo direi dei camei di gente come Whoopi Goldberg, Emily Blunt, Selena Gomez o James Carville?

Geniale ancora il numero finale di Walter in perfetto stile Muppet e naturalmente immancabili i titoli di coda col Manha-Manha.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Inseparabili: ossessioni e solitudine del doppio Eccoci arrivati al terzo appuntamento dedicato al regista David Cronenberg e alle sue trasposizioni... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Langelaan, Neumann, Cronenberg: genesi di un insetto Diretto da David Cronenberg nel 1986, il film La Mosca nasconde in realta' una genesi interessante, che... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Stephen King Appunti dalla zona morta Scrivere e/o parlare di David Cronenberg non è impresa semplice. Da quando è stato riconosciuto come uno dei registi più... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Titolo: Amabili restiAutore:Alice SeboldEditore: edizioni e/oAnno: 2002 "Mi chiamavo Salmon, come il pesce. Nome di battesimo: Susie. Avevo quattordici anni... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Titolo: ShiningAutore: Stephen KingAnno: 1977 Il potere della luccicanza tra parola e immagine "All work and no play makes Jack a dull boy" ("Il mattino ha l'or... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    “They didn’t ask to be brought into the world, but into the world they came”. Mostrare l'immostrabile, spettacolarizzare l'inguardabile, costringere lo... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    L'Europa e gli Stati Uniti sono stati i principali interpreti della mirabolante ascesa di un'arte giovane e ancora oggi sulla cresta dell'onda, il cinema. Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA