Magazine Cinema

I nostri ragazzi

Creato il 15 settembre 2014 da Lo Sciame Inquieto
I nostri ragazziIl film mi è piaciuto; e il finale è un colpo di genio (e non posso dire altro). È bene che io lo premetta perché non si pensi il contrario.
L’adattamento della sceneggiatura, ispirata al romanzo dello scrittore olandese Herman Koch, La cena, funziona adeguatamente. La regia di Ivano De Matteo è raffinata ed efficace. Roma fa da perfetta scenografia a questa storia. Gli attori assecondano complessivamente bene le ondulazioni emotive del racconto.
Eppure in tutti questi aspetti c’è anche qualcosa di poco convincente.
Nella sceneggiatura appare un po’ debole la parte che riguarda i personaggi dei ragazzi, tutto sommato un po’ superficiale e un po’ troppo schiava della vulgata, così come sullo schermo appare in qualche modo poco fluida e dunque poco comprensibile l’evoluzione del personaggio di Paolo (Luigi Lo Cascio), di cui si comprende il tormento interiore senza poterlo realmente leggere.
La regia risulta un po’ troppo innamorata di se stessa nei piani sequenza, in alcune inquadrature un po’ troppo insistite e nelle messe a fuoco lentissime, quasi interminabili.
Roma è vera e in qualche modo finta al contempo, quasi da risultare parzialmente estranea a chi come me ci vive tutti i giorni.
Del gruppo di attori, selezionato tra i migliori della loro generazione (Alessandro Gassman e Barbora Bobulova, Luigi Lo Cascio e Giovanna Mezzogiorno), questi ultimi non riescono a togliere quella sensazione di un po’ forzato che probabilmente nasce da qualche sbavatura nella sceneggiatura.
Tutto ciò detto, il tentativo di indagare le trame oscure di quella specie di doppia morale che i genitori applicano agli estranei e ai loro figli è interessante e piuttosto inquietante, e si trascina dietro tutta una serie di altri interrogativi che in qualche modo chiamano in causa ognuno di noi: la superficialità con cui siamo pronti a emettere giudizi su vicende che non conosciamo, la difficoltà di scegliere da che parte stare, le interferenze emotive che condizionano le nostre scelte.
Si esce dal cinema piuttosto turbati e un po’ disorientati.
Nota di colore: curioso arrivare al cinema e vedere sedersi alla fila davanti Margherita Buy, abituati a vederla dall’altro lato dello schermo!

Voto: 3/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • I mercenari 3

    mercenari

    Prima o poi, ve la fanno tutti. Quando la gente sa che ti piace il cinema o che, peggio ancora, gestisci un blog dove fai finta di intendertene, parte... Leggere il seguito

    Da  Jeanjacques
    CINEMA, CULTURA
  • I poliziotti di riserva

    poliziotti riserva

    Regia: Adam McKayOrigine: USAAnno: 2010Durata: 107'La trama (con parole mie): quando Danson e Highsmith, i due superpoliziotti spaccaculi di New York eroi di... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • I sospiri della strega

    sospiri della strega

    Ne discutevo ieri con Silvia: Dario Argento è uno dei pochi che può guardare al suo passato e bearsi di aver realizzato qualcosa di duraturo. Suspiria. Che... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • I Puffi 2

    Puffi

    I puffi ritornano al cinema con 2 nuovi amici grigi creati dal cattivo, ma sempre più simpatico, Gargamella. Titolo: I Puffi 2 Regia: Raja Gosnell Cast: Neil... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • I Fantastici 4

    Fantastici

    La nascita di 4 Superoi tutti insieme non è cosa da tutti i film. Titolo: I Fantastici 4 Regia: Tim Story Cast: Ioan Gruffudd, Jessica Alba, Michael Chiklis,... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Torneranno i prati

    A tre anni di distanza dal suo ultimo lavoro, Il villaggio di cartone, Olmi è tornato dietro la macchina da presa con la trasposizione di un racconto del 1920... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA