Magazine Italiani nel Mondo

I pesci non chiudono gli occhi.

Creato il 15 marzo 2012 da Barcellonando
I pesci non chiudono gli occhi.Erri/De/Luca. Queste tre bellissime parole sono apparse un giorno di tanti anni fa nella mia vita, grazie al consiglio di François e Chiara, altri due giganti che all'epoca vivevano riparati nelle colline umbre.
Erri De Luca. Prima Non Ora, non qui, poi Tu, mio, poi Aceto, Arcobaleno, e così via. Cento pagine, caratteri corpo grosso, parole. Lunghe, affilate, leggere, corte, pesanti, scelte, buttate, cesellate, limate, tagliate, intagliate, incise, prese a colpi, lucidate, smerigliate, tese, cotte al sole, fatte saltare sul mare, appese ad asciugare, salate, inchiodate, accarezzate, piantate, invasate, seminate eccetera eccetera eccetera.
Erri De Luca ha il dono della bellezza nella lingua. Nessuno in Italia la sa usare come lui, nessuno. Se tutti, o molti, o di più potessimo pensare, parlare e scrivere come Erri, la terra che camminiamo sarebbe un posto molto più calmo e felice. Napoli sarebbe un fiore anziché essere un fiore e una croce e l'Italia sarebbe un posto dove sognare di andare, non sognare di abbandonare. E poi l'uomo. Scalatore, carpentiere, giardiniere, avventuriero, solitario, rivoluzionario, vecchio e marino, col suo sguardo acuto e franco. Bello sarebbe averlo amico, da tavola, da vino e da chilometri. Ma non siamo su una terra promessa, come dice Erri, ma su una terra permessa. E io spero che ognuno di voi che state leggendo queste righe possiate tenere un pezzo della poesia di Erri De Luca nella vostra vita, al fondo della tasca, pronta ad accarezzarvi le dita nei momenti migliori e anche in quelli peggiori.
E adesso veniamo agli eventi mondani: lo scrittore sarà in visita a Barcellona questa sera per presentare il suo ultimo libro I pesci non chiudono gli occhi, ospite della Biblioteca Esquerra de l’Eixample, Agustí Centelles – C. Comte d’Urgell, 145-147, alle ore 19.
I pesci non chiudono gli occhi.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lisbona - i dintorni e il gesto portogese

    Lisbona dintorni gesto portogese

    Stasera sono stata ad Alcochete, paesino di fronte a Lisbona, dall'altro lato del Tejo. Non sapevo che fosse così caratteristica, mi ha davvero sorpresa. Altra... Leggere il seguito

    Da  Mariantonietta
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Cade la neve e cambiano i colleghi...

    In una Bruxelles vestita a festa, con luminarie ovunque (il gioco di luci in Grande Place è roba da far impallidire Las Vegas, eh! Leggere il seguito

    Da  Mboss
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I giganti del consumismo cileno

    giganti consumismo cileno

    Da circa una settimana s’inauguró il Costa Nera center. Un enorme e dico ENORME centro commerciale. É uno di quei progetti immobiliari che l’unico che non si pu... Leggere il seguito

    Da  Perlasimeone
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I talebani della sicurezza

    Mmmh… oggi faccio un post sulle scuole di Sydney che vietano ai bambini di fare le capriole, o sul fatto che posso finalmente svelare l’arcano sul luogo dove... Leggere il seguito

    Da  Albino
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I greci, terroni dei terroni

    Uno dei primi stereotipi che l’italiano medio si trova ad affrontare in Australia e’ il sentirsi accomunato ai greci, e ai mediorientali in genere (non so se... Leggere il seguito

    Da  Albino
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I tedeschi sono chiusi?

    tedeschi sono chiusi?

    Ieri sera con il Capitano e altri due amici italiani abbiamo peregrinato per vari bar che consiglio.Come prima tappa abbiamo fatto un aperitivo in un posto... Leggere il seguito

    Da  Mariantonietta
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • I capelli di Berlino

    capelli Berlino

    Tipo che ti addormenti mentre vai a Meringdamm a vedere il carnevale delle culture. E sogni un paesino anni ’90, con gente che balla sul balcone, con i mocassin... Leggere il seguito

    Da  Lucalo
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI