Magazine Cinema

I Puffi

Creato il 12 settembre 2011 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

I Puffi

Anno: 2011 / Distribuzione: Warner Bros. Pictures Italia / Durata. 103′ Genere: Animazione / Regia: Raja Gosnel

 

I Puffi, alti tre mele o poco più, escono dal piccolo schermo – prodotti da Columbia Pictures e Sony Pictures Animation, con la regia di Raja Gosnell (che ha fatto gavetta come assistente al montaggio per Robert Altman) – per approdare in 3D a Central Park, mentre tentano di fuggire dal mago Gargamella, da sempre ossessionato dai nanetti blu, di cui cerca di catturare l’essenza per diventare un mago invincibile e onnipotente.

Ma i Puffi sono buoni, vedono sempre il lato positivo delle cose e si preoccupano l’uno dell’altro; Gargamella, interpretato da Hank Azaria, bravissimo attore di cinema, teatro e televisione, nonché regista comico, è l’esatto contrario: egoista, cattivo e, soprattutto, ottuso; il filo conduttore, sebbene un po’ nascosto dal buonismo della favola, sembra proprio questo: il non mettersi mai in discussione, il percepirsi sempre come Gargamella, il mago infallibile dei boschi, anche a New York City, dove saltano tutti i punti di riferimento ai quali è abituato. Eh sì, perché se è vero che riesce a trovare un’alleata nella perfida Odile, proprietaria della società di cosmesi “Anjelou”, che come lui usa l’arma dell’adulazione per piegare gli altri al proprio volere, Gargamella, in un luogo che non è casa sua continua a ragionare secondo i suoi schemi (scambiando per esempio un senza-tetto che cammina trascinando il suo carrello della spesa ambulante per lo “stregone locale”).

Il non mettersi in discussione si lega alla tematica dell’”altro” inteso come “ciò che è diverso da noi”, ripresa più volte nel film dal protagonista Patrick (interpretato da Neal Patrick Harris, star della tv americana, che ha al suo attivo tre spettacoli a Broadway e collaborazioni cinematografiche, con, tra gli altri, Whoopi Goldberg e Kenneth Branagh); Patrick che, con sua moglie Grace (Jayma Mays), ospita i Puffi nel suo appartamento di Manhattan, è diviso tra la vice-presidenza della Anjelou, messo alle strette dalle minacce di licenziamento di Odile, qualora non porti avanti una campagna pubblicitaria a lei gradita, e la nascita del figlio, per la quale si sente totalmente impreparato. Patrick mette in guardia i Puffi, dicendo loro che il “nostro mondo è diffidente verso i visitatori da altri luoghi” (e cita il famoso E.T.).

In questa cornice narrativa, con finale, neanche a dirlo, “e vissero tutti (o quasi) felici e contenti”, i sei Puffi, Grande Puffo, Brontolone, Quattrocchi, Tontolone, Coraggioso e Puffetta (la cui voce in originale è quella della cantante e attrice Kate Perry), cercano in tutti modi la formula magica necessaria per tornare a casa; non hanno paura di mettersi in gioco: corrono su e giù per New York, tra un taxi, un albero, e un piccione, lasciandosi trasportare dal vortice di luci e colori (Times Square in effetto 3D restituisce le emozioni provate dal vivo!) di un luogo sconosciuto ma affascinante.

L’intreccio escogitato dagli sceneggiatori J.David Stem & David N.Weiss (co-autori anche di Shrek 2) e Jay Scherick & David Ronn porta i piccoli eroi al famoso negozio di giocattoli FAO Schwarz, dove la produzione ha girato per cinque notti di fila, e in una libreria, dove si ritroveranno nel volume di illustrazioni del loro “padre”, il disegnatore belga Peyo.

La formula magica trasforma la Lunapiena in un Luna Blu, e succede “qualcosa di soprannaturale, ma se si esita e ci si spaventa, si rischia di perderla”; Gargamella viene punito, i Puffi tornano a casa, il resto dei personaggi si arricchisce di una nuova esperienza; persino la cattivissima Odile, interpretata dalla star televisiva americana, di origini colombiane, Sofia Vergara, ci lascerà sorpresi. Nel doppiaggio italiano viene reso l’accento ispanofono del parlato filmico originale.

La cooperazione del cast, sia tecnico che artistico, rappresenta la chiave per la riuscita del prodotto; gli attori hanno recitato tenendo conto che interagivano con dei pupazzi di 20 cm, e non con dei personaggi in carne ed ossa, rendendo più difficile la resa emotiva della scena. Phil Méheux, direttore della fotografia, spiega che sono stati usati modelli a grandezza naturale dei Puffi durante le prove e i set-up, “così potevamo posizionare bene le luci; gli attori sapevano dove sarebbero stati i Puffi quando in seguito sarebbe stata aggiunta l’animazione, e quindi potevano rivolgere lo sguardo nel posto giusto. Poi toglievamo i modelli e giravamo la scena”; la sfida più impegnativa è stata portare i cartoni animati in 2D in un mondo a più dimensioni, come afferma Saliba, uno dei tre artisti della Sony Picture Animation e Imageworks, che ha costruito i modelli 3D necessari per girare le scene live-action e preparare i Puffi ad interagire in modo convincente, incontrando così le aspettative del regista, che voleva che emergessero sincerità e naturalezza, e che i personaggi dei cartoni convincessero anche come attori.

Rob Engle, supervisore degli effetti visivi in 3D, sintetizza il connubio tecnico e artistico sostenendo che il modo in cui Gosnell ha girato il film ha permesso ai “tecnici” del 3D una grande flessibilità, lavorando prima la parte grafica e poi, per le scene in cui interagivano i Puffi nel mondo reale, usando una tecnica ibrida che aggiungeva dimensione.

Ma la tecnologia, non ce lo dimentichiamo, è solo un mezzo, uno strumento per rappresentare la realtà; ci sono due scene nel film che richiamano due altri modi di raccontare la storia de I Puffi; in uno Gargamella gioca con due marionette che hanno le sembianze di Grande Puffo e Puffetta e nell’altra i Puffi ritrovano il vecchio libro di illustrazioni disegnate da Peyo stesso. I disegni, il cartone animato in 2D, le marionette, il cinema in 3D sono forme di rappresentazione di una storia, che seppur finta, diventa reale soltanto grazie alla forza delle emozioni.

Anna  Quaranta

I Puffi
Scritto da il set 12 2011. Registrato sotto IN SALA. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sono tornati i Puffi

    Sono tornati Puffi

    Locandina Scheda film REGIA: Raja Gosnell SCENEGGIATURA: J. David Stem, David N. Weiss ATTORI: Neil Patrick Harris, Jayma Mays, Sofia Vergara, Hank Azaria, Anto... Leggere il seguito

    Da  Queenseptienna
    CINEMA, CULTURA
  • Al cinema: I puffi 3D**

    cinema: puffi 3D**

    Non smaniavo certo per vedere i Puffi... ma i miei bambini purtroppo sì e così me li sono beccati oggi pomeriggio, ovviamente in una sala che brulicava di... Leggere il seguito

    Da  Barbarella
    CINEMA, CULTURA
  • I Puffi 2012 - Schleich

    Puffi 2012 Schleich

    Eccoci al fatidico momento dell'anno in cui le prime indiscrezioni e certezze trapelano dalle mura fortificate del Fort Knox della puffosità. Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • I Puffi

    Puffi

    Rivedere sul grande schermo quegli esserini blu che hanno accompagnato la mia infanzia, e quella di tanti altri, non ha prezzo. Se poi la storia è anche ben... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Inseparabili: ossessioni e solitudine del doppio Eccoci arrivati al terzo appuntamento dedicato al regista David Cronenberg e alle sue trasposizioni... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Langelaan, Neumann, Cronenberg: genesi di un insetto Diretto da David Cronenberg nel 1986, il film La Mosca nasconde in realta' una genesi interessante, che... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA
  • i-FILMSonline

    i-FILMSonline

    Titolo: Amabili restiAutore:Alice SeboldEditore: edizioni e/oAnno: 2002 "Mi chiamavo Salmon, come il pesce. Nome di battesimo: Susie. Avevo quattordici anni... Leggere il seguito

    Da  Ifilms
    CINEMA, CULTURA