Magazine Politica

I sassolini dalle scarpe di Cossiga

Creato il 18 agosto 2010 da Lebarricate @gaetano_rizza

Mi ricordo quando un mattino, in un giornale radio, sentii lo speaker che annunciava che il presidente della repubblica Cossiga, in una nota, domandava al potere esecutivo, cosa si stesse facendo contro la mafia.
Ne veniva da anni di presidenza nei quali era rimasto in silenzio per svolgere al meglio le sue funzioni.
Da quel giorno non ci fu giorno o quasi che non si togliesse un sassolino dalla scarpa, ed ogni sassolino che si toglieva erano stilettate ai fianchi delle istituzioni.
Pare che fu lui stesso a definrsi “picconatore”, e fu un termine che tutti, simpaticamente, imparammo a usare parlando di lui.
Un picconatore che sapeva il fatto suo, ammirato a destra e a sinistra, sia pur con qualche distinguo da una parte e dall’altra.
Era un uomo che non le mandava certo a dire, come quando disse di Occhetto che era uno zomby coi baffi..
La sua integrità lo portò ad essere oggetto di una richiesta d’impeachment da parte del Pds di Achille Occhetto che lo accusò di alto tradimento in merito al caso Gladio (struttura segreta che operava nell’ambito della NATO).
Democristiano di razza, insieme a Moro, Andreotti, Forlani.. era iscritto alla DC da quando aveva solo 16 anni. Fu ministro degli interni quando Moro fu rapito dalle Brigate Rosse.
Nei vari ruoli politici che ha ricoperto fu testimone di vari misteri italiani a volte creati dai giornali di sinistra più che dai fatti, tanto che a chi gli chiedeva come mai in Italia ci fossero così tanti misteri irrisolti, ultimamente rispondeva: “In Italia i segreti li creano i giornali. Per esempio, Moro è stato ucciso dalle Brigate Rosse, ma certi giornalisti per fare vendere i loro giornali scrivono che invece probabilmente è stato ucciso dalla CIA o dal KGB, meglio se da CIA e KGB insieme..”
Poi, noi sappiamo, che alcuni magistrati ci ricamano sopra processi senza fine, sui quali costruiscono anche le loro carriere a spese dei cittadini.
Una preghiera per te, Cossiga, anche se a volte ci sei stato antipatico, ma abbiamo sempre riconosciuto la tua intelligenza, la tua ironia e il tuo spessore politico.

0

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cossiga? No, grazie

    Cossiga? grazie

    Tutti i giornali strombazzano che Cossiga è stato in politica per 60 anni. Allora rispondete a questa semplice domanda: se fosse defunto a 22 anni invece che a... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Cossiga uno statista? Mavalà!

    Cossiga statista? Mavalà!

    Che sia stato un personaggio “controverso” non siamo certo noi a scoprirlo né, tantomeno, a doverlo raccontare. La sua “storia” è sotto gli occhi di tutti,... Leggere il seguito

    Da  Massimoconsorti
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Cossiga è vivo

    Cossiga vivo

    Cossiga non è morto. È tutta una farsa. Cossiga è vivo ed è in mezzo a noi. Tutta quella messa in scena non è che l’ultima trovata del più misterioso politico... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • I ventriloqui

    ventriloqui

    Masi, Romani e Ghedini assomigliano sempre di più a quei pupazzi per ventriloqui che andavano di moda anni fa. Come il corvo Rockfeller, Provolino o Achmed il... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • I rottamatori

    Alla fine dei giochi pare proprio che anche questo Governo finirà il suo corso prima della fine della scadenza del suo regolare mandato. Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • In ricordo del Sardo-italiano Francesco Cossiga

    Ognuno di noi, credo, ricorda le persone che non ci sono più per un episodio particolare, anche quando, come nel caso di Francesco Cossiga, le cose da ricordare... Leggere il seguito

    Da  Zfrantziscu
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Lettera di Cossiga a Berlusconi

    Lettera Cossiga Berlusconi

    Signor Presidente, dopo le tre lettere alle più alte cariche dello stato viene lei, l'altissimo. Come ho fatto a definirla un demone spregiudicato? davvero di... Leggere il seguito

    Da  Gians
    POLITICA ITALIA, SATIRA, SOCIETÀ