Magazine Cultura

I segreti di Murakami

Creato il 24 luglio 2013 da Laangie
I segreti di Murakami
Oggi mi prendo una piccola pausa dalle ricette e vi parlo di questo libro, I segreti di Murakami di Teruhiko Tsuge, di cui la casa editrice Vallardi ha voluto omaggiarmi.
E la richiesta è arrivata giusto poco tempo dopo che sono venuta a conoscenza della pubblicazione del libro (presentato, tra l'altro, in una libreria proprio a Torino) e ovviamente l'ho accettata con molto piacere.
Ho conosciuto Murakami solo qualche anno fa iniziando a leggere "L'uccello che girava le viti del mondo". Non potevo scegliere libro migliore, qua c'è tutto Murakami: visioni oniriche e ricordi si fondono naturalmente con la vita reale, i suoi amati gatti, la fragilità umana con le sue insicurezze, protagonisti alle prese con problemi esistenziali o sociali. Il tutto supportato da una prosa sì, semplice, ma anche raffinata  e articolata allo stesso tempo, dalla quale è difficile non riuscire a staccare gli occhi dal libro.
Il libro, 830 pagine lo lessi in pochissimo tempo. Ne ero totalmente rapita. Ed ho capito che quello  non era solo un caso, perché mi sono ritrovata così anche per altri suoi romanzi.
Ho letto diversi autori e libri ma nessuno, come Murakami, riesce sempre a strapparmi dalla quotidianità trascinandomi direttamente all'interno della storia e delle vite dei protagonisti.
Spesso mi capita di mettere il segnalibro e chiudere i suoi libri con il cuore che batte più forte e la mente piena di pensieri contrastanti. Questa è la magia della lettura. I segreti di Murakami
Ma non solo i suoi libri sono enigmatici, anche Murakami stesso lo è.
Lui è un uomo schivo, da sempre poco incline a mostrarsi in pubblico o a farsi fotografare, creando intorno a se un alone di mistero, tant'è che qualcuno  si è chiesto davvero se "Murakami Haruki esiste davvero?”, e questo libro-guida si apre proprio con questa domanda.
Ma è anche una biografia, perché racconta il vissuto dell'autore fin dall'infanzia: Dal padre monaco buddhista, alla passione per il jazz, sfociato poi nell'apertura di un  jazz bar aperto insieme alla moglie, alla passione per la corsa (ne L'arte di correre) e per i gatti, l'amore per la letteratura americana... il libro di Tsuge ci apre così un varco nel mondo di Murakami snocciolando aneddoti e interviste per fornirci delle chiavi di lettura e comprendere meglio  le sue opere.
Concludo con i  dovuti ringraziamenti alla Vallardi Editore(e in particolare alla responsabile dell'ufficio stampa Silvia P. che mi ha contattata) per avermi dato l'opportunità di leggere questo libro e di poter entrare, per una volta, nella vita del riservato Murakami anziché nei suoi romanzi.
I segreti di Murakami


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog