Magazine Musica

I talenti di Gianni Nocenzi, di Wazza

Creato il 17 marzo 2015 da Athos56
I talenti di Gianni Nocenzi, di Wazza

Vedendo la premiazione degli Oscar, qualche giorno fa, mi si è stimolata la memoria… a una certa età capita!

La musica è anche un lieve battito d'ali.
Forse non tutti sanno che nel settembre 1988 una nostra "vecchia" conoscenza, GianniNocenzi, vinse L'Osella d'oro al Festival del cinema di Venezia, per la migliore colonna sonora, con il film "Un signore molto vecchio con delle enormi ali".Nel 1984 , dopo aver fatto parte per quindici anni del Banco Del Mutuo Soccorso, decide di lasciare il gruppo per dedicarsi con tranquillità ai propri progetti solistici - colonne sonore - e all'attività di sound-designer per l'Akai, la casa giapponese che produce pianoforti elettrici (questo signore ha campionato i suoni degli Akai Digital Piano PG5 e PG3… tanto per ricordare!).Inizia a collaborare con il regista argentino Fernando Birri, nasce un'amicizia molto bella, umanamente e professionalmente. Il film è scritto a quattro mani da Fernando Birri e Gabriel Garcia Marquez, lontano dai grandi budget, puntando su emozioni, sul linguaggio essenziale, e sulle loro capacità creative.La musica da la voce al personaggio dell'angelo, che è il protagonista della storia in maniera innovativa ed originale. L'angelo nel film di Birri non parla, e la musica doveva ricreare un'aura interna - un suo suono interiore, che era quello del suo sistema sanguigno, dei suoi sentimenti - ed un'aura esterna - il suo suono come gli altri l'avrebbero sentito, qualcosa come un battito di ali, un volo di colombe.Racconta Gianni Nocenzi in un'intervista dell'epoca: "Eravamo a Cuba, dove il governo come estremo mezzo di comunicazione in caso di attacco ha allestito una grande serie di postazioni di colombe viaggiatrici, che vengono addestrate e mantenute dai "palomeros". Ed è proprio da un "palomeros" che sono andato per campionare, con grandi difficoltà, il suono del volo delle colombe, che sarebbe diventato nel film il suono dell'angelo".I talenti di Gianni Nocenzi, di Wazza

La musica di Gianni Nocenzi è in bilico tra tecnologia e natura. Con grande libertà espressiva il musicista sfugge ai cliché dei generi e degli stili, è alla ricerca di una musica totale, che sappia unire la poesia. Crea perfettamente l'atmosfera latino-americana, i suoi suoni i suoi rumori, grazie al campionatore che consente di immagazzinare e riprodurre non solo suoni, ma ogni tipo di effetto speciale ( stiamo parlando del 1988!).Nel corso di un'intervista per un giornale dell'epoca, alla domanda/affermazione: "Il premio di Venezia, in fondo è anche il primo riconoscimento ufficiale ad una generazione di musicisti emersa dal rock in Italia, che ha molte cose da dire e grande musica da proporre ", Gianni Nocenzi rispondeva:  "Si è vero, ma allo stesso tempo chissà quanti altri Nocenzi ci sono in Italia. Speriamo che questo premio diventi uno strumento che permetta di lavorare meglio anche ad altri, che porti l'attenzione sul cinema di Birri e sulla musica che si può produrre in Italia.".Purtroppo questo non si è avverato, ed in pochi sanno di questo premio vinto, da un grande musicista italiano.La "breve", ahinoi, carriera solista di Gianni Nocenzi, portò alla luce due lavori, "Empusa - 1988" e "Soft Songs - 1993", ma questa è un'altra storia, che magari racconteremo ai più giovani, prossimamente.

Tanto per ricordarvi le nostre "eccellenze".
I talenti di Gianni Nocenzi, di Wazza

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazine