Magazine Opinioni

I tesori delle isole

Creato il 02 gennaio 2012 da Francosenia

stevenson

“Il fascino di Stevenson è assurdo e moralmente impossibile, come il fascino della tragica e astuta Shérezade. Si è elogiato il suo stile nitido, ma lo stile nitido non basta a farvi trattenere il respiro o, per assurdo (a me è successo), di rallentare e frammentare la lettura per non arrivare al momento angoscioso della conclusione.
C’è di più. Sebbene racconti delle storie che fanno stare col fiato sospeso, Stevenson è moderatamente interessato a quel che di “interessante” egli sta raccontando. Con una eleganza provocatoria, da gentiluomo e da baro, nelle prime righe dell’Isola del Tesoro Stevenson ci spiega tutto quello che accadrà nel libro che si accinge a scrivere; e noi, indifesi e drogati, lo leggiamo esattamente come se non sapessimo nulla, e ci deliziamo di ansie ingiustificate, e sprechiamo palpiti e sollievi…
Poco ci interesserebbe lo stile “nitido” di Stevenson se non si accompagnasse alla sua enigmaticità. Ma occorre precisare: egli non è enigmatico verso i lettori, ma verso se stesso… Il labirinto è la sua letizia, il suo gioco, il suo rito.
Signore dei labirinti, califfo dei giochi d’aria e di vento, Stevenson possiede la qualità esasperante e definitiva del raccontare l’indifferenza. Non conosce né terrore, né orrore, né amore, sebbene, o appunto perché, sono tutti ospiti della sua mensa quotidiana.”

Da - Giorgio Manganelli - Chi lo legge è perduto in “L’Europeo”, 31 ottobre 1980


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Uno sguardo sull’Asia: dallo stupore al disincanto

    sguardo sull’Asia: dallo stupore disincanto

    Con il passare del tempo cambia anche il modo di guardare alle cose, e certamente cambia anche ciò che si guarda. Se poi stiamo parlando di un intero... Leggere il seguito

    Da  Pietro Acquistapace
    POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Hanno rubato l'Universo

    Hanno rubato l'Universo

    Giorgio Manganelli, Centuria, Rizzoli, Milano 1979- Ehi, signore, non si preoccupi: è solo una scomparsa momentanea. Tutto tornerà alla normalità appena sarà... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il dono dei Magi – O. Henry

    dono Magi Henry

    Per Natale, assieme ai soliti auguri, un tenero raccontino… Un dollaro e ottantasette centesimi. Questo era tutto. E sessanta centesimi erano in penny. Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Encomio del Tiranno.

    Encomio Tiranno.

    (Piccolo omaggio a "Encomio del Tiranno" di Giorgio Manganelli - Adelphi 1990) C'è uno scrittore pronto a servire un editore che voglia soddisfare l'intento di... Leggere il seguito

    Da  Blogdispiccioli
    CURIOSITÀ, OPINIONI
  • La letteratura non è sacra

    letteratura sacra

    Il rapporto che ci lega alla parola scritta è molto simile alla relazione che, in quanto uomini, abbiamo con il divino. Questa relazione si fonda su un atto di... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    SOCIETÀ
  • Nei miei limiti di carne

    «Stamattina mia madre ha tentato di uccidermi: stavo chiuso nel suo ventre, e leggevo i classici. Una ustione mi ha cancellato una pagina, ha turbato i miei... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines