Magazine Cultura

I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York

Da Silviapare

I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York

Foto dal sito

La seconda sera, io e Tavia decidiamo di andare alle terme. The Imperial Spa, appena un po' fuori dal centro, sono terme coreane che rimangono aperte tutta la notte e costano 20$ (30$ dopo mezzanotte). Frequentate  perlopiù da coreani e da impiegati dei casinò alla fine della giornata lavorativa, sono un paradiso lindo e rilassante di vasche, bagni turchi alle essenze varie e saune all'argilla come quelle della foto. 
I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York
I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York

Il giorno dopo ripartiamo per visitare la parte dello Strip che ci manca. Il caldo è ancora più intenso, e gli onnipresenti profumi femminili danno ancora più fastidio. Ci sono alcune cose che a Vegas trovate dappertutto: scie di profumi violenti, da mal di testa immediato, in genere abbinati a gonnine coprinatica e tacchi vertiginosi. E poi la musica. Non si può sfuggire alla musica: altoparlanti invisibili sono piazzati ogni due metri, ovunque, dentro gli alberghi come all'aria aperta, e non c'è un istante di pausa dal pop irritante o dal crooner melenso del momento. E nei casinò il tintinnio delle slot machine è stato sostituito da uno spettrale scampanellio elettronico, che rende l'atmosfera ancora più alienante.
La prima tappa della giornata è New York. Da bravi turisti vediamo tutti i monumenti più importanti: il ponte di Brooklyn, l'Empire State Building e il Chrysler, la statua della Libertà, persino il Whitney Museum.
I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York
Lasciamo New York e arranchiamo verso un miraggio nel deserto: il castello di re Artù. L'Excalibur è praticamente la copia del castello di Disneyland, un metakitsch che va oltre ogni possibilità di immaginazione. La clientela, guarda un po', è formata da studenti di college in libera uscita, rozzi e vociferanti, fastidiosissimi, da far rimpiangere i vecchi decrepiti addormentati davanti alle slot machine. Decisamente l'albergo che mi è piaciuto di meno.
E per finire, come concludere la giornata (e la visita a Las Vegas) senza una passeggiata nell'antico Egitto? E allora ecco il Luxor, una piramide di 30 piani rivestita di vetro scuro e corredata da un obelisco alto 43 metri e da una copia della Sfinge alta 34 metri. L'albergo, che come il New York New York e l'Excalibur appartiene alla MGM Resorts International, è la prima cosa che si vede atterrando a Vegas, e di notte spara un fascio di luce che pare sia il più luminoso del mondo (qui è tutto un record mondiale. Persino il negozio di souvenir dove abbiamo comprato la palla di neve di Las Vegas - e che altro, sennò? - si chiamava "Bonanza - World's Largest Gift Shop"): "visibile dallo spazio", dicono.

I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York

Foto da Wikipedia

I ♥ Vegas/4: Terme, castelli, piramidi e... New York

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • New York weird tour

    York weird tour

    Questo post è di servizio... per me. Il prossimo agosto lascerò le mie campagne padane e, come il buon Artemio de Il ragazzo di campagna mi... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • Passione a New York

    Passione York

    "Passione", il viaggio nella musica partenopea firmato da John Turturro, sbarca a New York. Sarà proiettato per circa due settimane e incassa il temuto... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • FreeSea in New York

    FreeSea York

    Stavolta FreeSea, il nostro inviato per le strade del mondo, ci scrive dalla città della grande mela: New York. Tutti gli uomini sognano. Non pero’ allo stesso... Leggere il seguito

    Da  Maurizio Lorenzi
    CULTURA
  • I ♥ Vegas: La prima notte

    Vegas: prima notte

    The Aria HotelLas Vegas non è altro che una serie di immensi alberghi, che periodicamente vengono demoliti per fare spazio ad altri alberghi più moderni. Lo... Leggere il seguito

    Da  Silviapare
    FOTOGRAFIA, MONDO, VIAGGI
  • New York, New York

    York, York

    I’m an english man in New York, cantava Sting per mettere in risalto tutte le differenze tra la vecchia, cara Inghilterra e la moderna città americana, con i... Leggere il seguito

    Da  Delpiera
    CULTURA
  • I Green Day sorprendono New York!

    Quello che si sa è che c’è un album in programma, ma non il nome, né la data di uscita. La sera del 28 ottobre, però, Billie Joe Armstrong e il resto dei Green... Leggere il seguito

    Da  Americanbadhead
    CULTURA, MUSICA
  • Matisyahu a New York

    Matisyahu York

    No, non è un rabbino che ha fumato troppa marijuana ed ha perso il controllo, è Matisyahu. Effettivamente il look da giudeo ortodsso non è casuale ma è dovuto a... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI