Magazine Cultura

Il barone sanguinario, di Vladimir Pozner (Adelphi)

Creato il 08 novembre 2012 da Angeloricci @angeloricci
Il barone sanguinario, di Vladimir Pozner (Adelphi) Abisso narrativo, biografia maledetta di un personaggio altrettanto maledetto, resoconto di un buco nero storiografico come quello della crudele guerra civile tra rossi e bianchi nei primi anni che seguirono la Rivoluzione d’Ottobre. Tutto questo è Il barone sanguinario. Narrazione, reportage, visione, metalibro i cui i piani narrativi si (con)fondono tra la descrizione degli avvenimenti e il backstage della creazione stessa, macrocosmo letterario geopolitico e romanzesco, testimonianza d’autore e avventuroso resoconto di orribili guerre rapaci, a metà strada tra l’affabulazione ossessiva alla Jack London e l’analisi onirica e occulta alla Ferdynand Ossendowsky.
Il barone sanguinario è uno di quei testi che contribuiscono in modo determinante a far luce sulle pieghe più oscure e dimenticate della storia mondiale, su avvenimenti che spesso sono obliati dalla descrizione del divenire della nostra contemporaneità. Atmosfere in penombra, confuse nella Parigi tra le due guerre mondiali, luoghi di ricerche affannose che Vladimir Pozner frequenta nella investigazione dei fatti che, confusi tra ricordi di aristocratici decaduti e ufficiali zaristi sopravvissuti alla marea bolscevica in un esilio da tassisti, portano all’inseguimento della figura del barone Roman von Ungern-Sternberg, fantasma di cui si sono perse le tracce, incarnazione demoniaca di efferatezze belliche e scontri titanici fra ideologie, avvenuti in un passato che, pur recente, incarna la tragicità di massacri e battaglie eterne, accaduti in quei luoghi, tra Tibet, Caucaso e Cina, che hanno il potere di rivisitare quei confronti senza tempo che tanto hanno contribuito alla creazione dei miti guenoniani e occulti. Come un missionario inviato in partibus infidelium Vladimir Pozner porta avanti la sua ricerca, giungendo alla creazione di un testo che unisce in modo mirabile la particolarità storica e il fascino narrativo. Se i libri sono un universo e, come ogni universo, sono uniti da misteriose assonanze, non stupirà il fatto che del barone von Ungern-Sternberg si fa menzione in Limonov, altro testo maledetto e inquietante. E se ogni universo ha un artefice, Adelphi è senz’altro l’artefice di un universo letterario. Un libro.
Il barone sanguinario, di Vladimir Pozner (Adelphi). 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines