Magazine Cultura

Il Blocco dello scrittore

Creato il 01 febbraio 2011 da Gloutchov

Temuto da tutti coloro che scrivono, il blocco dello scrittore può diventare un terribile dilemma a cui difficilmente si riesce a uscire. Il foglio bianco spaventa, fa venire i sudori freddi, induce a passare le notti in bianco... è il demone peggiore che non conosce sconfitta, o per lo meno, che non conosce una ricetta sicura per essere sconfitto.
Margaret Atwood ci viene però in soccorso con un decalogo che può condurci a vedere la luce, l'ho trovato qui, sul blog di Lara Manni e... ve lo ripropongo qui sotto, perché sicuramente anche voi vorrete farne tesoro.

  1. Uscite a fare una passeggiata, fate il bucato, o mettetevi a stirare, o piantate dei chiodi. Andate a fare una nuotata in piscina, fate uno sport, qualunque cosa che richieda concentrazione e comporti una ripetuta attività fisica. Al limite: fate una bella doccia, o un bel bagno.
  2. Prendete in mano il libro che rimandavate da tempo.
  3. Scrivete, ma in qualche altra forma: anche una lettera, o una pagina di diario, o la lista della spesa. Lasciate che quelle parole fluiscano attraverso le vostre dita.
  4. Formulate con precisione il vostro problema, e quindi andatevene a dormire. Il mattino dopo potreste avere la risposta.
  5. Mangiate del cioccolato. Non troppo. Deve essere scuro (almeno il 60% o più di cacao), organico, biologico.
  6. Se state scrivendo fiction: cambiate il tempo verbale (dal passato al presente, o viceversa).
  7. Cambiate la persona (prima, seconda, terza).
  8. Cambiate il genere (maschile/femminile).
  9. Pensate al vostro libro in progress come a un labirinto. Avete incontrato un muro. Tornate al punto dove avete sbagliato direzione e ripartite da lì.
  10. Non siate arrabbiati con voi stessi. Fatevi, anzi, un piccolo regalo di incoraggiamento.


E come dice la stessa Lara, se nessuno di questi consigli fa effetto o funziona, mettete il libro in un cassetto. Potrete sempre tornarci su più avanti. E iniziate qualcosa d’altro.
Se poi non vi fidare di questi consigli... esiste anche un manuale. E' stato scritto nel lontano 1973 ma... potete scaricarlo gratis. Tutte le informazioni sul manuale le potete trovare cliccando qui.
(l'elenco delle lezioncine di scrittura pubblicate fino ad oggi lo trovate qui).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il blocco dello scrittore

    blocco dello scrittore

    Foto di photolupi Ho il blocco dello scrittore. O meglio, del blogger. E' una cosa che può capitare, un po' come quando viene l'influenza, anche se si presenta... Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    CULTURA
  • Il Re, il Mago e il Bambino

    Mago Bambino

    C'era una volta un Reprigioniero del suo castellovestiva fili di ragnosognava cavalli di stagno.Se questo Re tu incontriti può sembrare strano!Sorridi e parla... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il Festival

    Festival

    Con sessantuno edizioni a quest’anno, Sanremo può essere considerato il Festival per eccellenza. Odiato da molti, atteso da pochi altri, continua a far... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il fio

    Dammi spazio di vita, dammi, o Giove, molti anni, questo con la faccia normale e tranquilla, questo solo tu preghi di ottenere anche quando sei pallido in volto... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il trasparente

    trasparente

    Uno che finge, come un commediante, che finge una parte, poniamo di re, mentre è un povero straccione. Che c’è di male in questo? Niente. Dovere! Professione!... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il grinta

    grinta

    C'era una volta una ragazzina che perde il papà, ucciso da un poco di buono. La bambina si arma di forza e di coraggio...e poi di un'arma vera. La vendetta non... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Il Gusto

    Gusto

    Lo ammetto! Il Gusto è uno dei miei sensi preferiti. Non a caso ho scritto spesso storie ambientate in osterie, oppure legate al cibo e ai suoi sapori. Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA

Magazine