Magazine Cultura

Il bluff del #jobsact

Creato il 18 marzo 2016 da Nuoviocchi @nuoviocchi
IL BLUFF DEL #JOBSACT «È una giornata storica, un giorno atteso per molti anni da un’intera generazione che ha visto la politica fare la guerra ai precari ma non al precariato: superiamo l’articolo 18 e i co.co.co., nessuno sarà più lasciato solo, ci saranno più tutele per chi perde il posto e parole come mutuo, ferie, diritti e buonuscita entrano nel vocabolario di una generazione che ne era stata esclusa» Le parole pronunciate da Matteo Renzi, presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana dal 22 febbraio 2014, al via libera dei primi due degli otto decreti attuativi del Jobs Act, suonano come autentica propaganda. Risultavano tali già durante la conferenza stampa nella quale sono state pronunciate, e lo risultano ancora più chiaramente oggi, mentre la nuova legge sul lavoro dispiega i suoi effetti. Lo diciamo subito: il precariato è la regola, i contratti capestro sono ancora facilmente applicabili grazie alle mille deroghe inserite nei decreti, la cassa integrazione non è più per tutti gli ex dipendenti, la concessione di un mutuo è quasi del tutto esclusa con un contratto a tutele crescenti - che in quanto tale non garantisce la continuità del reddito - i diritti sono stati calpestati alla luce del sole e sacrificati sull’altare della convenienza delle aziende.  «Abbiamo tolto ogni alibi a chi dice che in Italia non ci sono le condizioni per assumere» ha concluso quel giorno il Premier, presupponendo che farsi carico a livello pubblico di sgravi fiscali che non garantiscono il mantenimento del posto di lavoro sia una buona idea. In questa farsa al rilancio economico della Penisola, a fare le spese della situazione sono i lavoratori. Al dipendente viene lasciata la facoltà di rivolgersi al giudice per poter accedere, in caso di licenziamento “ingiustificato”, a un risarcimento in denaro - con tutto quello che comporta in termini di tempi, opportunità e rischi. Una cifra comunque prefissata, e in ogni caso ben inferiore al valore degli sgravi fiscali di cui le aziende godono al momento dell’assunzione. I conti tornano insomma, per le aziende. Per i lavoratori e per lo Stato stesso, invece, non tornano affatto. Sommario: Introduzione
La genesi del furto
La mannaia di Fornero
Le modifiche e le (finte) lotte parlamentari
Cos’è cambiato sul serio
I co.co.co. ci sono ancora, eccome
E ora un po’ di conti
Prime assunzioni (e primi licenziamenti)
Non si tratta di nuova occupazione
How-To lavoratori: come difendersi
Note
Bibliografia
LINK PER L'ACQUISTO:
EPUB E PDF €2,50
KINDLE €2.99

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il senso del taccuino.

    senso taccuino.

    Domani, sabato, nel Senso del taccuino sulla Regione: "Due che si guardano". Qui di seguito il (consueto) estratto: Un campo. Non dritto: ondulato. Come il mare... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Il libro del destino

    libro destino

    E se un libro potesse cambiare il corso della Storia? Non avrebbe dovuto accettare la sfida, ma ormai è troppo tardi. Terrorizzato, il bambino solleva lo sguard... Leggere il seguito

    Da  Fedetronconi
    CULTURA, LIBRI
  • Il Nido del Ragno

    Nido Ragno

    Con ottobre cercherò, al solito, di spostare i post di Plutonia più sull’horror. Il genere offre, come sempre, moltissimi spunti di discussione, tra film, libri... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA, LIBRI
  • Il senso del taccuino.

    senso taccuino.

    (c) 2015 weast productionsDomani, sabato, nel Senso del taccuino sulla Regione: "Come cani randagi". Qui di seguito il (consueto) estratto:Il mondo è fatto di... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Il sesso del capitalismo

    sesso capitalismo

    Secondo tutte le statistiche da trent’anni a questa parte la mobilità sociale nei Paesi occidentali, quella che in sostanza è stata all’origine della sua... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Iran, ecco impegni, bluff e propaganda nell’accordo sul nucleare

    (Articolo su Formiche)Domenica scorsa è iniziato “uno dei più grandi e complessi progetti di smantellamento nucleare della storia” (così l’ha definito il... Leggere il seguito

    Da  Danemblog
    SOCIETÀ
  • Il funerale del rame

    funerale rame

    Durante i bei tempi passati, quando le banche centrali non manipolavano i mercati mondiali, il rame era un indicatore importante dell'andamento dell'economia... Leggere il seguito

    Da  Metallirari
    ECONOMIA, INVESTIMENTI, SOCIETÀ

Magazines