Magazine Attualità

Il carnevale di Mamoiada, un corteo antichissimo e malinconico. Mamuthones e Sokadores

Creato il 08 gennaio 2012 da Yellowflate @yellowflate
Il carnevale di Mamoiada, un corteo antichissimo e malinconico. Mamuthones e Sokadores

foto profilo FB Emanuele Secci

Le maschere più caratteristiche del Carnevale barbaricino sono senz’altro i Mamuthones e i Sokadores a Mamoiada, i Merdules-Boes ad Oltana e i Thurpos a Orotelli.

Is Mamuthones (le bestie) e is sokadores (gli uomini) di Mamoiada sono maschere che, per simbologia espressa nella pantomima carnevalesca, appaiono come un‘autoironia grottesca compiuta dagli stessi pastori, sulla loro condizione di vita quotidiana.

Is mamuthones indossano:  un fazzoletto del vestiario femminile, avvolto intorno al capo sopra la berretta sarda, quasi un turbante, un corpetto rosso, la camicia e i calzoni bianchi, le sopracalze e il gonnellino di lana del vestiario maschile; sulle spalle vestono un pelle di montone al rovescio col pelo all’interno. Il mamuthone porta una trentina di campanacci legata sul dorso e una collana di sonagli più piccoli e leggeri, appesi al collo. La sua maschera di legno ha una smorfia tragica.E’ un volto duro e triste di chi, vinto, è caduto in schiavitù.

Contrapposti ai vinti stanno i vincitori, gli 8 sokatores, i portatori di soca, una fune fatta di giunco, che nella realtà è di cuoio e serve per trascinare le bestie. Il vestito degli is socadores, che non portano nè maschera nè sonagli, è del tutto diverso da quello dei mainuthones: berretta con nastri, larghi pantaloni e camicia di tela, bianchissimi con sfumature azzurrine, il corpetto del vestiario maschile o quello variamente colorato del vestiario femminile e infine uno scialle multicolore attorcigliato alla cintura.

La sfilata è una cerimonia solenne, ordinata come una processione e allo stesso

Il carnevale di Mamoiada, un corteo antichissimo e malinconico. Mamuthones e Sokadores

foto profilo FB Emanuele Secci

tempo è una danza. Essa si muove lentissimamente, in modo non uniforme perché diversi ma non discordanti sono il passo dei mamuthones e quello degli is socadores. I primi procedono con passi pesantissimi, come se avessero catene ai piedi, curvi sotto il peso dei campanacci e delle vesti di lana grezza e della maschera . Danno tutti un colpo di spalla a destra, che corrisponde all’avanzare del piede sinistro, seguito immediatamente da un colpo a sinistra, corrispondente all’avanzare del piede destro. Questo movimento in due tempi, eseguito in perfetta sincronia, corrisponde ad un unico squillo di campanacci. Ogni tanto le maschere eseguono, a tempo misurato, un certo numero di rapidi salti .

Is socadores, al contrario, si muovono con passi e balzi più agili e più sciolti, ma sempre misurati e con il procedere dei loro compagni; poi d’improvviso, gettano il laccio fulmineamente: legano alla vita e tirano a loro, come un prigioniero, qualche spettatore.

Nel corteo entrambe le maschere, vinti e vincitori, mamuthones e sokadores, sono posti secondo una struttura e una logica: i sokadores, che rappresentano

Il carnevale di Mamoiada, un corteo antichissimo e malinconico. Mamuthones e Sokadores

foto profilo FB Emanuele Secci

gli uomini, proteggono i mamuthones, le greggi, gli animali. In testa e in coda alla fila ci sono rispettivamente due issokadores, mentre gli altri quattro, distribuiti due per lato, affiancano il corteo dei mamuthones. Il coinvolgimento del pubblico viene realizzato tramite l’azione degli is sokadores; essi catturano al laccio una o più persone per volta. I malcapitati per essere liberati dovranno offrire da  bere.

Per tutti i presenti, a fine sfilata, un piatto di fave con il lerdo, dolci tipici e un buon bicchiere di vino locale.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il paracadute

    paracadute

    A quanto pare Francia e Germania hanno deciso di commissariare l’Italia. Un imperativo è arrivato, “dovete chiudere in pari il bilancio almeno nel 2013” e... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • Il Dono

    Dono

    di Iannozzi GiuseppeIo, la Strega e Freda Cinzia, che è un po’ strega; che è un po’ come una seconda mamma: che è Amica insostituibileLa mia bimba mi ha... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA
  • Il Cardamomo

    Cardamomo

    Si ritiene che il cardamomo aumenti sia l'appetito sessuale che quello alimentare. Spezia di origini orientali trova un largo utilizzo in cucina, ma anche come... Leggere il seguito

    Da  Anginapectoris
    CUCINA, EROTISMO, SESSUALITÀ
  • Il maniaco

    maniaco

    Il maniaco di Iannozzi Giuseppe L’altro giorno son passato davanti alla Santa, sì proprio davanti alla Santa R*** dei miracoli impossibili, e m’ha sorriso; son... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA
  • Il tacchino.

    C'era un tempo in cui il mangiare era un oggetto del desiderio, una cosa di cui si raccontava in termini favolistici rispetto alle ristrettezze di un presente... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • Il poeta

    poeta

    C'erain lei quella stupida idea di voler scrivere. Sempre e comunque.Potevaignorare il suo istinto, ma non voleva. Sarebbe stato come decideredi non respirare,... Leggere il seguito

    Da  Giulietta88
    TALENTI
  • Il truffacuori

    truffacuori

    Un film di Pascal Chaumeil. Con Romain Duris, Vanessa Paradis, Julie Ferrier, François Damiens, Helena Noguerra. Titolo originale L’arnacoeur. Commedia, durata... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    PASSIONE MOTORI, DA CLASSIFICARE

Dossier Paperblog

Magazine