Magazine Viaggi

Il Catinaccio (Trentino Alto Adige)

Creato il 27 aprile 2010 da Fabiocasa
Il Catinaccio (Trentino Alto Adige) In questa fotografia il gruppo del Catinaccio all'alba visto dal lato meridionale del lago di Carezza. Il lago dista pochi km dal gruppo. Il Catinaccio malgrado disti più di venti kilometri, domina l'orizzonte orientale di Bolzano, ed è ben visibile oltre che dalla Val d'Ega anche dalla Val di Fassa dove si trovano più di dieci rifugi che vengono usati come base di partenza per le ascensioni alle vette del gruppo.
Il Catinaccio (Trentino Alto Adige)
In questa fotografia il gruppo del Catinaccio come si presenta dal valico di Costalunga lungo la strada che conduce al passo Nigra, via d'accesso alla Val di Tires. La parte visibile in questa fotografia si riferisce alla Roda di Vaèl che sbuca tra le nuvole dietro un campo di bucaneve. Dal passo di Costalunga è raggiungibile il rifugio Paolina a circa 2100 m aperto durante tutta la stagione invernale e da giugno ad ottobre. In questa fotografia il gruppo del Catinaccio visto dalla Val di Tires avvolto nelle nuvole di primo mattino.Il Catinaccio (Trentino Alto Adige) Sull'estrema sinistra del gruppo sono visibili le torri del Vajolet; sono sei guglie che si ergono al centro del gruppo dolomitico del Catinaccio (in tedesco Rosengarten in virtù della colorazione rosastra che assume al tramonto; il fenomeno è conosciuto come enrosadira in ladino che significa appunto diventare color rosa).

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine