Magazine Cultura

Il chiaro di luna di Beethoven

Creato il 02 ottobre 2013 da Dino Licci

Uno dei regali più belli che si possa fare a un amico,  credo sia quello di introdurlo all’ascolto della musica classica. Ascoltare Chopin o Mozart o Bach,  non significa solo regalare alla mente momenti di estasi e inebriante poesia, ma anche aprire una finestra sul mondo della fantasia, a volte gioioso, a volte cupo, ma sempre pervaso da quella capacità astrattiva, che ci fa sentire uomini nella nostra essenza più vera e più vicina al concetto di Dio. Io non so niente di spartiti, né di rigide regole matematiche che regolano un pentagramma musicale,  ma capto il messaggio insito in quei brani che contengono, al loro interno, tutto il travaglio di una vita, la malinconica rassegnazione di non saper sciogliere l’enigma, l’estasi contemplativa della natura in tutto il suo sfolgorante splendore o  la struggente atmosfera di una notte di luna, quando ci rintaniamo in noi stessi  e godiamo serenamente  la nostra  rassegnata solitudine. Così Beethoven in quel capolavoro noto in tutto il mondo col nome di “Chiaro di luna”, ci trascina in un  idilliaco paesaggio notturno, quando tutto è silenzio, “quasi una fantasia” e ci accompagna,   con un suono melodioso ed altalenante di  vibrante  emozione,  in un’atmosfera meditativa di amara dolcezza, quasi un consiglio amichevole di accettare serenamente  il nostro umano percorso,  il nostro incerto,  nebuloso destino.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mio, il vostro, il nostro...Kaos

    mio, vostro, nostro...Kaos

    Dopo gli ultimi e passati eventi politico-economici l'unica possibilità è contattare #PadreAmorth e tentare un esorcismo di massa. Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • Messiaen, Dvořák e Beethoven: Poesia, Nazionalismo e Destino

    Messiaen, Dvořák Beethoven: Poesia, Nazionalismo Destino

    Francesca Barnabà 24 aprile 2013 «La meditazione è un lavoro della mente per riscaldare il cuore». Con Les Offrandes oubliées di Olivier Messiaen, eseguita... Leggere il seguito

    Da  Dietrolequinte
    CULTURA, MUSICA
  • Il sospetto

    sospetto

    Regia: Thomas VinterbergOrigine: DanimarcaAnno: 2012Durata: 115'La trama (con parole mie): Lucas ha quarantadue anni, è divorziato e lavora in un asilo,... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il cecchino

    cecchino

    Regia: Michele PlacidoOrigine: Italia, Francia, BelgioAnno: 2012Durata: 89'La trama (con parole mie): Vincent Kaminski, cecchino formidabile ed ex membro delle... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il rivoluzionario

    rivoluzionario

    Valerio Varesi Il Rivoluzionario Ed: Frassinelli. Nelle librerie dal gennaio 2013. L’autore riporta con dovizia dell’analisi storica, le vicissitudini di Oscar... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • Il Magnetofono - Il Magnetofono

    Magnetofono

    Il Magnetofono – Il Magnetofono - Un Disco Di Qualità Che Non Mostra Alcuna Sbavatura - Il Magnetofono Records l; ... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    CULTURA
  • Il nuotatore

    nuotatore

    Il mare è calmo… solo attimi, altre agitato, altre ancora tempestoso, il nuotatore non può far altro che nuotare anche se con fatica e sofferenza, non può... Leggere il seguito

    Da  Drmazzani
    PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE, STORIA E FILOSOFIA