Magazine Viaggi

Il cielo sopra Grottaminarda- Pellegrinaggio forzoso

Creato il 29 luglio 2010 da Sogniebisogni

Il cielo sopra Grottaminarda- Pellegrinaggio forzoso

Non bisognerebbe mai accettare a gennaio di fare cose per luglio. In inverno uno non riesce neppure a immaginare il caldo, lo stress, i bollini neri sulle autostrade. Oppure li immagina, ma li sente emotivamente lontani. Cose che riviviamo ogni anno, ma per fallacia umana dimentichiamo subito, lamentandoci come sempre quando ci arrivano addosso tutte in un colpo. Ecco perché ho incautamente accettato di intervenire alla Conferenza sul Destino che si tiene nel microscopico paese di Bovino, nella sub regione pugliese della Daunia. Passo e ripasso da quei posti in autostrada eppure non ho mai trovato modo di fermarmici. Anzi quando ci passo arriva sempre il classico pensiero di uomo di pianura inurbato da vent’anni: «Ma come faranno a vivere in questi posti?» Quindi a gennaio ho pensato: «Quale migliore opportunita?» Ma avevo fatto i conti senza l'oste della bella stagione. Non solo il traffico impazza sulle strade e mi trovo a dover affrontare un trasloco selvaggio, ma per giunta Bovino e l’intera Daunia sono messi a sacco dai congressisti della Conferenza sul Destino. L’ho scoperto quasi con rassegnazione dopo una decina di telefonate a numeri pescati casualmente da internet. E ho deciso di fermarmi in Irpinia. A Grottaminarda. Da qui la Daunia è a pochi chilometri che percorrerò decisamente domani. Per adesso, munito solo di una pennetta Wind mal funzionante, sono rintanato in un alberghetto usato dai pellegrini che si recano nei luoghi di Padre Pio, da Pietrelcina, che è qui vicino, a San Giovanni Rotondo, in Puglia. Se non altro costa poco ed è vicino alla strada che devo percorrere domani. Di Grottaminarda sapevo solo che quando ci passo ci piove sempre e tira vento e in effetti anche a fine luglio la temperatura è piuttosto fresca (siamo a 700 metri di altitudine). Quando da bambino ci passavo con mio padre lui mi diceva sempre che era uno dei tratti più difficili dell’autostrada. Ora so che è un paese carino, ben tenuto, con parecchi edifici pubblici stile cucine componibili dell’Ikea, probabilmente costruiti dopo il terremoto dell’80. Altro mai non saprò perché la gente sembra piuttosto chiusa, anche estorcere al barista un indirizzo dove comprare il Taurasi è stata tutta una storia di balbettii e tenaglie. Forse si vede che non sono un pellegrino. Domani conoscerò di persona sia la Daunia sia chi è stato così folle da organizzare qui una conferenza sul Destino. Restate collegati!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Cairo

    Cairo

    Orde di bambini alla fine delle scuole, una marea di gatti pulciosi, hijab indossati come da noi si vota Lega, volti perfetti per un film di Fellini, Ritmo,... Leggere il seguito

    Da  Faustotazzi
    VIAGGI
  • Il cappellaio

    cappellaio

    Ispirata dal trailer di Alice in Wonderland che ho visto venerdì scorso al cinema, ecco che mi accingo ad andare a rimpinguare le fila delle professioni del... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, CURIOSITÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il Velocipede

    Velocipede

    Per la nostra rubrica dei mezzi di trasporto, oggi parleremo del velocipede.Inizialmente, devo confessare, volevo aggiungerlo alla lista degli "oggetti... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, CURIOSITÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • Il tappetino

    Proprio oggi ho letto un post della mia amica panzallaria che dice come ci siano dei momenti in cui un genitore sclera e vorrebbe avere un pò di pace, cosa che... Leggere il seguito

    Da  Laconiglia
    BAMBINI, DIARIO PERSONALE, FAMIGLIA, TALENTI
  • Il profeta

    profeta

    regia di Jacques Audiard recensione di Nickoftime del 12-6-2009La scelta di ambientare una storia all’interno del carcere dove il protagonista (Malik) viene... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Il concerto

    concerto

    Trent’anni dopo, l’inaspettato riscatto di un torto subìto. Prima c’era stato il successo internazionale, la caduta, il dimenticatoio di una vita degradata... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    CINEMA, CULTURA
  • Il Persico

    Dopo una lunga pausa, rieccomi con un nuovo ex-emplare pescato dal personale acquario di una mia amica. Dico “acquario” non a caso visto che l’ho classificato... Leggere il seguito

    Da  Lindaluna
    PER LEI

Dossier Paperblog

Magazine