Magazine Cinema

Il cigno nero

Creato il 23 febbraio 2011 da Valentinaariete @valentinaariete
Il cigno nero
Il gesto che si fa musica, il corpo che diventa spirito: la danza è l'arte di trasformare la materia in qualcosa di inafferrabile ed irripetibile. Massima espressione del corpo umano, la danza ha in sé qualcosa di antico ed immortale, è arte in movimento, è bellezza sublimata in gesti che durano lo splendore di un attimo. Per ottenere quelle linee perfette, per poter dare corpo alla musica ed emozionare muovendo con grazia ogni singolo muscolo, i ballerini, ed in particolare i danzatori classici, affrontano una vita di sacrifici, rinunce, rigore, sforzi quotidiani: fin da piccolissimi imparano a fare della propria vita un allenamento continuo, abbracciano una disciplina che non finisce una volta abbandonata la sala piena di specchi, ma che avvolge tutta la loro esistenza. Il lavoro sul corpo che cambia, muta e si piega ai movimenti innaturali della danza, è quello più visibile, ma allo stesso tempo si compie anche un lavoro parallelo sulla mente: vivere sempre sotto i riflettori, brillare della luce della propria arte, lavorare duramente per raggiungere la perfezione di gesti che muoiono nello stesso momento in cui sono compiuti. C'è della follia in questo. Una follia che si può definire “sacro fuoco”, ambizione, destino. E' facile capire come mai Aronofsky sia rimasto affascinato dalla vita allo stesso tempo privilegiata e folle dei ballerini classici.

La sua Nina, ballerina giovane e piena di speranze, è il perfetto simbolo della bellezza: inconsapevole di sé, votata al raggiungimento della perfezione, luminosa ed eterea. Tutti ne sono attratti, tutti ne vogliono un pezzo: ma la bellezza ha il suo fine in se stessa, non può essere ingabbiata, perché quando questo succede sfiorisce come una rosa che dura lo spazio di un mattino. E Nina è proprio come una candida rosa che tutti vorrebbero, più o meno inconsciamente, intaccare: vediamo così che la madre, un'angosciante Barbara Hershey, la plasma a sua immagine e somiglianza, il coreografo Thomas, l'ambiguo e senza scrupoli Vincent Cassell, la vorrebbe più sensuale e diversa, la rivale Lily, la provocante Mila Kunis, la mette in discussione e la precedente stella del New York City Ballet, la quasi irriconoscibile Winona Ryder, la vorrebbe distruggere perché possiede quello che lei ha perso. La candida Nina si trova schiacciata in questo turbinio di aspirazioni, invidie, tensioni e desideri frustrati: la sua mente semplice da bambina tenuta sotto una campana di vetro si scontra con la sensualità della donna adulta, con la sua voglia di conoscere anche i lati più oscuri e torbidi della vita e soprattutto di se stessa. Un dualismo perfettamente incarnato dal personaggio principale del Lago dei cigni: il bellissimo e puro cigno bianco opposto al malvagio e sensuale cigno nero, un contrasto mitico ed immortale, reso alla perfezione dalla continua frammentazione di Nina in immagini riflesse da decine di specchi, che la ritraggono sempre diversa, illuminata soltanto da luci artificiali.Al ritmo della splendida musica di Tchaikovsky, Nina si perde in un mondo inesistente, fatto di ombre ed allucinazioni, in cui il corpo, la mente e il cuore si confondono e mutano, in cui non c'è più giusto o sbagliato e a contare è solo la perfezione, irraggiungibile e sfiancante. Natalie Portman, bellissima e mai brava come in questo film, nel ruolo di Nina si trasforma sotto i nostri occhi, seguita senza tregua dall'occhio del regista, che ci mostra il suo corpo in ogni dettaglio, spogliandolo ad ogni riflesso, facendoci sentire gli scricchiolii di ogni articolazione, mettendo a nudo i sogni e gli incubi di una ragazza che è il simbolo della bellezza, una bellezza umana e corporea, che per sua natura non può essere perfetta, se non ad un prezzo molto alto.Nello stupendo finale, in un crescendo di follia e bravura, Nina, e noi con lei, possiamo fare quel salto misterioso e stupefacente che solo l'arte può compiere.Il cigno neroNatalie PortmanLa citazione: "Perfetto...era perfetto".
Hearting/Cuorometro: ♥♥♥♥♥
Titolo originale: Black SwanRegia: Darren AronofskyAnno: 2010Cast: Natalie Portman, Vincent Cassell, Mila Kunis, Barbara Hershey, Winona Ryder


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il grande sonno

    grande sonno

    Vivian Sternwood: Lei pensa sempre di poter trattare le persone come foche ammaestrate? Marlowe: E in genere mi obbediscono. Generale Sternwood: Ama le orchidee... Leggere il seguito

    Da  Ncrcinema
    CINEMA, CULTURA
  • “Il rifugio”

    rifugio”

    2009: Le refuge di Francois Ozon Più amato in patria che all’estero, il regista è noto per la sua poliedricità e per dividere i critici. Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il prossimo tuo

    prossimo

    Roma, Parigi, Helsinki. Tre città europee sedi di tre storie differenti che s’incrociano e sovrappongono.Eeva (Laura Malmivaara) è una hostess di terra che... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Cut – il tagliagole

    tagliagole

    Di Kimble Rendall. Con Molly Ringwald, Jessica Napier, Kylie Minogue. AUSTRALIA/2000/MHE Ah, quei marpioni della Mondo Home Entertainment. Leggere il seguito

    Da  Pellicoledallabisso
    CINEMA, CULTURA
  • Il dono

    dono

    (2003), primo lungometraggio di Michelangelo Frammartino, è un film che lo spettatore costruisce da sé attraverso degli indizi. Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • il grinta

    grinta

    TRUE GRIT (Usa 2010) Il cinema dei fratelli Coen sta all’America tutta (ma in particolare all’America piccola, di provincia) come quello di Martin Scorsese sta ... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Il dilemma

    dilemma

    Vi è un'immagine emblematica della vicenda del protagonista Vince Vaughn e della sua condizione di discesa verso un progressivo senso di perdita... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA