Magazine Cinema

Il cinema in bianco e nero #1

Creato il 10 giugno 2015 da Monica @lovedlens
Con l'estate le sale cinematografiche si svuotano perciò, che siate grandi appassionati di cinema oppure no, poco importa: il cinema all'aperto rappresenta una valida alternativa e soprattutto permette di recuperare pellicole che per un motivo o l'altro non siete ancora riusciti a vedere. Ma si sa, certe volte il caldo gioca brutti scherzi e non sempre si ha voglia di uscire di casa. Questo non significa però dover rinunciare al piacere di vedere un bel film, magari seduti comodamente sulla sedia a sdraio sul balcone o in giardino, sorseggiando qualcosa di fresco, con le stelle e la luna a far da sfondo. 
Può sembrar strano ma nella mia lista di film da vedere c'era (tra i tanti) un grande classico della commedia americana, uno di quei film che ogni cinefilo che si rispetti ha visto più volte e che tutti, almeno una volta, dovrebbero vedere. Sto parlando di A qualcuno piace caldo.
Il cinema in bianco e nero #1
Commedia del 1959 con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon, ambientata nella Chicago del proibizionismo, A qualcuno piace caldo racconta la storia di due sonatori d'orchestra, Joe (Josephine) e Jerry (Daphne) che, testimoni della strage di San Valentino per opera di Al Capone, per salvarsi dai gangster decidono di travestirsi da donna e di entrare a far parte di una compagnia musicale composta da sole donne. Qui incontrano la bella Sugar, cantante e suonatrice di ukulele, in cerca di un milionario da sposare. 
Ispirato ad un fatto realmente accaduto, questo film oltre ad aver vinto un Oscar e tre Golden Globe, nel 2000 è stato inserito dall'American Film Institute al primo posto della classifica delle migliori  cento commedie statunitensi. E se rimane tanto apprezzato e amato dopo tutti questi anni un motivo c'è:  è la commedia perfetta!Battute esilaranti e scene davvero divertenti, il ritmo della pellicola è sostenuto, non ci sono punti morti ma chi davvero non potrete fare a meno di amare è Jack Lemmon, il vero mattatore della pellicola: istrionico ed esilarante, riesce a rubare i riflettori a tutti persino a Marilyn, bravissima nei panni di una ragazza tanto sensuale quanto ingenua che vuole solo trovare il grande amore ... meglio se milionario, ovviamente. 
Da non dimenticare però anche le interpretazioni dei personaggi secondari che contribuiscono (e non poco) a rendere questa pellicola indimenticabile, primo tra tutti il multi milionario Osgood Fielding III, interpretato da Joe E. Brown, al quale viene affidata una delle battute del film ormai entrate nella storia del cinema: 
«Daphne: Osgood, voglio essere leale con te: non possiamo sposarci affatto.Osgood: Perché no?
Daphne: Beh, in primo luogo io non sono una bionda naturale ...
Osgood: Non m'importa.
Daphne: ... e fumo, fumo come un turco...
Osgood: Non m'interessa.
Daphne: Ho un passato burrascoso: per più di tre anni ho vissuto con un sassofonista.
Osgood: Ti perdono.
Daphne: Non potrò mai avere bambini...
Osgood: Ne adotteremo un po'.
Daphne: Ma non capisci proprio niente Osgood! Sono un uomo!
Osgood: Beh, nessuno è perfetto».
Insomma, se siete in cerca di un film davvero divertente e pungente allo stesso tempo, se avete voglia di passare una serata in assoluta allegria e spensieratezza, se avete voglia di recuperare qualche grande classico e di ascoltare una delle canzoni più famose del cinema americano (I Wanna Be loved by you)  questo è decisamente il film giusto per voi! 

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines